paura sbagliare

“Tanto non ce la faccio”! La paura di sbagliare che blocca i ragazzi


Molti preadolescenti e adolescenti possono percepirsi come inadeguati nell’affrontare i compiti evolutivi propri di queste fasi. Non si sentono in grado di sperimentare sé stessi nei numerosi cambiamenti che investono la loro vita: le relazioni sociali, le nuove esperienze di crescita, la scuola, l’apprendimento e le attività sportive possono così rappresentare un banco di prova o verifica in cui unica costante è la paura di sbagliare.

La sensazione di “non essere all’altezza” o “non essere in grado di” può portare molti ragazzi ad evitare le situazioni che suscitano in loro preoccupazione o agitazione oppure a sviluppare una sorta di perfezionismo, una tendenza ad essere sempre sicuri di ogni azione per evitare qualunque tipo di errore. In entrambe le situazioni, resta la DIFFICOLTA’ a vivere con serenità e sicurezza le nuove esperienze, pur quando desiderate e attese. La sensazione che ne può derivare è di “non essere abbastanza”, di sbagliare qualunque cosa si faccia, di “non andar bene come si è”, di “essere sbagliati”.

Spesso, purtroppo, anche noi adulti tendiamo a condannare a priori l’errore e l’incertezza, non lo comprendiamo, creiamo delle aspettative elevate, non riusciamo a concedere il giusto tempo per conoscere se stessi e il mondo circostante, sperimentarsi, mettersi alla prova.

Soprattutto all’interno dei contesti familiari ed educativi, non lasciar spazio all’errore, non tollerare la frustrazione derivante da uno sbaglio e non permettere la ricerca del proprio modo personale di sperimentarsi, può alimentare vergogna, senso di colpa, senso di inadeguatezza, paura di sbagliare.

Concedere la possibilità di un errore non significa eliminare regole e confini, che pure sono fondamentali per i ragazzi, ma significa concedere loro una possibilità per confrontarsi con sé stessi e con gli altri in modo sereno e senza enfatizzare le paure che già fisiologicamente sperimentano.

Bambini e adolescenti sempre più vittime dell’ansia da prestazione

Redazione AdoleScienza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *