Stampa

Educazione digitale e alla sessualità fin da piccoli. Qual è il ruolo degli adulti?


A Uno, nessuno 100milan, su Radio 24, la trasmissione condotta da Alessandro Milan e Leonardo Manera, la dott.ssa Maura Manca ha approfondito la delicata questione dell’utilizzo dello smartphone da parte dei bambini e degli adolescenti e i rischi a cui vanno incontro se non adeguatamente accompagnati e monitorati dai genitori.


Secondo i dati dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza il 98% dei ragazzi, tra gli 11 e i 18 anni, possiede un cellulare personale. Solitamente, intorno ai 9 anni d’età, ricevono il primo smartphone, con un accesso estremamente facilitato e soprattutto continuativo alla rete.


E’ giusto controllare i cellulari dei propri figli? Qual è l’età giusta per comprare lo smartphone?

Urge un’educazione alla sessualità 

In età molto precoci ormai, bambini e ragazzini iniziano a venire in contatto con contenuti sessuali e con la pornografia, affidandosi al web per conoscere tutto ciò che riguarda la sessualità (il 24% secondo i dati dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza).

Se nessuno parla con loro di sessualità, cresceranno con idee distorte che riprodurranno con comportamenti decisamente a rischio,  inconsapevoli di ciò che stanno facendo e dei pericoli che stanno correndo.

Proprio per tale ragione è importante cambiare le cose e accompagnare bambini e ragazzi durante il loro percorso di crescita, attraverso interventi ad hoc di educazione all’affettività e alla sessualità, unito ad uso sano e consapevole di Internet.

I genitori come si dovrebbero comportare? E qual è il ruolo della scuola?

Ascolta la puntata del 5 novembre 2018 a partire dal minuto 23.37:

https://www.radio24.ilsole24ore.com/player/riascolta/archivio/Mon10?fbclid=IwAR1LFc4Xemv9sjNkBwxyL6prnJwBiLKjcUEmrJjXRvO5AvgHQ1aPiqR2wPI