quo vado

Quo vado? L'ultimo film di Checco Zalone in chiave psicologica


Bambini che crescono in modo incivile, che apprendono la scarsa tolleranza, senza il rispetto per l’ambiente e per il prossimo, se il genitore non fa la raccolta differenziata, suona il clacson al semaforo, non si mette la cintura, se non rispetta le file, le regole, se urla, cosa si pretende faccia il figlio quando si dovrà relazionare con l’ambiente e con il prossimo?”

Ho analizzato il film da un punto di vista psicologico perché offre veramente una serie interessante ed estremamente realistica di punti di riflessione. Leggi tutto l’articolo sul mio blog AdoleScienza su L’Espresso online.

di Maura Manca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *