Archivi mensili: aprile 2015


La violenza domestica assistita: i bambini invisibili

La famiglia è il primo ambiente di vita del bambino, un luogo in cui egli dovrebbe trovare sicurezza, amore e protezione ed essere accompagnato nelle diverse fasi del suo sviluppo. Può avvenire, però, che proprio all’interno delle mura domestiche si consumino litigi e atti violenti, ai quali i bambini sono […]

violenza assistita

copertina-per-sito

10 regole per vivere meglio!

Basta poco per vivere meglio!   Imparare a dire di NO, senza sentirsi in colpa Prendere consapevolezza che non si può piacere a tutti Esprimersi senza aver paura di quello che possono dire o pensare le altre persone. Ascoltare sì, farsi condizionare NO. Rispettare i propri tempi e le esigenze […]


Come alimentare l’autostima dei vostri figli?

Un buon livello di autostima permette al bambino di avere un’immagine positiva di sé, di affrontare le sfide quotidiane con serenità, di giocare con i propri compagni di classe e confrontarsi con loro, di muoversi con una certa sicurezza, di dire sempre la propria opinione senza paure e sperimentarsi con […]

dop scuola

motivazione studio e dna

La voglia di studiare può essere determinata dal DNA?

Un recente studio, realizzato dalla Ohio State University in 6 differenti Paesi (Regno Unito, Canada, Giappone, Germania, Russia e Stati Uniti) su un campione di 13.000 gemelli di età compresa tra i 9 e i 16 anni, ha rivelato che il 40- 50% delle differenze nelle motivazioni allo studio può […]


Il ruolo dei social network e del web sullo sviluppo e mantenimento dell’autolesionismo

Gli utenti del web sono sempre più bambini e adolescenti che trascorrono gran parte delle loro giornate con uno smartphone o tablet in mano intenti a navigare nel mare della rete. Non si può quindi ignorare l’influenza che questi mezzi di comunicazione possono avere sullo sviluppo dei ragazzi. Un sondaggio […]

autolesionismo e social network

solitudine

Lo sapevi che… La solitudine nuoce gravemente alla salute?

La solitudine fa male come l’alcol, il fumo e l‘obesità. Lo ha rivelato uno studio della Brigham Young University che mette in evidenza gli effetti negativi dell’isolamento sociale (inteso come scarsità di relazioni familiari, professionali e sociali) sulla salute fisica. Prendendo in esame gli studi precedentemente effettuati, i ricercatori hanno […]


Lezione sbagliata o scuola sbagliata?

Il ruolo dell’insegnante è fondamentale nella crescita dei ragazzi, soprattutto nella fase in cui passano dall’essere bambini all’essere adolescenti. I ragazzi hanno tantissime aspettative nei confronti della scuola, tra cui quella di essere capiti, non giudicati e aiutati. Tutto questo è molto più importante rispetto alla folle corsa per finire […]

insegnamento contenuti

nido

Come gestire l’inserimento al nido?

L’ingresso all’interno dell’asilo nido, rappresenta un’esperienza significativa sia per il bambino che per i suoi genitori, perché considerato il primo vero momento di distacco e separazione. Negli ultimi anni, c’è stata una rapida diffusione di queste strutture, in risposta ad esigenze economiche diverse e ai cambiamenti dei ritmi lavorativi delle […]


Cosa deve fare un genitore per affrontare la separazione nella tutela dei figli?

Il problema delle separazioni e dei divorzi coinvolge sempre più famiglie e, di conseguenza, sempre più minori. Se mal gestite, le fasi della separazione, soprattutto conflittuale, vengono vissute dai bambini come un evento traumatico, che può favorire la manifestazione di problematiche a livello emotivo, comportamentale e scolastico, in epoche successive […]

genitori separati

sharenting

Sharenting: quando la condivisione di foto di bambini diventa eccessiva

Il grande utilizzo dei social media ha avuto, tra le sue manifestazioni, anche il diffondersi di foto e video che vedono come protagonisti bambini ancora troppo piccoli per postare o scrivere autonomamente. Numerose le visualizzazioni, su canali quali YouTube, ottenute dalla pubblicazione di video con bambini in pannolino che imitano […]


ARTICOLI CORRELATI

Come si diventa autolesionisti. Consigli per i genitori alle prese con l’autolesionismo

self harm

NON SEMPRE PARLANO CON LE PAROLE Quando sono invasi da un profondo dolore e dalla paura di non essere accolti dal genitore, gli adolescenti preferiscono scrivere, un messaggio, un email, una lettera alla mamma o al papà, perché hanno paura del confronto, della loro reazione, di guardarli negli occhi, di ferirli e di ricevere una...
LEGGI TUTTO

La generazione dei bambini iperconnessi. Saperlo usare, non significa essere pronti per usarlo

smartphone child

Sono iperconnessi da quando nascono, da quando vengono al mondo. Non hanno ancora avuto l’imprinting con la madre, con quel sorriso e quel volto materno ricoperto di gioia, che davanti ai loro occhi si presenta quell’oggetto che gli terrà compagnia per tutto il resto della vita. Tutte le fasi della loro crescita sono certificate e...
LEGGI TUTTO

Suicidio e cyberbullismo. A quali segnali fare attenzione? Un’intervista a Maura Manca sul Quotidiano Nazionale

suicidio social

Ragazzi che tentano il suicidio o che si tolgono la vita: purtroppo accade sempre più spesso, come testimoniato dai numerosi casi di cronaca. In questi ultimi anni, stiamo assistendo ad un incremento dei tentativi di suicidio fin dalla tenera età, a conferma della fragilità di questi adolescenti. La procura di Roma indaga per istigazione al...
LEGGI TUTTO

Terribile ma vero, anche i docenti a volte bullizzano: quali conseguenze su bambini e ragazzi?

Tired school boy with hand on face sitting at desk in classroom. Bored schoolchild sitting at desk with classmates in classroom. Frustrated and thoughtful young child sitting and looking up.

Gli ultimi episodi di violenza sui bambini da parte dei propri insegnanti deve portare la scuola italiana a interrogarsi su come affrontare un fenomeno che tende più di altri a rimanere sommerso, iniziando a pensare che del corpo docente si debba valutare anche l’idoneità psichica alla professione. Si è sentito parlare spesso di ragazzi, di...
LEGGI TUTTO

Chat e gruppi pericolosi all’oscuro dei genitori. Bisogna controllare lo smartphone dei ragazzi? Maura Manca a Radio 24

Young boy looking at her friend smoking sitting on staircases

Gruppi nelle chat o sui social che inneggiano alla violenza e all'odio purtroppo nascono come funghi. Ha colpito tutti la chat denominata da diversi ragazzini, molti dei quali minorenni, "The Shoah party". Su WhatsApp hanno creato il gruppo in cui condividevano contenuti atroci e violenti, giravano video pedopornografici, insulti razziali, slogan inneggianti a Hitler, all'Isis,...
LEGGI TUTTO

Quando l’amore diventa ossessione: come difendersi da chi ci perseguita

stalking-uomo

Lo stalking - termine inglese che identifica qualsiasi tipo di atto persecutorio nei confronti di un’altra persona - è un fenomeno tristemente diffuso, anche nel nostro Paese. Talmente tanto che dal 2009 è presente nel nostro ordinamento una legge apposita per regolare tale condotta che, da quel momento, è a tutti gli effetti un reato....
LEGGI TUTTO

Chat di odio, razzismo e violenze a sfondo sessuale. Il lato oscuro delle chat e di tanti adolescenti

adolescenti-cellulare

Le manifestazioni e le intenzioni di chi mette in atto comportamenti mossi dall’odio si manifestano con sfaccettature anche molto differenti tra loro. Uno degli aspetti più preoccupanti di questo fenomeno è proprio il fatto che, i ragazzi, non si rendono conto della gravità di ciò che pensano, che dicono e che mettono in pratica. Tutto...
LEGGI TUTTO