Osservatorio


L’OSSERVATORIO ANNO DOPO ANNO MONITORA LE PROBLEMATICHE DEGLI ADOLESCENTI ITALIANI

Per compilare il QUESTIONARIO clicca sul LINK relativo alla scuola che frequenti (MEDIA O SUPERIORE), INSERISCI LA PASSWORD e SEGUI LE ISTRUZIONI, ci vorranno solo pochi minuti del tuo tempo. GRAZIE!

TEST  VERSIONE SCUOLA SUPERIORE (SECONDARIA DI SECONDO GRADO)

    

VERSIONE SCUOLA MEDIA (SECODARIA DI PRIMO GRADO)

 

COS’E’ L’OSSERVATORIO NAZIONALE ADOLESCENZA?

 

L’Osservatorio Nazionale Adolescenza è presieduto dalla prof.ssa Maura Manca, ed è una associazione senza scopo di lucro che opera nelle scuole secondarie di I e II grado e ogni anno raggiunge migliaia di adolescenti, genitori e insegnanti su tutto il territorio nazionale.

La collaborazione con il MIUR – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

L’Osservatorio Nazionale Adolescenza è parte dell’Advisory Board nazionale del progetto Generazioni Connesse (www.generazioniconnesse.it). Il progetto è coordinato dal MIUR, in partenariato col Ministero dell’Interno-Polizia Postale e delle Comunicazioni, l’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Save the Children Italia, Telefono Azzurro, Università degli Studi di Firenze, Università degli studi di Roma “La Sapienza”, Skuola.net, Cooperativa E.D.I. e Movimento Difesa del Cittadino, Agenzia Dire con lo scopo di dare continuità all’esperienza sviluppata negli anni, migliorando e rafforzando il ruolo del Safer Internet Centre Italiano, quale punto di riferimento a livello nazionale per quanto riguarda le tematiche relative alla sicurezza in Rete e al rapporto tra giovani e nuovi media.

GC

L’Advisory Board è composto da Istituzioni che lavorano nel settore della privacy tra cui il Garante Privacy e l’AGCOM, il CNAC, aziende di ICT e Telefonia Mobile (come Facebook, Google, Tim, Wind, Vodafone, Tre, Poste Italiane, Sky, HP ecc.) nonché numerose associazioni del settore della prevenzione e intervento sul cyberbullismo e problematiche legate ai pericoli della rete come l’Osservatorio Nazionale Adolescenza.
Il Board è finalizzato all’instaurazione di una collaborazione sinergica nelle attività di prevenzione e promozione di iniziate volte a creare le condizioni per un ambiente online più sicuro e a tutela dei più giovani.

 

Le principali attività che svolge sono: ricerca, valutazione e intervento clinico e formazione.

ATTIVITA’ DI RICERCA. L’Osservatorio ha al suo interno uno strumento di ricerca permanente, basato su una survery online continuamente aggiornata in grado di monitorare da un punto di vista quantitativo e qualitativo comportamenti, disagi, abitudini, mode, devianze, usi e abusi degli adolescenti, con particolare riferimento alla rete e ai social network, a partire dagli 11 anni di età.

L’Osservatorio svolge attività in grado di monitorare l’uso e soprattutto l’abuso e l’impatto che le nuove tecnologie hanno sui ragazzi di oggi per comprendere in maniera più approfondita le caratteristiche psicologiche, psicopatologiche, la personalità degli adolescenti e le spinte interne ai fini di avere informazioni dettagliate sia in termini quantitativi che qualitativi, soprattutto nell’ottica di una prevenzione mirata e di stilare piani di intervento efficaci. Quantitativi significa che è possibile avere dei dati statistici inerenti la frequenza di determinati comportamenti e problematiche, mentre qualitativi significa analizzare le motivazioni che spingono i ragazzi a mettere in atto o meno determinate azioni.


AREA CLINICA E FORMATIVA. Nell’Osservatorio lavorano psicologi, psicoterapeuti ed educatori specializzati nell’età evolutiva che svolgono attività di valutazione psicologica ed intervento clinico, formazione ai ragazzi, genitori e al corpo docente e ascolto psicologico attraverso sportelli d’ascolto nelle varie scuole secondarie di I e II grado per genitori e adolescenti.


AREE DI APPROFONDIMENTO. L’Osservatorio approfondisce da un punto di vista di clinico e di ricerca, i risvolti psicologici e psicopatologici legati all’iperconnessione, agli usi distorti della rete e alle condotte aggressive auto ed eterodirette, con particolare riferimento all’autolesionismo. Le differenti aree di intervento dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza riguardano anche la sfera della sessualità e, nello specifico, il sexting, la revenge porn e la sextortion. In parallelo, vengono portati avanti in maniera continuativa i lavori di approfondimento e intervento legati al bullismo e cyberbullismo, al grooming e alle nuove patologie legate alla iperconnessione come la Nomofobia, il Vamping, la F.O.M.O. e le Challenge.

Sono rilevati tutti i comportamenti legati alla aggressività e alla devianza come per esempio: il bullismo e il cyberbullismo, il cyberstalking, la violenza, i comportamenti rischiosi per la propria salute (guida pericolosa, writing), fumo, alcol e droghe, binge drinking e social drinking (ubriacarsi e poi postare sui social foto e video), scommesse online e offline e gioco d’azzardo.

Sono approfonditi gli aspetti legati all’autolesionismo, alle body modification, piercing, tatuaggi e all’ideazione suicidaria e ai tentativi di suicidio, fino ad arrivare all’alimentazione e i suoi disturbi, lo sport e il doping e il ruolo ed i problemi legati alla famiglia, alla scuola e alla crescita.


LA RIVISTA SCIENTIFICA. L’Osservatorio, per divulgare i numeri, le attività e tutti gli approfondimenti sui temi dell’infanzia e adolescenza e fornire a genitori e insegnanti strumenti di informazione e prevenzione utili ed efficaci, si avvale della rivista scientifica online AdoleScienza.it, di cui la prof.ssa Maura Manca è Direttore Responsabile  (www.adolescienza.it).

 

 

PUOI TROVARE L’OSSERVATORIO ANCHE NELLA PAGINA FACEBOOK OSSERVATORIO NAZIONALE ADOLESCENZA CON TUTTI GLI AGGIORNAMENTI E NOVITA’

 

CHI SIAMO?

 

Il PRESIDENTE dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza è la prof.ssa Maura Manca, Docente presso l’Università dell’Aquila, Psicoterapeuta esperta delle problematiche adolescenziali, che da anni lavora con adolescenti, genitori e insegnanti da un punto di vista formativo e clinico nonché di ricerca e che coordina lo svolgimento di tutte le attività. E’ autrice di numerosissime pubblicazioni in ambito nazionale ed internazionale e di svariati libri sempre sulle problematiche adolescenziali ed è stata professore a contratto in varie Università italiane.

Il  TEAM ESECUTIVO è composto da ricercatori, docenti universitari, giuristi, psicologi e psicoterapeuti che operano nel campo della psicologia dell’età evolutiva sia in ambito clinico che in ambito universitario.

 

ARTICOLI CORRELATI

Cyberviolenze, aggressioni fisiche e verbali: adolescenti violenti fin dai primi amori, perché arrivare agli omicidi?

Violenza di coppia

Non esiste la patologia del “troppo amore” e non si possono mai giustificare oppressione, controllo, possessività e violenza con l’essere troppo innamorati. Anche gli amori nati tra i ragazzi possono lasciare il segno e i dati dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza, raccolti su un campione di 11.500 adolescenti dagli 11 ai 19 anni, lo evidenziano chiaramente. La...
LEGGI TUTTO

Dalla violenza di genere in adolescenza al femminicidio

dalla violenza di genere in adolescenza al femminicidio rev 4

"Dalla violenza di genere in adolescenza al femminicidio" è il convegno organizzato dall’Osservatorio Nazionale Adolescenza, Presidente dott.ssa Maura Manca, che si terrà il giorno 15 di novembre (ore 14.30), a Roma, presso il Liceo Scientifico "Plinio Seniore" in cui verrà approfondita la delicata tematica della violenza nelle coppie di adolescenti da un punto di vista legale,...
LEGGI TUTTO

Nella rete della rete. Report annuale Osservatorio Nazionale Adolescenza 2017

smartphone

I bambini, fin da piccolissimi vengono dotati di un mezzo proprio che gli viene regalato dai genitori in media a partire dai 9 anni, senza essersi prima sincerarsi che abbiano acquisito le competenze per conseguire la patente per navigare da soli schivando i pericoli della rete. Il problema, però, è che all’età in cui gli...
LEGGI TUTTO

Nella rete della rete. Quali sono oggi i veri pericoli della rete e come fare per non rimanere incastrati? Il 21 ottobre rispondono a Roma i massini esperti in settore

cyberbullismo

La rete è il luogo di espressione e di incontro degli adolescenti della generazione hashtag, uno spazio in cui condividono tutta la loro vita attraverso uno strumento che è la protesi della loro identità. Tutto troppo istantaneo per riflettere, un sovrapporsi di eventi che tante volte non sanno come gestire. Non è una app che...
LEGGI TUTTO

Nella rete della rete. Tra cyberbullismo, sexting, adescamento e challenge. Massimi esperti a confronto il 21 ottobre a Roma

foto evento sito

NELLA RETE DELLA RETE è il convegno nazionale organizzato dall’Osservatorio Nazionale Adolescenza, Presidente dott.ssa Maura Manca, in cui i massimi esperti nazionali, il giorno 21 di ottobre (ore 9.00), alla Biblioteca Nazionale di Roma, approfondiranno le dinamiche che gli adolescenti instaurano in rete, i pericoli che possono incontrare nel loro navigare e la differenza tra...
LEGGI TUTTO

Come può un adolescente arrivare ad uccidere la fidanzata? La violenza di coppia in adolescenza

violenza coppia

Muore a 16 anni per mano del fidanzato 17enne: esiste anche questo e se ne parla troppo poco. Ci rendiamo conto del problema solo quando muore qualcuno perché siamo il Paese del dopo, della pietà e dello scandalo. Lo scrivo nel mio blog AdoleScienza dell'Espresso in cui spiego come si può morire a 16 anni...
LEGGI TUTTO

Adolescenti in vacanza tra alcol, sesso a rischio, selfie e guida in stato di ebbrezza

adolescenti vacanze

Già a 11 anni abusano di alcol L’abuso di bevande alcoliche durante il periodo adolescenziale è veramente un problema molto serio e, soprattutto nel periodo estivo, diventa ancora più grave perché i ragazzi sono mentalmente più predisposti all’evasione, sentono meno il peso delle regole e dei doveri scolastici e invernali, non hanno l’obbligo di alzarsi...
LEGGI TUTTO

La Sindrome da disconnessione che fa ammalare adulti e adolescenti

smartphone

Una delle patologie dei nostri tempi, che si sta diffondendo sempre di più tra i nativi digitali ma non solo, coinvolgendo anche gli adulti, è la cosiddetta Nomofobia o Sindrome da Disconnessione. Il termine Nomofobia, composto dal prefisso abbreviato “no-mobile” e dal suffisso “fobia”, si riferisce all’eccessiva paura/terrore di rimanere senza telefono e quindi senza la possibilità...
LEGGI TUTTO