corpo adolescenza

La “Boobluge Challenge”: la nuova social-drinking dell’estate


Durante il periodo estivo dilagano nel web le social mode più bizzarre e pericolose e la maggior parte sono proprio quelle alcoliche, con l’obiettivo di bere ingenti quantità di alcol nelle posizioni più improbabili e raggiungere lo sballo nel minor tempo possibile.

La Rete ormai è diventata il teatro della esuberanza e dell’esibizionismo giovanile!

In cosa consiste la Boobluge Challenge?

La Boobluge Challenge, è la nuova moda nata in America, che consiste nel far scorrere tra i seni prosperosi di alcune ragazze disinibite, birra o altre bevande alcoliche per consentire ai ragazzi di bere. 

Chi vince? I ragazzi che riescono a bere tutto d’un fiato senza perdersi neanche una goccia e raggiungere lo sballo nel minor tempo possibile. Il tutto viene rigorosamente ripreso e postato sui vari Social Network: il vero protagonista è il seno over-size che appare sempre in primo piano in tutti i video.

Quali sono i rischi?

Ecco che per l’ennesima volta, il corpo femminile viene strumentalizzato, considerato come un oggetto e messo nella vetrina virtuale. Sicuramente alla base di questa social moda c’è la ricerca di sensazioni forti, la voglia di sfidare le regole, di essere trasgressivi e di raggiungere la popolarità per sentirsi parte di un gruppo e ricevere approvazione dal popolo del web.

Il Boobluge Challenge è un gioco, se così si può definire, alcolico ed erotico allo stesso tempo, in cui si associa l’abuso di alcol e il sesso, rischiando di favorire la promiscuità sessuale e la messa in atto di comportamenti a rischio che possono portare a gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmissibili.

Inoltre, l’insoddisfazione corporea e una bassa autostima porta tante adolescenti a non accettarsi per quello che sono e nei casi estremi a ricorrere alla chirurgia estetica perché non ricevono abbastanza consensi e non hanno un seno abbastanza grande. Avere in mente un modello così concreto, significa per queste ragazze perdere la consapevolezza delle proprie caratteristiche personali che sono continuamente messe a paragone di un mondo virtuale idealizzato e utopico.

Redazione di AdoleScienza.it

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *