Marzullo

Ragazzi Violenti. Un viaggio nelle menti di vittime e aggressori. Maura Manca a Milleeunlibro Scrittori in TV


“Se vogliamo combattere la violenza, dobbiamo spogliare vittime e carnefici dei loro ruoli, ridare loro la dignità, la possibilità di scegliere, di esprimersi e di sviluppare quella capacità che permette di affrontare se stessi e il mondo circostante senza paura”

Un interessantissimo approfondimento sull’ultimo libro della dott.ssa Maura Manca, psicoterapeuta, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza, “Ragazzi Violenti. Un viaggio nelle menti di vittime e aggressori”, edito da Imprimatur.

Un libro profondo, vero, per conoscere le radici del malessere che attanaglia tanti giovani.

Si tratta di un’analisi accurata di tutte le problematiche dei giovani di oggi, fatta di testimonianze e storie vere, uno strumento per ragazzi, genitori e insegnanti per comprendere emozioni e sentimenti degli attori della violenza.

E’ un libro che narra storie di vita vissuta e ci aiuta a comprendere fenomeni di cui si parla poco: autolesionismo, violenza di genere, droghe da stupro, stalking, revenge porn, che sono solo alcune delle forme di quotidiana violenza che molti adolescenti subiscono o perpetrano fuori dalle cronache mediatiche, più interessate ai fenomeni del bullismo e delle baby gang.

Se si continuano a sottovalutare questi fenomeni, si continueranno a mettere i cerotti, mentre si dovrebbe prendere in mano il problema sul nascere a partire dalle scuole primarie.

Nel libro non si parla solo di ragazzi violenti verso gli altri, ma anche di coloro che agiscono la violenza verso se stessi. L’autolesionismo tra i giovani è un fenomeno ancora troppe volte sommerso, di cui spesso non si vuole parlare, rischiando così di lasciare i ragazzi in balìa di se stessi, da soli a gestire attraverso queste condotte il loro dolore interno e la loro sofferenza, scaricando sul corpo tensioni ed emozioni che non riescono a comunicare in altro modo.

Come nasce questo libro? Perché è importante affrontare questi temi, analizzando il punto di vista sia delle vittime che dei carnefici? Questi ragazzi possono essere rieducati? In che modo si può intervenire? 


“Vittime e carnefici sono complementari: non esiste l’uno senza l’altro, a un passo dell’uno corrisponde un passo dell’altro, si muovono come se danzassero un passo a due dove uno, però, impone irresponsabilmente i suoi tempi, i suoi ritmi e il proprio volere mentre l’altro subisce, cercando di liberarsi dalla morsa della cintura dell’insicurezza, delle aspettative e della debolezza stretta del suo aggressore.”


La dott.ssa Maura Manca ne ha parlato a Milleeunlibro Scrittori in TV su Rai 1, il 20 gennaio 2019, con Gigi Marzullo.

Clicca sul link per vedere alcuni degli interventi di Maura Manca:

https://www.facebook.com/mancamaura/videos/2016976445273466/

https://www.facebook.com/mancamaura/videos/2016976335273477/ 

Per guardare l’intero servizio, cliccare sul link a partire dal minuto 00.28.40:

https://www.raiplay.it/video/2019/01/Milleeunlibro-Scrittori-in-TV-21a5092b-ec74-48e4-86c0-5f98445bdaca.html