sport vacanze

Figli adolescenti in viaggio da soli e genitori a casa preoccupati


Presto o tardi arriva il momento in cui i ragazzi non vogliono più trascorrere le intere vacanze estive con mamma e papà e chiedono, a volte pretendono, di fare un viaggio con i propri amici o di restare a casa da soli.

Come non trasformare questo bisogno di indipendenza in una fonte di conflitti e litigi inutili e poco costruttivi?

Ecco alcuni consigli utili per gestire al meglio le naturali preoccupazioni legate a queste prime esperienze di autonomia dei figli:

1. Sostenere il loro bisogno di autonomia e di mettersi alla prova. Nel momento in cui i ragazzi fanno questo tipo di richiesta è importante ascoltarli e trovare una soluzione condivisa o dei compromessi, anziché vietare a priori l’esperienza. Non significa lasciargli in mano ogni decisione, ma al contrario condividere la scelta della località o del tipo di viaggio, in base anche alla loro età, dando dei limiti quando serve e stabilendo alcune condizioni importanti e non negoziabili.

2. Prendere decisioni insieme. È importante coinvolgere i figli e renderli parte attiva: ad esempio condividere con loro l’importanza di essere aggiornati sui loro spostamenti e decidere insieme il budget della vacanza per stimolarli a gestire in modo più autonomo, responsabile e adeguato le proprie risorse.

3. Stimolare il loro senso di responsabilità. È importante dialogare in modo sereno, con un tono calmo e aperto su ciò che vorrebbero fare insieme agli amici. I genitori devono trasmettergli il messaggio che si fidano di loro e che possono aiutarli a riflettere anche su eventuali rischi, pur rispettando il loro desiderio di autonomia. Devono essere i loro primi alleati e qualora si presentasse un problema, i ragazzi devono sapere che mamma e papà sono sempre pronti a sostenerli.

Cosa NON fare?……………………………………………………………………………………………………….

Clicca sul link per continuare a leggere tutto l’articolo sul Magazine Family Health pubblicato il 16 luglio 2018:

Figli adolescenti in viaggio da soli e genitori a casa preoccupati