autolesionismo cutting

L’autolesionismo nell’era digitale: uno strumento di comprensione e una guida per genitori


Autolesionismo è una parola difficile da pronunciare, soprattutto, quando a farsi del male intenzionalmente e da soli sono i giovanissimi alle prese con il loro dolore. È un fenomeno estremamente diffuso nel nostro Paese, sono oltre 2 adolescenti su 10, che a partire dagli 11-12 anni di età si tagliano, si graffiano, si bruciano, danno pugni al muro, si creano contusioni e scarificazioni. Il corpo diventa per loro un mezzo su cui scaricare tutte le emozioni negative, che non si riescono a gestire in altro modo. Il 50% degli adolescenti autolesionisti è anche vittima di cyberbullismo e il 32% di bullismo. Sono ragazzi presi sistematicamente di mira dai compagni, si sentono incompresi, vengono denigrati, provano la sensazione di esplodere e decidono di farsi del male.

Viviamo in una società che non è pronta a contenere il dilagare di questo problema, la scuola non è in grado di cogliere i segnali e di accogliere questi ragazzi e le famiglie non conoscono la vera entità del problema, e quando scoprono il disagio del figlio, non hanno gli strumenti giusti per parlare con loro e per gestire in maniera efficace la situazione. È inaccettabile per un genitore che un figlio si autolesioni, che non abbia altre risorse per elaborare la quotidianità e che sfoghi tutto sul suo corpo, senza parlare, nascondendo le ferite dietro maniche lunghe, braccialetti, graffi del gatto, cadute accidentali e altre bugie.

Sono ragazzi che si vergognano profondamente, vivono con i sensi di colpa e hanno paura di essere stigmatizzati, considerati “pazzi” e si chiudono ancora più a riccio nel loro dolore. Nei loro comportamenti non c’è un intento suicidario, i tagli sono fatti in modo che non si muoia dissanguati, ma che si scarichi solo tutta la sofferenza interna, che non si riesce a gestire con una modalità più adattiva.

L’AUTOLESIONISMO NELL’ERA DIGITALE è il nuovo libro della dott.ssa Maura Manca edito da Alpes, unico in Italia ad approfondire il ruolo della rete e dei rifugi virtuali nell’autolesionismo, in grado di essere una chiara e valida guida per genitori ed insegnanti e fornire gli indicatori per riconoscere precocemente il problema e i consigli su come intervenire in maniera efficace.

copertina Manca Autolesionismo piatto

Oggi non si può più prescindere dalla tecnologia, gli adolescenti veicolano tutte le loro azioni e relazioni attraverso chat e social, che diventano spesso i luoghi in cui condividono anche il loro dolore e la loro sofferenza. Ci sono anche tante app e chat che gli adulti non conoscono, utilizzate come mezzo per condividere i comportamenti autolesivi di nascosto dagli adulti. Dietro l’hashtag #cut, #selfharm, #cutting, si cela un mondo sommerso che deve assolutamente emergere. Sono decine di migliaia i video su YouTube e centinaia le comunità online in cui vivono questi ragazzi. A volte sono una via d’uscita, un conforto, un luogo protetto, altre, luoghi di rinforzo, di esaltazione di questi comportamenti e di emulazione. Il rapporto tra social media e autolesionismo è molto stretto e rischia di condizionare la vita di questi ragazzi, soprattutto dei più giovani e di coloro che sono più vulnerabili.

Non solo autolesionismo, nel testo si parla anche di body modification e di tutti quei fenomeni che si diffondono a macchia d’olio nella rete, come le “challenge” o “sfide social”, in cui si è disposti a modificare il proprio corpo pur di apparire più belli e riuscire a fare il selfie perfetto, e del fenomeno delle “bambole umane” o “living doll”, in cui i giovanissimi decidono di modificare chirurgicamente il proprio corpo rinunciando alla propria identità per diventare una bambola.

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA IN FORMATO PDF L’autolesionismo nell’era digitale. Comunicato Stampa (1)

Comunicato Stampa del 27/03/2017

Osservatorio Nazionale Adolescenza (Presidente dott.ssa Maura Manca)

osservatorioadolescenza@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *