woman-975339_960_720

Genitori che aggrediscono docenti e allenatori! I bambini imparano la mancanza di rispetto


Ultimamente mi capita di leggere con sempre maggior frequenza di genitori che intervengono sulle scelte educative di maestri, professori, arbitri e allenatori. Soprattutto in ambito sportivo i genitori spesso e volentieri si sostituiscono agli istruttori disquisendo, in maniera errata, anche davanti ai figli, in merito a queste scelte. Alle gare o alle partite sugli spalti non ci sono mamme o papà ma coach che mettono solo ansia ai figli. Si ha da dire anche in merito alle recite, alle gite, ogni scelta che fa un docente è oggetto di critica. Il proprio figlio deve primeggiare ed essere sempre al centro dell’attenzione. Oggi però, la tendenza che per me è assolutamente più dannosa, è quella di voler avere voce in capitolo in relazione alle scelte didattiche e a quelle disciplinari.

Sembra ormai che i docenti siano impossibilitati a prendere qualsiasi tipo di decisione in merito al comportamento dei pargoletti a scuola che si vedono immediatamente orde di genitori arrivare a spada tratta in difesa dei poveri bambini, armati dello scudo del “come ti sei permesso”.

Se un docente non è più libero di mettere una nota, di infliggere una punizione educativa, di riprendere un alunno che si vede attaccato, criticato e anche, in alcuni casi, picchiato o denunciato, come possiamo credere nel potere educativo della scuola e negli insegnamenti che può dare?

E’ vero anche, che ci sono tanti docenti che abusano dei metodi di correzione, che non si limitano a riprendere un allievo ma lo prevaricano e lo umiliano, comportamento che deve essere bloccato e sanzionato sul nascere, ma è vero, nel contempo che nelle chat di gruppo oggi ci si fomenta contro i professori e oggi, si ha veramente troppa libertà di azione dentro le scuole. I genitori si possono presentare quando vogliono, invadere gli spazi del figlio, parlare ogni 5 minuti con i professori mettendo in discussione tutto ciò che fanno. Non si può pretendere di controllare tutto e di iper-proteggere il figlio. Si deve lavorare sulla sua autonomia insegnandogli il dialogo come arma vincente, facendogli capire di parlare e raccontare tutto ciò che accade a casa perché in qualità di genitori si è sempre pronti ad intervenire qualora necessario. Si devono dare al figlio gli strumenti per valutare le situazioni e per difendersi altrimenti avrà sempre bisogno del genitore. Il genitore è una spalla, non può essere sempre lo scudo e colui che apre la strada, altrimenti non cresceranno mai.

In questo modo si fanno i danni

I genitori che arrivano addirittura a prendere a urla gli insegnanti, ad attaccarli davanti ai figli, fino ad aggredirli fisicamente fanno dei danni importanti. In questo modo si insegna ad un figlio a gestire i conflitti e le frustrazioni con la forza e la prevaricazione, si legittima la violenza come modalità di relazionarsi agli altri, si toglie un ruolo all’insegnante, si rinforzano i comportamenti fuori dalle regole, si alimenta una sensazione di tutto è dovuto e di impunibilità. Così facendo il figlio non rispetterà l’autorevolezza dell’adulto, si sentirà spalleggiato su tutto, non ragionerà sugli esiti delle sue azioni. Questi bambini vivono in un clima troppo violento, partendo dall’ambiente intorno a loro. Troppa rabbia e frustrazione anche in casa, sentono critiche e lamentele su tutto, attacchi verbali e fisici, una modalità prevalentemente prevaricatoria che gli fa più male che altro.

Allora che fare?

Se si vuole insegnare il rispetto, il genitore, deve essere il primo a rispettare se stesso e gli altri, se si vuole fargli arrivare dei valori, si deve prima di tutto comportarsi da persone di valore, l’esempio dei genitore è la fonte di apprendimento più importante per un figlio che apprende da lui anche in maniera indiretta.

di Maura Manca