Archivi mensili: settembre 2014


Il bullismo a scuola: riflessioni ed esperienze di un’insegnante

Il fenomeno del bullismo si sviluppa nei primi anni della scuola primaria; ne fanno le spese soprattutto i bambini più sensibili, più fragili e più “deboli” che magari già vivono un’infanzia piena di difficoltà, poco felice e spensierata. Molto spesso, sia nell’ambito scolastico che familiare si tende con i bambini […]

bullismo scuola

cellulare wathsapp

WhatsApp in ogni momento.. ma le parole dove sono finite?

Negli ultimi anni l’utilizzo di specifiche applicazioni di messaggistica istantanea, come ad esempio WhatsApp, è aumentato notevolmente in tutto il mondo, semplicemente collegando il proprio smartphone a una qualunque rete wi-fi o 3/4G, diventando così il mezzo più popolare e rapido per comunicare. Oggi, è frequente osservare coppie o amici […]


ARTICOLI CORRELATI

Ragazzi e devianza: perché non sempre i lavori socialmente utili sono la soluzione? L’intervista a Maura Manca

baby gang

Oggi ci troviamo con sempre maggiore frequenza davanti a gruppi di adolescenti che si uniscono e si strutturano con dei comportamenti devianti, sistematici e ripetitivi. Quando ci troviamo di fronte a certe forme brutali di violenza, parliamo di ragazzi che non hanno sviluppato adeguatamente un senso morale, che non hanno una struttura di personalità tale...
LEGGI TUTTO

Giovani e social. Adolescenti ossessionati dalla popolarità online. L’intervento a Rai News 24

foto rai news 24

La ricerca compulsiva dell’approvazione social sta intaccando l’autostima dei ragazzi e condizionando il loro umore, fin dall’infanzia.   Vivono una sorta di ansia da esposizione, dove gli altri diventano il pubblico che, seppur dietro uno schermo, osserva, risponde e giudica, anche severamente. Secondo i dati dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza, rilevati su un campione di circa 12.750 studenti...
LEGGI TUTTO

Genitori e figli difficili. Come prevenire la devianza dei giovani? Maura Manca ne ha parlato a Radio 24

Lonely child with a suitcase and a teddy bear on road

Fare il genitore è un mestiere veramente difficile, molte volte si rincorrono questi ragazzi sempre più spogliati della voglia di vivere, che non hanno più riferimenti e che arrivano a trasgredire, a valicare ogni confine, senza assumersi alcuna responsabilità delle proprie azioni devianti. Cosa può fare un genitore di fronte a questo? Sicuramente, è necessario...
LEGGI TUTTO

Genitori violenti. I figli non sono un oggetto su cui scaricare le proprie frustrazioni

shutterstock_123266287

Non esiste condotta sbagliata di un figlio che possa giustificare punizioni corporali e torture, non solo fisiche, anche psicologiche, inflitte da un padre, da una madre, da un nonno/a o da una tata. Non c’è peggior tradimento di quello di un genitore, di chi ti dovrebbe amare e, invece, è causa del tuo male. Sono...
LEGGI TUTTO

Social senza like per aiutare gli adolescenti ossessionati dalla popolarità online. Qual è l’impatto dei like sull’autostima e sull’umore dei ragazzi?

like

Sono sempre più numerose le critiche che vengono rivolte alle piattaforme di social media per il loro impatto negativo sulla salute mentale degli utenti, soprattutto dei bambini e degli adolescenti, tanto che in alcuni Paesi si stanno effettuando sperimentazioni che impediscono la visione del numero dei mi piace, finalizzate al comprendere come tutelare maggiormente i...
LEGGI TUTTO

Le piccole star del web riscuotono sempre più successo. L’intervista a Maura Manca sul Quotidiano Nazionale

bambini youtube

Sono sempre più numerosi i bambini affascinati dal mondo di YouTube e Instagram, tanto da diventare dei veri e propri influencer seguiti da tantissimi coetanei, che condividono in rete ogni momento della loro giornata, anche con il sostegno dei propri genitori. Ne sono un esempio le ormai famosissime Marghe e Giulia, due sorelle di 12...
LEGGI TUTTO

Figli al guinzaglio e poi liberi di navigare da soli in rete. L’incoerenza educativa è il vero problema della generazione digitale, non lo smartphone

famiglia

Bambini iperprotetti dai genitori, tenuti al guinzaglio o nel passeggino quando ormai non ci entrano più, che poi vengono lasciati da soli con un tablet in mano o con uno smartphone, liberi di guardare cartoni in rete, di vivere idealizzando i baby youtuber, di fare foto e video e di pubblicarli nei vari social network...
LEGGI TUTTO