futuro

Una bacchetta magica per sconfiggere le paure!


Cosa farebbero i ragazzi se avessero a disposizione una bacchetta magica con una sola magia?

DATI BACCHETTA MAICA

Tra i dati raccolti dall’Osservatorio Nazionale Adolescenza (http://www.adolescienza.it/sos/sos-genitori/gli-adolescenti-hanno-paura-del-futuro/#.Vv1jgZyLTIU) emerge come il 14% dei 7000 adolescenti intervistati non abbia idea su come utilizzarla, sentendo il peso e la RESPONSABILITA’ della scelta.

Nei questionari compilati dai ragazzi, accanto alla risposta “non so” veniva spesso riportata la citazione di un incantesimo utilizzato da un famoso mago (Harry Potter, anche lui adolescente) in una saga fantasy che continua ad attrarre ancora oggi i ragazzi: l’Expecto Patronum. Si tratta di un incantesimo che evoca, appunto, un Patronus (guardiano, protettore), una forza dall’energia positiva che catalizza i ricordi felici del mago e generalmente viene usata per proteggersi da creature oscure e paurose. La sua complessità riguarda proprio il bisogno di evocare ricordi felici o sensazioni positive per poter avere effetto. In una forma arcaica, inoltre, il termine veniva utilizzato per indicare il padre, figura che più di tutte protegge i figli.

Gli adolescenti sono preoccupati per il futuro!

Nonostante la citazione possa essere solo casuale ed evocata dal riferimento alla bacchetta magica, è interessante come, fra i tanti, sia proprio un incantesimo che permette di vincere le proprie PAURE ad essere maggiormente evocato dai ragazzi. Gli adolescenti spesso non sanno come affrontare il loro futuro e ne sono spaventati, anche quando si mostrano sicuri e chiedono la loro AUTONOMIA. Tante sono le INCERTEZZE e le paure che si trovano ad affrontare in questa fase della loro vita caratterizzata da grandi cambiamenti che fanno fatica a comprendere subito e a gestire. Il ricorso ad una formula magica evoca una modalità adolescenziale di ONNIPOTENZA che, tuttavia, può nascondere anche un profondo bisogno di essere ancora “protetti”, guidati, sostenuti da un riferimento stabile e certo, che ricorda eventi positivi e felici e che trova un fulcro negli adulti e nei genitori in particolare, nonostante le DIFFICOLTA’ e le AMBIVALENZE sperimentate. Hanno bisogno di non affrontare da soli le loro paure e a noi adulti spetta la capacità di essere attenti ai loro SEGNALI, disponibili ad ascoltarli e pronti a sostenerli quando ne hanno bisogno, anche se non ce lo chiedono direttamente ma evocando una soluzione magica!

 

Redazione AdoleScienza.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *