dispercezione corporea

4 adolescenti su 10 seguono una dieta. Il ruolo della rete e dei social nell’insorgenza delle problematiche alimentari


Il profilo dell’adolescente con problematiche alimentari

Quasi 3 adolescenti su 10 dichiarano di aver ridotto il cibo drasticamente, di cui il 18% sono femmine; circa 5 adolescenti su 10 si sono abbuffati fino al punto di stare male e nel 30% dei casi riguarda i maschi; infine il 15% si provoca il vomito dopo aver mangiato.

Questo tipo di problematiche legate al corpo vengono spesso accompagnate da altre manifestazioni di disagio come per esempio l’autolesionismo, la bassa autostima, la depressione, l’abuso di alcol e i pensieri suicidari.

Più di 1 adolescente su 10, infatti, non si apprezza e non si piace e non è soddisfatto di se stesso.

non accettazione peso

Chi controlla il proprio corpo attraverso DRASTICHE RIDUZIONI DI CIBO, nel 18% dei casi, fa anche uso di bevande alcoliche, il 10% ha pensato al suicidio mentre l’8% è ricorso a condotte autolesive. Il 56% degli adolescenti che dichiara di aver ridotto drasticamente il cibo, sostiene anche di non piacersi e di non essere soddisfatto di se stesso.

Tra coloro che si sono ABBUFFATI DI CIBO, il 32% beve anche alcolici, il 13% ha pensato al suicidio, mentre il 12% è un’autolesionista.

Degli adolescenti che si sono indotti il VOMITO, il 10% beve alcolici e il 6% ha pensato al suicidio e ha messo in atto condotte autolesive.

Il 5%, inoltre, dichiara di essere CONDIZIONATO DAI “MI PIACE” e dai commenti che ottiene sui vari social network: il 10% dei ragazzi teme infatti il giudizio degli amici.

 

Dai dati emerge un profilo piuttosto allarmante dell’adolescente con problematiche alimentari: esiste una relazione tra i ragazzi con questo tipo di condotte e la manifestazione di disagi legati all’immagine di sé e del proprio corpo, una bassa autostima e la presenza di sintomi depressivi che colpisce circa il 20% dei ragazzi, che li può portare anche a farsi intenzionalmente del male come nel caso dell’autolesionismo.

In effetti, spesso si è presi di mira dai coetanei per il proprio aspetto e per la propria immagine, viene intaccata la sicurezza personale e stima di se stessi, si rischia di diventare troppo critici con se stessi, di non accettare la propria immagine e il proprio corpo.

 

corpo spina

Adolescenti a dieta: i pericoli dell’alimentazione “fai da te”, con le app e i farmaci

4 ADOLESCENTI SU 10 SEGUONO UNA DIETA perché devono dimagrire in quanto non si accettano così come sono e non sono soddisfatti del loro corpo, di cui il 20%, poco più della metà, sono ragazze.

Solo un 15% segue una dieta per problemi legati alla salute o alla attività sportiva agonistica.

Il dato allarmante è che gli adolescenti adottano sempre più le diete “fai da te”, il 13% di loro infatti riduce autonomamente il cibo senza nessun tipo di indicazione specifica e il 2,5% ha preso anche farmaci per dimagrire. Il 3% segue una dieta indicata dagli amici, il 2% ha scaricato una App specifica sullo smartphone e circa il 2% segue le indicazioni trovate in rete. Solo un 19% si rivolge a medici specialistici.

Il 49% ritiene che il proprio peso sia giusto, il 36% che debba diminuire e il 15% che debba aumentare. Sono maggiormente i maschi ad avere la percezione di un peso corporeo adeguato o inferiore alla media, mentre le femmine sono insoddisfatte e convinte che il proprio peso debba calare. La maggior parte delle ragazze controlla il proprio peso ogni giorno o più volte al giorno.

 

SOCIAL MODE E THIN INSPIRATION

Anoressia, bulimia, alimentazione incontrollata (binge eating), sono problemi in netta espansione con un’età di insorgenza sempre più bassa. Oggi si manifestano soprattutto nel web e vengono rinforzate anche dalle social mode in cui il corpo è al centro dell’attenzione degli obiettivi degli smartphone e il popolo del web è il giudice sovrano.

Coloro che dichiarano di aver RIDOTTO DRASTICAMENTE IL CIBO sono anche coloro che sono condizionati dal numero di like ottenuti ai post o alle foto pubblicate sui social network, dal giudizio degli altri e sono anche le adolescenti che condividono tutto sui social e nelle chat di messaggistica istantanea, comprese le foto intime e private.

In questi ultimi anni, infatti, stiamo assistendo sempre più al rinforzo delle problematiche alimentari nel Web, addirittura in rete esistono delle comunità che spiegano come dimagrire, che sostengono questi ragazzi dando consigli su come nascondere ai genitori l’eccessiva magrezza, rinforzando questo tipo di comportamenti.

Quasi 2 adolescenti su 10 hanno partecipato ad una moda a catena sui social di cui le più diffuse sono quelle alcoliche o quelle incentrate sulla ThinInspiration, ossia l’ispirazione al magro tra cui le più diffuse nel web sono il:

THIGH GAP. Si tratta dello “spazio tra le cosce” misurato in piedi con le gambe e i piedi ben attaccati o coricate con le ginocchia alzate. Le ragazze si fotografano le cosce in slip o con pantaloni attillatissimi.

thigh gap2

BIKINI BRIDGE. Consiste nel fare un selfie da sdraiati in costume in cui in cui viene fotografato il “ponte” creato dal pezzo inferiore del bikini, che dovrebbe appoggiarsi sulle ossa del bacino ben visibili e sporgenti.

bikini bridge

 

A4 WAIST CHALLENGE. Consiste nel fare un selfie con un foglio A4 disposto in verticale all’altezza della vita in modo tale che il foglio riesca a coprire completamente il punto vita.

 

BELLY BUTTON CHALLENGE. Consiste nel scoprirsi la pancia, far passare il braccio dietro la schiena e con il dito si cerca di raggiungere l’ombelico.

 

BELLY SLOT. Letteralmente “fessura nella pancia”, consiste nel fotografare il proprio addome, mettendo in primo piano, una sorta di solco, che si viene a creare tra gli addominali scolpiti, che collega il seno all’ombelico.

COLLARBONE CHALLENGE. La traduzione letterale è “sfida della clavicola”. Le ragazze si fotografano, mentre posizionano il maggior numero di monetine nella cavità ossea, che si può creare nella zona della clavicola se si è particolarmente magre, stando attente a non farle cadere.

iPHONE 6 KNEE CHALLENGE. Le ragazze di fronte ad uno specchio si scattano un selfie mentre si misurano l’ampiezza delle gambe, utilizzando l’iPhone 6 che viene posizionato all’altezza delle ginocchia e se rimangono entrambe coperte dal cellulare significa che le gambe sono magre al punto giusto.

Iphone 6 challenge

Ideali di bellezza irraggiungibili: adolescenti insoddisfatti, condizionati dai social e alla ricerca di approvazione

Si vive ormai in una realtà basata sull’estetica e sull’apparenza, che genera nuove mode e nuove tendenze, talvolta molto pericolose per la salute, in cui i ragazzi si riconoscono e che individuano come criteri da seguire.

L’influenza dei modelli sociali e dei messaggi incentrati sulla magrezza, che di continuo vengono trasmessi, possono avere sulla psiche dei più giovani delle conseguenze importanti: molti di loro sono perennemente a dieta, si affidano ad un’alimentazione “fai da te”, a quello che trovano su internet, ricorrono a metodi drastici, o utilizzano pastiglie dimagranti senza prescrizione medica.

Troppi adolescenti seguono i “consigli” diretti e indiretti di Fashion Blogger, modelle, personaggi famosi che postano le loro diete ipocaloriche o le loro indicazioni alimentari completamente sbilanciate che se, riapplicate dai più giovani ancora in fase di crescita e di strutturazione, rischiano di creare dei danni anche permanenti.

Gli adolescenti sono bombardati sui social network da corpi statuari, troppo magri, ritoccati, finti, che possono condizionare notevolmente a livello psicologico i più giovani catapultati nel mondo della adolescenza, in cui il corpo riveste un ruolo centrale e viene usato anche per comunicare i propri disagi e le proprie vulnerabilità.

 

Campione

Dati Osservatorio Nazionale Adolescenza (www.adolescienza.it/osservatorio), Presidente dott.ssa Maura Manca, su oltre 7.000 adolescenti italiani dal nord al sud di età compresa tra i 13 e i 18 anni.

 

Comunicato Stampa dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza del 27/05/2016

 

PER INFO E CONTATTI:

redazione@adolescienza.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *