ossicodone

Ossicodone: tendenze giovanili pericolose


Ciclicamente scatta un allarme su nuove mode o tendenze giovanili. In genere, si tratta di condotte devianti già presenti da molto tempo nel panorama dei comportamenti a rischio adolescenziali, che ciclicamente fanno notizia. Non è allarme ossicodone, si tratta di arresti sporadici di ragazzi che spacciano una sostanza già nota ai più giovani, spesso usata da loro per “sballarsi”. Fa parte della categoria degli oppioidi, ed è un potente analgesico narcotico, che va quindi ad inibire il dolore e ad interagire con il sistema nervoso. Ovviamente, preso sotto prescrizione medica, nei casi di necessità e sotto il controllo del medico curante, non crea danni, ma ingerito nella maniera scorretta, come fanno tendenzialmente questi ragazzi, può avere conseguenze sia a breve, che a lungo termine, a livello fisico e a livello neurologico e può indurre dipendenza. In dosi eccessive altera la percezione e gli equilibri delle cose, può arrivare anche ad avere un effetto allucinogeno. Il problema che i ragazzi, in genere, assumono questi farmaci insieme ad alcol o ad altri tipi di droghe, andando ad appesantire ulteriormente il sistema nervoso e cardio-circolatorio, rischiando anche la morte. Essendo un analgesico, non fa sentire il dolore fisico e, questa condizione, aumenta il rischio di farsi seriamente del male perché, sul momento, il giovane non percepisce la reale entità del danno e si sente onnipotente per via della esaltazione mentale, dovuta alle altre sostanze. Purtroppo questa moda di associare bevande alcoliche, cannabis, marijuana o cocaina, a medicinali, come psicofarmaci e altri tipi di farmaci dopanti, è molto diffusa, soprattutto tra i più giovani, perché rubano le medicine ai genitori per poi creare mix letali. È indubbio che i genitori debbano stare molto attenti ai medicinali che tengono in casa e nelle scuole bisognerebbe spiegare gli esiti e i danni che creano l’assunzione di queste sostanze.

di Maura Manca, Psicoterapeuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *