bambole umane


L’autolesionismo nell’era digitale

Gli adolescenti autolesionisti sono tantissimi, sono oltre 2 su 10, è un problema che sembra meno grave del bullismo solo perché se ne parla di meno, ma i ragazzi coinvolti sono veramente tanti e soffrono in silenzio, scaricano le tensioni emotive sul proprio corpo, si vergognano, hanno paura di essere stigmatizzati […]

diario-di-un-autolesionista-225x300

living doll

Living doll o bambole umane

È anni ormai che va avanti la diatriba se le bambole come la Barbie o le Winks possano essere modelli negativi o meno nello sviluppo psichico delle bambine. È generazioni che si gioca alle bambole, che ci si maschera a carnevale come loro, che si imitano nelle fasi di crescita, […]


Social mode: LIVING DOLL

LIVING DOLL è un fenomeno che si sta diffondendo tra i più giovani e consiste nel cambiarsi i connotati, sottoponendosi a lunghe e dolorosissime operazioni chirurgiche non per assomigliare ma per diventare come una bambola. I modelli di cui si vuole prendere le sembianze più gettonati sono Barbie e Ken, […]

living doll

ARTICOLI CORRELATI

Perché gli adolescenti sono attratti dai giochi della morte e dal rischio? Cosa scatta nella loro testa?

palazzo sucidio

Gli adolescenti sono spesso e volentieri attratti dal macabro, dalla morte, dall’occulto, da quel qualcosa che non comprendono, che è più grande di loro. Cercano contenuti violenti, si infilano in rete in gruppi in cui sono trattati argomenti legati alla morte, al suicidio, al satanismo, all’horror, leggono blog con le stesse tematiche, guardano video nudi...
LEGGI TUTTO

Autolesionismo. Cosa deve fare un genitore quando scopre che il figlio è autolesionista?

self harm

L'AUTOLESIONISMO o il farsi del male intenzionalmente da soli, è estremamente diffuso già a partire dai 12-13 anni di età. Ci sono delle forme di autolesionismo presenti anche nei bambini che però si manifestano in maniera differente rispetto all'adolescenza. Generalmente i ragazzi usano lamette o oggetti appuntiti o taglienti per graffiarsi, tagliarsi (cutting) e ferirsi...
LEGGI TUTTO

Bambini “invisibili” ma onnipresenti sui social network: quali rischi?

UTILIZZO-SMARTPHONE-BAMBINI-640x427

Non hanno ancora un loro profilo sui social network, ma sono convinti di  conoscere bene gli strumenti tecnologici, perché vengono usati quotidianamente da genitori, zii e nonni; altri hanno già un proprio account, che utilizzano per parlare con cuginetti o amichetti. Sono stati definiti "gli invisibili": bambini presenti sui social network, senza che nessuno se...
LEGGI TUTTO

Soci@lmente consapevoli: Giornata di sensibilizzazione e confronto sui rischi del Web e dei Social Media

sardegna

A Nuoro il 14 e il 15 dicembre 2017 si svolgerà "Soci@lmente consapevoli" la campagna di sensibilizzazione contro il cyberbullismo ed i rischi di un utilizzo distorto della rete, organizzata dal Corecom Sardegna, in collaborazione con la Polizia di Stato, il ministero della Pubblica istruzione e l’Agcom. Gli incontri con i ragazzi si terranno durante la...
LEGGI TUTTO

12enne tenta di darsi fuoco in classe: l’impatto del bullismo sulla psiche dei ragazzi

caso cefalù

A pochi giorni dal tentato suicidio in un liceo di Napoli, dalla cronaca si apprende un altro caso eclatante in provincia di Palermo, dove l’ennesimo ragazzino vede nel togliersi la vita,  l’unica via d’uscita dalla propria sofferenza. Questa volta è successo a Cefalù, dove un ragazzo di soli 12 anni, dopo essersi cosparso di benzina...
LEGGI TUTTO

La gestione dei figli di genitori divorziati con un app. Il futuro o un fallimento educativo?

separazione genitori

Ormai la tecnologia è diventata parte integrante della nostra vita, utilizzata anche per ridurre i conflitti e i litigi all’interno delle coppie separate. È quello che è successo a Modena, dove per la prima volta in Italia due giovani genitori, in occasione del ricorso congiunto per lo scioglimento del loro matrimonio, hanno deciso di utilizzare...
LEGGI TUTTO

Solidarietà di massa davanti ad un compagno malato. Adolescenti più concreti degli adulti

grupp amici- SI

Le reazioni degli adolescenti davanti alla malattia di “uno di loro” devono far riflettere tanti adulti. Sono concrete ed immediate, i ragazzi agiscono in base agli interessi dell’altro, riescono a muoversi con un senso di responsabilità che anche loro, a quanto pare, sono in grado di avere. Sono capaci di gesti che tanti adulti armati...
LEGGI TUTTO