gelosia fratelli

Figlio “prediletto”. I genitori ammettono che esiste


 Tanti genitori si sono sentiti rinfacciare la preferenza da un altro figlio “Lui è il tuo preferito!”. Solitamente mamma e papà giurano che non sia vero, che i figli siano tutti uguali ai loro occhi.

Ma è davvero così?

Una ricerca sembra smascherare i genitori. Lo studio (Shebloski et al., 2016) condotto dall’Università della California conferma l’ipotesi che le preferenze esistono e che tali favoritismi possono anche avere delle conseguenze psicologiche negative sui fratelli o sorelle del “prediletto”.

Lo studio ha coinvolto 384 coppie di fratelli adolescenti, con una differenza di età di 4 anni al massimo, e i loro genitori, seguiti per 3 anni, con due incontri ogni anno. Dalle osservazioni e interviste, è emerso che il 70% dei padri e il 74% delle madri hanno ammesso di avere una certa preferenza verso un figlio, senza però precisare quale.

A chiarire la questione ci hanno pensato i ragazzi.

La maggior parte dei secondogeniti intervistati, infatti, ha dichiarato di sentire una disparità e di percepire il fratello maggiore come il favorito di mamma e papà. Essi hanno anche ammesso che tale predilezione dei genitori verso il primogenito, ha avuto su di loro effetti negativi in termini di autostima. La conferma arriva dai primogeniti stessi che riferiscono di sentirsi, in effetti, i preferiti dei genitori.

I figli sono diversi e tali diversità vanno valorizzate per far sentire ciascuno, unico nelle sue caratteristiche.

Sebbene possa esserci maggiore affinità con qualche figlio, bisogna fare attenzione a non rimarcare favoritismi e a non fare confronti tra i fratelli, poiché questo può incrementare la rivalità tra loro e intaccare l’autostima e la sicurezza dei figli che percepiscono la disparità.

Gelosia tra fratelli: uno stress per i genitori

 

Redazione AdoleScienza.it

 

Riferimenti Bibliografici

Shebloski B., Conger K. J., Widaman K. F. (2005). Reciprocal links among differential parenting, perceived partiality, and self-worth: a three-wave longitudinal study. Journal of Family Psychology, 19(4), 633.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *