Dizionario Social Mode


LE SOCIAL MODE TRA DIVERTIMENTO, FOLLIA E RISCHIO DALLA A ALLA Z

Le social mode, i social game sono tutte attività definibili culture bound cioè caratterizzate o determinate dalla cultura tecnologica di questi ultimi anni.

 PERCHÉ SI CHIAMANO SOCIAL GAME O SOCIAL MODE?

Ogni impresa viene filmata e poi inserita online su specifiche pagine create sui social network o su siti per postare video, diventando visibili in un istante a migliaia di visitatori e partecipanti, creando anche uno spaventoso effetto contagio. Nell’arco di poche ore le mode impazzano nel Web e giovani di tutto il mondo si filmano, si fotografano, creano e postano sui social network. In pochissimo tempo i like aumentano a dismisura insieme alle migliaia e migliaia di utenti. Questo tipo di effetto è visibile soprattutto tra i più giovani favorito dalla ricerca di modelli di riferimento con i quali identificarsi che può aumentare il rischio di attivare comportamenti di imitazione, di sfida e di competizione tipicamente adolescenziali.

QUALI SONO LE SOCIAL MODE, I SOCIAL GAME E I SOCIAL DRINKING PIÙ IN VOGA O PIÙ PERICOLOSI E PERCHÉ?

Il Web ormai rappresenta la principale vetrina mondiale in cui è possibile esprimere follia, creatività, patologia e condividerla in pochi istanti con tutti gli utenti della rete. Tendenzialmente si accusano i più giovani di essere registi e attori delle più disparate trovate esibizioniste, sempre in cerca di attenzione e approvazione sociale, capaci di mettere a repentaglio la propria vita pur di guadagnare “mi piace”, condivisioni e commenti. Attualmente possiamo osservare che anche adulti e professionisti nei luoghi di lavoro (medici nelle sale operatorie, piloti all’interno degli aerei) si cimentano nei selfie più particolari pur di godere di un attimo di popolarità nel web.

Per questa ragione abbiamo deciso di creare il primo Social  DIZIONARIO della Rete che aggiorneremo passo dopo passo sulle social mode, i social game, i social drinking e tutte le tendenze giovanili che poi vengono fotografate e/o filmate e postate appunto nei social network o che comunque coinvolgono la rete. Lo scopo è quello di monitorare i comportamenti dei ragazzi di oggi per tracciarne un profilo sempre aggiornato, con la finalità di comprendere questi comportamenti e gli andamenti psicologici e psicopatologici tendendo sempre presente quanto, ai giorni nostri, le forme di disagio psichico e di psicopatologia si esprimano associate con estrema frequenza all’uso della tecnologia, degli smartphone, a cavallo tra il reale e il virtuale.

Altra finalità è quella di evidenziare tutti i rischi in cui si può incorrere mettendo in atto determinati comportamenti con l’obiettivo di evidenziare la pericolosità di determinate azioni ai fini prettamente preventivi e NON imitativi. È vero che non tutte le social mode e i social game sono pericolosi per la salute, ma è anche vero che quello che rende pericolosi tanti “giochi” o “divertimenti” sono le persone che alterano il senso del gioco e tendono ad  arrivare dove gli altri non arrivano.

A  –  B  –  C  –  D  –  E  –  F  –  G  –  H  –  I  –  J  –  K  –  L  –  M  –  N  –  O  –  P  –  Q  –  R  –  S  –  T  –  U  –  V  –  W  –  Z