Parkour

Social mode: PARKOUR


PARKOUR chiamato anche PK, è uno sport estremo nato in Francia intorno agli anni 80’.  Secondo i fondatori il Parkour è l’arte di muoversi nello spazio, naturale o urbano, cercando forme nuove di movimento, adattando il corpo a qualsiasi ostacolo, per spostarsi da un punto A, ad un punto B (percorso che di volta in volta si stabilisce), nel modo più veloce ed efficiente possibile. L’idea è quella di tracciare una rotta o una traccia e realizzarla a prescindere dagli ostacoli che si presentano lungo la strada. La forza, la flessibilità, la coordinazione motoria, l’equilibrio, la velocità, l’agilità sono solo alcune delle caratteristiche che non possono mancare nell’atleta che decide di avvicinarsi a questa disciplina. Il Parkour è considerata un’attività fisica dove non c’è concorrenza. L’unica sfida è contro se stessi e  si combatte ogni giorno attraverso allenamenti duri, ostacoli fisici (muri, ringhiere, tetti), ostacoli psicologici (paura, insicurezza) e ostacoli sociali (accettazione della famiglia, società). La pratica di questo sport è possibile con un durissimo allenamento fisico, unito ad una buona consapevolezza del proprio corpo e dei propri limiti. Purtroppo, però, sempre più ragazzi tentano di imitare i professionisti senza un allenamento adeguato e una protezione sufficiente rischiando di incorrere in contusioni, fratture, strappi muscolari e la morte.