Osservatorio


L’OSSERVATORIO E’ ANCHE UNO STRUMENTO CHE ANNO DOPO ANNO MONITORA GLI ADOLESCENTI ITALIANI

 

Per compilare il QUESTIONARIO clicca sul LINK relativo alla scuola che frequenti (MEDIA O SUPERIORE), INSERISCI LA PASSWORD e SEGUI LE ISTRUZIONI, ci vorranno solo pochi minuti del tuo tempo. GRAZIE!

TEST  VERSIONE SCUOLA SUPERIORE (SECONDARIA DI SECONDO GRADO)

    

VERSIONE SCUOLA MEDIA (SECODARIA DI PRIMO GRADO)

 

 

COS’E’ L’OSSERVATORIO NAZIONALE ADOLESCENZA?

 

L’ OSSERVATORIO NAZIONALE ADOLESCENZA, è presieduto dalla dott.ssa Maura Mancaha lo SCOPO di analizzare le tendenze, le mode, i disagi e i comportamenti degli adolescenti della e-generation, la generazione digitale e le relative motivazioni che li spingono a mettere in atto determinate azioni.

L’Osservatorio svolge attività in grado di monitorare l’uso e soprattutto l’abuso e l’impatto che le nuove tecnologie hanno sui ragazzi di oggi per comprendere in maniera più approfondita le caratteristiche psicologiche, psicopatologiche, la personalità degli adolescenti e le spinte interne ai fini di avere informazioni dettagliate sia in termini quantitativi che qualitativi, soprattutto nell’ottica di una prevenzione mirata e di stilare piani di intervento efficaci. Quantitativi significa che è possibile avere dei dati statistici inerenti la frequenza di determinati comportamenti e problematiche, mentre qualitativi significa analizzare le motivazioni che spingono i ragazzi a mettere in atto o meno determinate azioni.

PUOI TROVARE L’OSSERVATORIO ANCHE NELLA PAGINA FACEBOOK OSSERVATORIO NAZIONALE ADOLESCENZA CON TUTTI GLI AGGIORNAMENTI E NOVITA’

COME FUNZIONA L’OSSERVATORIO?

 

Le attività dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza vengono svolte all’interno di numerose SCUOLE su tutto il territorio nazionale con la finalità di rilevare le principali problematiche dei ragazzi in famiglia, a scuola e in ambito relazionale, di valutare l’impatto della tecnologia sui loro comportamenti e sulla loro psiche e di tracciare un profilo degli adolescenti di oggi in merito a: l’utilizzo della rete e dei social network, un uso distorto e abuso di smartphone e tablet, selfie, sessualità online, adescamento in rete, cyberbullismo, scommesse e gioco d’azzardo online, problemi familiari, autolesionismo, rischio suicidario, problemi alimentari, alcol e droghe e guida pericolosa. È importante anche valutare la partecipazione alle social mode, l’effetto contagio della rete e dei comportamenti osservati, il condizionamento di immagini e social network sull’umore, sullo stato emotivo e sulle scelte.

L’Osservatorio si avvale di strumenti di RICERCA basati sulla somministrazione di specifici questionari ideati per la rilevazione di dati somministrabili direttamente ai ragazzi a partire dagli 11 anni di età, ai genitori e agli insegnanti per avere anche un visione generale del problema. Si basa anche sugli strumenti della psicologia clinica e scolastica per lavorare sul singolo individuo e sulla famiglia, attraverso specifici sportelli di ascolto localizzati all’interno delle scuole ed utilizza risorse e strumenti a fini prettamente preventivi, come campagne di sensibilizzazione, specifici interventi nelle scuole rivolti ad allievi, genitori ed insegnanti.

Aree di interesse

 

Nello svolgimento delle attività dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza vengono prese in considerazione le aree critiche della fase adolescenziale tra cui quelle legate agli usi e abusi della tecnologia, come per esempio i selfie, le chat, i social network, la nomofobia e la sostituzione della vita reale con la vita virtuale.

È stata approfondita tutta la sfera relativa all’affettività e sessualità, sia online che offline e, nello specifico: la sessualità reale e virtuale, il sexting, scambio di materiale pornografico, prostituzione, cybersex bullying, rapporti senza protezioni, gravidanze precoci, adescamento online (grooming).

Sono rilevati tutti i comportamenti legati alla aggressività e alla devianza come per esempio: il bullismo e il cyberbullismo, il cyberstalking, la violenza, i comportamenti rischiosi per la propria salute (guida pericolosa, writing), fumo, alcol e droghe, binge drinking e social drinking (ubriacarsi e poi postare sui social foto e video), scommesse online e offline e gioco d’azzardo.

Sono approfonditi gli aspetti legati all’autolesionismo, alle body modification, piercing, tatuaggi e all’ideazione suicidaria e ai tentativi di suicidio, fino ad arrivare all’alimentazione e i suoi disturbi, lo sport e il doping e il ruolo ed i problemi legati alla famiglia, alla scuola e alla crescita.

 

Chi siamo?

 

Il PRESIDENTE dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza è la dott.ssa Maura Manca, Professore a contratto presso l’Università dell’Aquila, Psicoterapeuta esperta delle problematiche adolescenziali, che da anni lavora con adolescenti, genitori e insegnanti da un punto di vista formativo e clinico nonché di ricerca e che coordina lo svolgimento di tutte le attività. E’ autrice di numerosissime pubblicazioni in ambito nazionale ed internazionale e di svariati libri sempre sulle problematiche adolescenziali ed è stata professore a contratto in varie Università italiane.

Il  TEAM ESECUTIVO è composto da ricercatori, docenti universitari, giuristi, psicologi e psicoterapeuti che operano nel campo della psicologia dell’età evolutiva sia in ambito clinico che in ambito universitario.

 

ARTICOLI CORRELATI

Gelosia, controllo e prevaricazioni: quando l’amore si trasforma in possesso e violenza, anche tra gli adolescenti

violenza adolescenti

Il femminicidio, gli omicidi per gelosia e possessività, sono gli esiti della distorsione delle dinamiche che si instaurano all'interno della coppia, fin dalla prima adolescenza, fin dai primi rapporti di coppia. Il problema è che non si pensa che possano essere dei campanelli di allarme e dei segnali che possano portare a vivere sofferenze, paure,...
LEGGI TUTTO

L’autolesionismo nell’era digitale: uno strumento di comprensione e una guida per genitori

Comunicato libro autolesionismo

Autolesionismo è una parola difficile da pronunciare, soprattutto, quando a farsi del male intenzionalmente e da soli sono i giovanissimi alle prese con il loro dolore. È un fenomeno estremamente diffuso nel nostro Paese, sono oltre 2 adolescenti su 10, che a partire dagli 11-12 anni di età si tagliano, si graffiano, si bruciano, danno...
LEGGI TUTTO

Giovani “drogati di sesso”: dilagano chem sex, revenge porn e rapporti a rischio

sextasy- si

Droghe, farmaci, partner “usa e getta”: i dati di una web survey di Skuola.net e Osservatorio Nazionale Adolescenza su giovani e sessualità lanciano l’allarme chem sex. A completare il quadro, la scarsa protezione durante i rapporti e l’altissimo rischio di revenge porn, che prende di mira soprattutto le ragazze. Chem sex e rapporti non protetti,...
LEGGI TUTTO

Arresto Baby Gang, è allarme bullismo: sempre più numerose le vittime

picchiare

Baby gang arrestata per ripetute violenze su un coetaneo: le accuse per i giovani arrestati sono di concorso in violenza sessuale, riduzione e mantenimento in schiavitù o servitù, pornografia minorile, violenza privata aggravata mediante lo stato di incapacità procurato della vittima. I ragazzi, “colpevoli” di atti brutali, sono tutti teenager, il più grande ha 16...
LEGGI TUTTO

L’autolesionismo: quando gli adolescenti si fanno del male da soli

self harm

L’autolesionismo è estremamente frequente durante il periodo adolescenziale eppure è ancora troppo sottovalutato, se ne parla poco, soprattutto rispetto ad altri fenomeni come il bullismo e il cyberbullismo, nonostante coinvolga allo stesso modo una notevole quantità di ragazzi. Per autolesionismo si intende quel comportamento in cui si attaccano intenzionalmente parti del proprio corpo, tendenzialmente le...
LEGGI TUTTO

Cyberbullismo in aumento: le conseguenze sono sempre più gravi

cyberbullismo

Cresce la quota di adolescenti vittime dei bulli, anche online. La fascia più esposta è rappresentata dai ragazzi delle scuole medie. Tra le conseguenze più gravi nelle vittime sistematiche anche l’autolesionismo, i disturbi alimentari, il vissuto depressivo e l’ideazione suicidaria. Le evidenze di una indagine svolta su 8.000 studenti di medie e superiori. I fenomeni del...
LEGGI TUTTO

Allarme social e chat sconosciute ai genitori, perché favoriscono i comportamenti distorti dei ragazzi in rete?

social network

Gli adolescenti di oggi, con smartphone e tablet sempre a portata di mano, hanno un accesso estremamente facilitato alla rete, vivono perennemente connessi e comunicano con gli altri attraverso la tecnologia. Più di 9 adolescenti su 10 (94%) utilizzano Internet per parlare con gli amici, in genere tramite chat e app di messaggistica istantanea, attraverso...
LEGGI TUTTO

Adolescenti e genitori spaventati dagli attacchi terroristici. Più controllo per la paura

violenza-strade2-1

L'imprevedibilità e la ferocia degli attacchi terroristici hanno un forte impatto nella psiche dei bambini e degli adolescenti che sono bombardati di immagini, informazioni e ansie genitoriali. I ragazzi vivono connessi in rete e sui social network, hanno accesso a qualsiasi tipo di notizia e informazione. Sono incuriositi e hanno accesso ad immagini e video...
LEGGI TUTTO