drunkressia

Non mangiare per poter bere di più: la Drunkoressia è la moda dei giovani


Una pericolosa moda molto diffusa fra adolescenti e giovani adulti: non si mangia per poter così assumere elevate quantità di alcolici. La scelta di digiunare è collegata alla possibilità di bere senza limiti, senza preoccuparsi delle calorie o dell’aumento di peso e, contemporaneamente, senza rinunciare allo “sballo” dato dall’alcol.

 


Una preoccupante tendenza, sempre più diffusa all’interno dei campus universitari, tanto da riguardare 8 studenti su 10, che combina comportamenti e abitudini legati all’alimentazione (restrizione alimentare, esercizio fisico eccessivo, abbuffate) con l’uso eccessivo di alcol.

Lo SCOPO sembra essere quello di potersi ubriacare più velocemente e per farlo i ragazzi sono disposti a tutto, anche a indursi il vomito, utilizzare lassativi o diuretici, non mangiare affatto prima di bere.

Uno studio condotto su 1184 studenti universitari americani (età media 22 anni) ha evidenziato come l’81% avesse messo in atto almeno un comportamento legato alla Drunkoressia nei 3 mesi precedenti, in particolare tra coloro che vivono in case dello studente o residenze universitarie, confermando anche la natura sociale del fenomeno e il ruolo che il gruppo può svolgere nel rendere normali o socialmente accettabili quei comportamenti, seppur inadeguati o dannosi, legati all’alimentazione e all’abuso di alcolici.

E se per le ragazze l’obiettivo prioritario sembra essere quello di restare magre e non ingrassare, per i ragazzi si rivela fondamentale la possibilità di ubriacarsi più rapidamente e “sballarsi”; in entrambi i casi, ovviamente, le conseguenze negative e le ricadute sulla propria salute possono essere molteplici.

 

 

Redazione AdoleScienza.it

 

 

 

Riferimenti Bibliografici

Research Society on Alcoholism (2016). Drunkorexia 101: Increasing Alcohol’s Effects Through Diet and Exercise Behaviors. ScienceDaily. Retrieved June 30, 2016 from www.sciencedaily.com/releases/2016/06/160627100223.htm

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *