social drinking

Droga e discoteche, ragazzi mi rivolgo direttamente a voi: ecco cosa succede veramente!


Ragazzi, mi rivolgo direttamente a voi, so che ci seguite in tanti e che leggete queste parole, perché non è vero che voi non leggete e non vi informate, non ne potete più delle solite frasi trite e ritrite e delle paternali che non fanno altro che dirvi dalla scuola, ai mass media: “NON fate, NON dite ecc…” . Stanno morendo troppi di voi per via di mix letali di alcol e droghe, troppe intossicazioni alcoliche e collassi che vi portano a stare male. Oggi non lo vedete, ma determinate droghe, soprattutto quelle chimiche, dentro bruciano le cellule del cervello e distruggono in maniera irreversibile i vostri organi. Significa che per sgarrare oggi, vi state distruggendo un pezzo di voi, che domani non funzionerà o funzionerà male. Questo non significa che non vi dovete divertire, che non dovete andare in discoteca, lo sapete perfettamente che gira molta più droga fuori dalle discoteche che dentro, e che le istituzioni, questo, non lo vogliono capire. Ragazzi però, non chiedete al vostro corpo troppo, non portatelo al limite, divertirsi è una cosa, uccidersi è un’altra. Non fate quello che fanno gli altri, non fate fesserie solo perché le fanno anche gli altri, non è così che si deve essere accettati dal gruppo, fate solo quello che ritenete opportuno. Ricordatevi una cosa importante, il corpo non sempre reagisce allo stesso modo, magari un giorno provi e stai bene e non succede niente, ma un altro giorno sei stanco, hai le difese più basse e quella piccola pastiglia si trasforma nel tuo assassino. Lavoro tutti i giorni con adolescenti e giovani e ho visto ragazzi con il cervello “bruciato”, ho visto ragazzi che non torneranno più indietro, ne ho visti altri che ce l’hanno fatta, ma nessuno di loro mi ha detto mai che ne valeva la pena. Attenti poi, sta girando tanto di quello schifo, che voi non ve ne rendete conto. Tutta droga a cui hanno aggiunto ogni tipo di schifezza e sostanza chimica, pur di guadagnarci sulle vostre spalle. Chiudono le discoteche, ma questa gente, ragazzi, è sempre in giro, pronta a vendervi queste schifezze e ad arricchirsi sulla vostra salute. Non prendete quella roba, questa gente non guarda in faccia a nessuno e non li trovate solo nelle discoteche, ma in giro, nelle strade, nei pub, nei bar, nelle case, dove tutti vanno, dove tutti sanno e nessuno parla. La vita è una, ragazzi, dovete ancora ridere, piangere, innamorarvi, fare l’amore, studiare, litigare con i vostri genitori, in poche parole VIVERE. La vita vale di più di una pasticca, fate le cose con la testa e non superate mai i vostri limiti, divertirsi non significa uccidersi.

 

di Maura Manca, Psicoterapeuta

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *