voce mamma

La voce della mamma stimola le relazioni sociali e lo sviluppo del bambino


I bambini riconoscono la voce della mamma in meno di un secondo e i più reattivi sembrano dimostrarsi anche più socievoli degli altri.

 

Uno studio condotto dai ricercatori della Stanford University (Abrams et al., 2016), ha analizzato l’attività cerebrale di 24 bambini di età compresa tra i 7 e i 12 anni, mentre ascoltavano parole pronunciate da donne diverse, fra cui le loro madri. Il 97% ha riconosciuto la voce della propria mamma, anche in meno di un secondo.

Tramite risonanza magnetica è stato poi evidenziato come la voce materna possa stimolare numerose aree cerebrali, che non si attivano quando a parlare è un interlocutore “neutro”. Tra queste aree, ad esempio, il sistema cerebrale che determina il comportamento legato al soddisfacimento dei BISOGNI e quello associato alla visione dei volti. Secondo i ricercatori, è possibile che i bambini riescano a visualizzare il volto materno mentre ascoltano la sua voce.

La voce materna, inoltre, sarebbe in grado di influenzare anche il comportamento dei figli: i più reattivi allo stimolo vocale, infatti, si sono dimostrati più abili nel fare amicizia, più propensi alle relazioni sociali e con maggiori abilità comunicative.

Redazione AdoleScienza.it

 

Riferimenti Bibliografici

Abrams D. A., Chen T., Odriozola P., Cheng K. M., Baker A. E., Padmanabhan A., Ryali S., Kochalka J., Feinstein C., Menon V. (2016). Neural circuits underlying mother’s voice perception predict social communication abilities in children. PNAS, doi:10.1073/pnas.1602948113

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *