anoressia maschile

Paure e insicurezze sul fisico colpiscono anche i ragazzi


Dieta, esercizio fisico e ansia per l’aspetto estetico non riguardano più soltanto le ragazze; problemi legati all’immagine corporea colpiscono gli stessi coetanei di sesso maschile, anche con il rischio di sviluppare dei disordini alimentari.

Da un sondaggio, condotto da Credos (http://www.adassoc.org.uk/publications/picture-of-health/), in cui sono stati intervistati più di 1000 studenti di sesso maschile tra gli 8 e i 18 anni, è emerso che il 55% vorrebbe iniziare una dieta per sentirsi più bello, mentre il 48% pensa che l’attività fisica esasperata sia una strategia per arrivare ad una forma fisica migliore. Secondo il 56%, i disturbi alimentari rappresentano una realtà che colpisce molti giovani della loro età, tuttavia, è un problema spesso sottovalutato nei soggetti di sesso maschile.

Inoltre, chi è convinto che le immagini maschili all’interno delle pubblicità siano realistiche (non ritoccate), è più portato a credere che esista un prototipo di corpo perfetto (il 42%), verso cui bisogna ambire.

Per la maggior parte dei ragazzi, insomma, l’aspetto estetico è fondamentale per una buona accettazione di sé: sono preoccupati di ciò che gli altri pensano rispetto alla loro forma fisica e fanno di tutto per raggiungere la meta prefissata, perdere peso e avere un corpo atletico e muscoloso.

Cos’è che influisce maggiormente sul desiderio di ottenere un aspetto impeccabile?

Secondo il 68% degli intervistati ci sarebbero le pressioni da parte degli amici, mentre per il 57% sono i social media lo strumento che più li condiziona, seguiti dall’influenza delle pubblicità (53%) e delle foto delle celebrità sui giornali, in TV e online (49%).

Bisogna fare attenzione perché l’ambiente culturale di appartenenza gioca un ruolo importante nelle convinzioni e aspettative relative all’immagine corporea, ma l’influenza riguarda soprattutto quei ragazzi che vivono già una profonda insicurezza e scarsa autostima.

Redazione AdoleScienza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *