effetti stress

Sindrome da rientro: quanto pesa la fine delle vacanze?


Rientrare dalle vacanze comporta il tornare a lavoro, al traffico della città, a scuola, alle scadenze, agli orari da rispettare. Riprendere la routine quotidiana dopo un periodo di riposo e vacanza può determinare disturbi o sintomi che rientrano nella cosiddetta “Sindrome da rientro”: breve depressione da vacanza e post-vacanza che dura da pochi giorni a una settimana al massimo. Più lunga e intensa è stata la vacanza, più la depressione può essere acuta.

Tale sindrome può manifestarsi con una serie di malesseri quali insonnia, cefalee, alterazioni dell’appetito, intolleranza ed irritabilità verso tutto e tutti, spossatezza cronica, calo della concentrazione e ansia da prestazione lavorativa.

Piccole strategie per poter affrontare lo “shock da rientro” potrebbero essere:

– Non rientrare la sera dell’ultimo giorno di vacanza per poi tornare a lavoro il giorno successivo;

– Affrontare gli impegni gradualmente, cercando di rientrare nella routine in modo meno brusco e senza sovraccarichi;

– Mantenere qualche sana abitudine acquisita in vacanza;

– Camminare e usare il meno possibile la macchina;

– Dedicarsi ad uno sport;

– Adottare una dieta sana ed equilibrata che può aiutare a combattere lo stress, aumentando le difese immunitarie e favorendo la vitalità del sistema nervoso centrale, esercitando una funzione antidepressiva;

– Cercare di non intaccare le ore di sonno.

Redazione AdoleScienza.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *