alcool

Cala l’età della prima sbronza: i ragazzi bevono sempre di più


L’abuso di bevande alcoliche è un fenomeno sempre più diffuso tra i giovanissimi, nonostante sia ancora troppo spesso sottovalutato.

I ragazzi si avvicinano all’alcol sempre più precocemente e ne abusano già a partire già dagli 11-12 anni.

Maura Manca, presidente dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza, ha così commentato sulla rivista ORA: «L’abuso di bevande alcoliche durante il periodo adolescenziale è veramente un problema molto serio. A volte, quando non si è pienamente coscienti e lucidi, si prendono decisioni che in altre condizioni non si prenderebbero mai. Ad esempio, un’adolescente su 50 dichiara di aver fatto sesso perché costretta a farlo e fra loro l’81% afferma di bere alcolici».

In questo quadro spaventoso entrano in gioco anche i social, perché i giovani: «riprendono con lo smartphone le bravate in auto o in moto, si scattano selfie ubriachi mentre fanno le loro “prodezze”. Si chiamano “kilfie” o killer selfie, e sono quelle foto in cui si mette a rischio la vita».

ORA