corpo

Bambine e preadolescenti in ansia per il proprio aspetto, che sognano la chirurgia plastica


Bambine e ragazze non accettano il proprio corpo, neanche nelle parti intime, sono insoddisfatte e sempre più spesso vorrebbero ricorrere alla chirurgia plastica. Sono preoccupanti i dati e le storie, provenienti dal Regno Unito, denunciate alla BBC dal presidente della Società Britannica di Ginecologia Pediatrica e Adolescenziale, che ha segnalato un aumento degli interventi di labioplastica nelle minorenni, anche di giovanissima età.


Bambine e chirurgia plastica

Tra il 2015 a 2016 nel Regno Unito più di 200 ragazze sotto i 18 anni, tra cui più di 150 di età inferiore ai 15 anni, si sono sottoposte a interventi di chirurgia labioplastica, che serve a ridurre o rimodellare le piccole labbra della vulva, eliminare l’eccesso di pelle o correggere le asimmetrie. Problemi che non dovrebbero interessare preadolescenti e adolescenti, se non in casi eccezionali, e ancor meno delle bambine; sempre più spesso, però, la preoccupazione per l’aspetto estetico, anche nelle parti intime, colpisce sin dall’infanzia.

L’insoddisfazione per il proprio corpo, le ansie e le preoccupazioni per l’aspetto estetico sono fenomeni normali in fasi delicate come preadolescenza e adolescenza, in cui si sta crescendo, è più difficile accettarsi, si ha paura del confronto con le coetanee. Il dato che deve far riflettere è che l’età in cui si inizia ad avere una percezione sbagliata del proprio corpo si sta abbassando drasticamente: già a partire dai 7-8 anni d’età, infatti, le bambine si lamentano di essere “grasse”, sono insoddisfatte del proprio corpo e non si piacciono quando si guardano allo specchio.

Social media e pornografia online hanno un ruolo?

Secondo gli esperti un ruolo potrebbe essere giocato anche dall’enorme diffusione della pornografia attraverso i social media, sempre più accessibile e alla portata di tutti, anche dei più piccoli. Le immagini che le ragazzine osservano, però, possono portarle a una percezione irrealistica, perché distorta, della sessualità, del corpo e dell’aspetto delle proprie parti intime.

Ragazzine sempre più piccole che, fin da 11- 12 anni, pensano ci sia qualcosa che non va in se stesse, nel loro aspetto estetico e persino nelle parti intime, con un’immagine sbagliata e irrealistica, dovuta alle immagini cui sono sempre più esposte.

 

Il primo incontro con la pornografia online avviene già a 9 anni: come comportarsi?

 

Redazione AdoleScienza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *