Social Dizionario


IL SOCIAL DIZIONARIO

LE SOCIAL MODE TRA DIVERTIMENTO, FOLLIA E RISCHIO DALLA A ALLA Z

 

A

À L’EAU OU AU RESTO è l’ultima moda nata in Francia sulla scia del Necknominate e che ormai si sta diffondendo in breve tempo ovunque. Come dice il nome stesso “all’acqua o al ristornate”, è una vera e propria sfida che si manda ad amici o parenti sul web e consiste nel bagnarsi o nel tuffarsi nei modi più bizzarri, da soli o in compagnia, nell’acqua, che può essere un fiume, un lago, una fontana, una piscina gonfiabile ecc ecc, vestiti normalmente, in costume da bagno o con abiti particolari. Una volta compiuto il gesto, si devono nominare a loro volta altre tre persone che possono accettare la sfida entro 48 ore oppure rifiutarsi e pagare una cena in un ristorante alla persona che li ha nominati. Rischi: se si osa troppo si incorre in rischi di contusioni e fratture. Ha già fatto la prima vittima.

ALCOLPOPS consiste nel bere delle bevande appartenenti alla categoria dei liquidi accessori o complementari che contengono alcol etilico, in una percentuale variabile tra il 5 ed 7%. L’aspetto estetico gioca un ruolo fondamentale nella vendita di queste bevande: bottigliette e lattine variopinte, colori sgargianti, e confezioni accattivanti e trandy e i compratori sono sempre più giovani. Il sapore dolce e fruttato camuffa il gusto dell’alcol, facendolo somigliare di più a una bevanda analcolica. Il gusto delicato  piace ai giovanissimi che rischiano di sottovalutarne i pericoli e di berne in quantità maggiori. Non è un fenomeno da sottovalutare perché non essendo bibite particolarmente alcoliche e dai colori invitanti sono bevute anche dai più piccoli in grandi quantità. I rischi  consistono nel pericolo dello sviluppare il Binge Drinking, intossicazioni alcoliche, abuso e dipendenza da alcol.

AZURER è una moda tipicamente Giapponese. I giovani, ormai da anni, vanno in giro indossando una barba fatta di fagioli rossi, gli Azuki, dalle forme più strane.

 

B

BABY NOMINATION nell’ultimo periodo le bacheche di Facebook sono state invase di foto della propria infanzia. Il gioco consiste nel fare una nomination su Facebook, pubblicare la propria foto da bambini e nominare altri amici a fare lo stesso. Qual è lo scopo? Rispolverare qualche vecchio ricordo, una leggera malinconia, come passatempo, condividere con gli amici un pezzo dell’infanzia? Ognuno avrà le proprie motivazioni, ma sicuramente rappresenta una moda innocua e che il più delle volte strappa un sorriso.

BABYSUITING è la social moda che consiste nel fotografare i neonati con vestiti oversize. Si tratta della nuova tendenza lanciata dalla blogger di Mommy Shorts che dagli Stati Uniti sta rimbalzando in tutto il mondo, anche nel nostro Paese. Su Instagram risponde al tag #babysuiting e coinvolge gli adulti. Come funziona? Bisogna prendere un neonato stenderlo su un tappeto o sul letto, vestirlo e, in qualche caso truccarlo, con gli abiti oversize di uno dei due genitori, scattare la foto e postarla su Instagram.

BAGEL HEAD è una moda che arriva direttamente dal Giappone la cui traduzione è testa a ciambella. Consiste in una temporanea modificazione del corpo facendosi creare una ciambella sulla fronte attraverso un’iniezione di soluzione salina.

BALCONING è un gioco che consiste nel lanciarsi dal balcone o dalle finestre poste ad un piano elevato nelle piscine sottostanti per esempio degli hotel oppure direttamente in un altro balcone. Il salto poi viene filmato e condiviso sui vari social network. Spesso i ragazzi che mettono in atto questa pratica sono sotto effetto di alcol o sostanze stupefacenti e non si rendono conto della pericolosità del gesto. Ha già fatto diverse morti e feriti.

BASE JUMPERS è una attività in cui ci si lancia da luoghi piuttosto alti, tra cui anche tetti di palazzi a volte senza il paracadute con la speranza di trovare qualcosa che attutisca l’atterraggio. Il rischio è quello di procurarsi contusioni importanti e di morire.

BATMANNING consiste nel rimanere a testa in giù appesi con i piedi che fanno da àncora aggrappati a qualsiasi cosa, con le braccia lungo il corpo e con nessuna espressione facciale e farsi fotografare per postare la foto sui social. consiste nel rimanere appesi a testa in giù con la sola forza dei piedi e delle caviglie, come un pipistrello. Rischi: cadere sulla parte superiore della testa che può portare a contusioni e danni vari.

BEAUTIFUL AGONY  è un Selfie in cui gli utenti postano foto e video sui social network del proprio volto, nel preciso istante in cui raggiungono l’orgasmo. Ormai l’intimità e il concetto di privato non esiste più.

BEDSTAGRAM è un autoscatto tra le lenzuola, possibilmente appena sveglie e al naturale. Ne possiamo trovare di diversi tipi: i Selfie con la faccia schiacciata sul cuscino, quelli dove gli occhi si intravedono tra le lenzuola, quelli con la colazione a letto e quelli dove le braccia coprono il volto come a volersi nascondere dall’obiettivo.

BELFIE è una variante dei più popolari Selfie e consiste nel postare sui social network, l’autoscatto del proprio lato B e attendere gli apprezzamenti e i “mi piace”. Spesso viene utilizzato anche lo specchio, per dare un tocco più artistico alle foto.

BEER SELFIE. E’ uno dei tanti Selfie che girano sul web e consiste nel fotografarsi da soli o in compagnia di amici, con in mano un bicchiere o una bottiglia di birra o ancora meglio nel momento in cui la si sta sorseggiando con gusto. Su uno dei più famosi social network, ci sono intere pagine dedicate solo a questo, dove chi vuole può postare la propria foto, in compagnia della birra che più preferisce.

BIKINI BRIDGE è la moda per cui ci si fa un Selfie sdraiate in costume in cui le ragazze si fotografano il “ponte” creato dal pezzo inferiore del bikini, che dovrebbe appoggiarsi sulle ossa del bacino ben visibili e sporgenti. È un inno alla magrezza perché se non si è sufficientemente magre il ponte non si crea.

BINGE DRINKING letteralmente significa “abbuffata alcolica”. Consiste nel bere ripetutamente e velocemente elevate quantità di alcool, in un tempo più o meno breve. Non è importante il tipo di bevanda alcolica ingerita perché l’unico scopo di queste “abbuffate” è l’ubriacatura immediata, quindi la perdita di controllo dovuta all’assunzione di quantità superiori rispetto alle proprie capacità fisiologiche. L’assunzione di alcool e l’episodio di Binge Drinking si differenzia in base al sesso: per gli uomini la quantità è di 5 o più bevande alcoliche in una stessa serata; per le donne la quantità è di 4 o più bevande alcoliche. Viene identificato invece come Binge Drinker la persona che ha avuto da 1 a 4 episodi di Binge Drinking nelle ultime due settimane. Secondo altri  non è il numero di bicchieri a fare la differenza ma la percentuale di alcol che scorre nel sangue e che è nel caso del Binge Drinking è rappresentato dallo 0.08% in su. Le conseguenze di questa moda possono essere pericolose. Vanno da quelle più immediate, come nel caso di guida in stato di ebbrezza con successivi incidenti stradali gravi, la messa in atto di comportamenti violenti verso gli altri o addirittura tentativi di suicidio, a quelle a lungo termine, dopo ore o giorni dal momento dell’assunzione e che colpiscono più che altro a livello psicologico o organico come per esempio: danni alla salute mentale, al sistema gastro-intestinale, neurologico, immunitario e muscolo-scheletrico. Infine esso, può trasformarsi da gioco occasionale svolto in compagnia, in dipendenza da alcol.

BRIDESMAIDS MOONING è una moda-selfie che arriva dagli Stati Uniti e si sveste di bianco. Le protagoniste sono la sposa e le sue damigelle che tutte insieme, in fila, mostrano il lato B che si nasconde sotto gli abiti da cerimonia. Bridesmaids, infatti, significa proprio “damigelle d’onore”, mooning invece indica l’azione di “mostrare il proprio sedere”. In alcuni casi le spose si lanciano nell’iniziativa senza troppi pensieri, alzando anche loro l’abito bianco, altre volte invece semplicemente sorridono divertite, circondate dalle loro amiche che assumono pose sexy alzando gonne e gonnelline. La cosa però da non dimenticare è che una volta scattata la foto, questa deve essere subito condivisa sui vari social network.

 BUTT-CHUNNING consiste nell’assumere alcol non dalla bocca ma dal retto attraverso un tubo, perché l’alcol entra prima in circolo.

 

C

CAR FLIPPING è la moda che consiste nel ribaltare intenzionalmente le auto presenti nella strada in modo tale che il proprietario trovi la propria vettura letteralmente sotto-sopra. Tendenzialmente le macchine prese di mira sono quelle più piccole per via del peso, come le Smart o le mini-car. È una moda che nasce a San Francisco, ma che, grazie ai video inseriti su You Tube o nei social network si è diffusa anche in Italia. I ragazzi incorrono nel rischio di farsi del male fisicamente nel ribaltare la vettura, anche perché spesse volte questi atti vengono commessi in stato di euforia e ubriachezza e poi ci sono tutti i rischi legali.

CAR SURFING è la moda dell’ultimo periodo e consiste nel salire sul tetto di una macchina in corsa, passando dal finestrino, per poi rimanere in equilibrio sul tettuccio della macchina, come quando ci si trova su una tavola da surf.  Questa moda è nata negli Stati Uniti ma che è arrivata presto in Italia e che tuttora è la causa di parecchie morti tra i giovani. La sfida è contro se stessi.

CENE IN BIANCO. La cena in bianco oppure conosciuta come white dinner, è la nuova tendenza social di cenare all’aperto, che ha conquistato le metropoli di tutto il mondo e ultimamente anche le nostre città italiane.  Il passaparola della nuova moda si è diffuso su Facebook, può partecipare chiunque e la segretezza e la sorpresa sono gli elementi chiave del gioco. Infatti, fino a poche ore prima dell’evento non si conosce la location e il mistero viene svelato poco prima della cena, attraverso un sms o una mail mandata agli invitati. Come si potrà intuire il protagonista indiscusso è il bianco: gli abiti dei commensali dovranno essere rigorosamente white ed elegantissimi, e candide saranno anche le tovaglie accompagnate da tovaglioli in stoffa, piatti in ceramica, bicchieri di cristallo. Inoltre, bisogna procurarsi anche tavolini e sedie (sempre bianchi naturalmente), così come le decorazioni per la tavola (fiori, candelabri, candele). L’obiettivo? Trascorrere una serata particolare, conoscere e condividere la cena con nuove persone, in un’atmosfera surreale. Ma il prezzo di tutto questo? E’ assolutamente gratuito, il cibo deve essere  portato da casa, a patto che il luogo che ospiti l’evento, a fine serata, torni immacolato come è stato trovato. Non resta che dirvi BUON APPETITO!!

CHOKING GAME, conosciuto anche come funky chicken o space monkey, consiste nell’auto indursi o farsi generare da un amico uno stato di soffocamento togliendo intenzionalmente l’ossigeno al cervello per strangolamento, con un foulard,  con la finalità di generare uno stato di alterazione della coscienza e euforia. Rischi: danni cerebrali, coma, ictus, morte. Ha già fatto numerose vittime.

CINNAMON CHALLENGE è una moda nata sul web che consiste in una sfida in cui bisogna  filmare se stessi mentre si ingoia un cucchiaio di cannella in polvere in meno di 60 secondi, senza bere acqua, per poi caricare il video sui social network e sfidare gli amici. Può causare gravi rischi per la salute tra cui tosse, vomito, irritazioni all’apparato respiratorio, fino al collasso polmonare.

COCK IN A SOCK questo Selfie tutto al maschile, nasce come una campagna organizzata da Testicular Cancer che mira a sensibilizzare sul tema del cancro ai testicoli. Gli uomini di tutto il mondo sono stati chiamati a pubblicare sui propri profili il loro corpo nudo, con un calzino posizionato sulle parti intime. Questa iniziativa, nata  per promuovere la salute, si è trasformata in un ulteriore occasione per mettere in mostra fisici scolpiti e avere qualche istante di popolarità.

CONDOM ON HEAD che letteralmente significa “preservativo in testa” , è una moda nata sul web qualche anno fa ma ancora oggi molto diffusa. Ci sono dei siti internet in cui viene spiegato passo per passo come agire per riuscire al meglio nell’impresa. L’ingrediente principale è un preservativo lubrificato; dopo averlo aperto, bisogna srotolarlo con cura facendo attenzione ad eventuali buchi che si possono creare involontariamente; a questo punto infilare l’altra mano dentro il preservativo per allungarlo delicatamente. A questo punto è pronto per essere infilato in testa, coprendo naso e orecchie. E’ importante non coprire la bocca per due motivi: 1.serve per respirare e non rimanere soffocati e 2. per gonfiare il preservativo, nella fase successiva a questa, si dovrà espirare dal naso ed inspirare dalla bocca. Una volta messo in pratica il secondo punto, il preservativo inizierà a gonfiarsi lentamente sempre di più, sta poi al soggetto decidere se continuare a far gonfiare il condom al massimo o se invece mollare il tutto e godersi lo spettacolo del preservativo che si sfila dalla testa e inizia a volare per la stanza.

COSPLAY indica la pratica di indossare e vestire i panni del proprio personaggio di fantasia preferito, che spesso appartiene al mondo dei manga (fumetti giapponesi). Il fenomeno nasce in Giappone tra la fine degli anni settanta e i primi anni ottanta ma, negli ultimi anni, si è diffuso in tutto il mondo, riscuotendo grande successo. I costumi, le acconciature e il trucco sono riproduzioni fedeli degli originali e in alcuni casi, il cosplayer recita la parte del suo personaggio, facendo delle piccole esibizioni. Il web è pieno di comunità online dove i giovani si confrontano tra di loro, si scambiano informazioni e organizzano eventi e raduni per ritrovarsi e condividere questa grande passione.

 

D

DRINKING fa parte dei social Drinking Game e consiste nel farsi fotografare ubriachi nelle peggiori condizioni, mentre si vomita, sdraiati per terra in uno stato di semi incoscienza, nei bagni e in qualsiasi altra posizione. I rischi sono l’intossicazione alcolica, il coma etilico perché certe volte i più giovani non si rendono realmente conto delle ingenti quantità di alcol che arrivano ad assumere. Purtroppo troppo spesso questi ragazzi si mettono pure alla guida e rischiano la propria vita e mettono a repentaglio anche quella altrui. Con il tempo può portare a sviluppare dipendenza dalle bevande alcoliche.

DUCK FACE è uno dei Selfie che popolano il web caratterizzato da una particolare espressione della “bocca a papera” come una smorfia. Bisogna riprendersi con la bocca stretta e gli occhi spalancati in modo tale da assomigliare ad un passero.

 

E

ENERGY DRINK significa appunto bevanda energetica. È una bevanda analcolica contenente elevate quantità di sostanze stimolanti come caffeina e taurina. L’abbinamento tra questi e alcol è ormai di moda tra i più giovani. Di solito, infatti, bevendo grandi quantità di solo alcol, si passa dal “piacevole” stato di euforia iniziale ad uno stato di ubriacatezza che porta il ragazzo piano piano a smettere di bere, con questo mix invece, quella sensazione, poco amata dagli adolescenti, tarda di parecchio ad arrivare e così si continuano a mandar giù un numero elevato di cocktails, senza accorgersi della loro reale azione distruttiva. La caffeina contenuta nei primi, infatti, non fa altro che andare ad abbassare l’azione depressiva dell’alcol e la conseguente sensazione di essere ubriachi, portando così il soggetto a bere senza sosta. Il problema è che nonostante non ci si senta ubriachi, il livello alcolico nel sangue continua a salire, portando spesso a conseguenze molto gravi come la messa in atto di comportamenti rischiosi per sé e per gli altri, tra cui la guida in stato di ebbrezza o il raggiungere il coma etilico senza assolutamente rendersene conto.

EXTREME IRONING consiste nel farsi fotografare o riprendere mentre si stira muniti di asse da stiro, ferro e camicia, nei posti e nelle posizioni più strane e pericolose e posti più improbabili, in giro per il mondo come per esempio mentre si scala una montagna o mentre si è in un lago sopra una canoa o tra la neve con gli sci.

 

F

 

FACE-KINI si tratta del “bikini per la faccia”, moda che spopola da alcuni anni sulle spiagge cinesi. La maschera-passamontagna, che ha solo delle piccole fessure all’altezza di naso, bocca e occhi, è fatta di tessuto elastico e colorato per proteggere i bagnanti dalle scottature, dall’abbronzatura (poco amata in Oriente) e dagli effetti dei raggi Uva. Viene anche utilizzato per proteggere il viso dalle meduse, dalle alghe urticanti e dalle punture di insetto. Una domanda sorge spontanea: questa maschera non sarà scomoda e opprimente da indossare sotto il sole cocente? I cinesi non sembrano in alcun modo infastiditi, anzi ultimamente la produzione si è ampliata producendo modelli di vari colori e fantasie anche per bambini.

FLAMBÉ consiste nel darsi fuoco per sfida, vaporizzando liquido infiammabile su parti del proprio corpo. Ha già provocato gravi ustioni in un numero elevato di ragazzi.

FLASH INDIANO è una moda che si sta diffondendo tra i più giovani e che ha come unico obiettivo quello di provocare volontariamente uno svenimento per “saltare” la scuola ed evitare tutte quelle situazioni che possono suscitare nel ragazzo ansia, paura e angoscia. Una delle tecniche più utilizzate per lo svenimento indotto, consiste nel piegarsi sulle ginocchia, appoggiare gli avambracci sopra le gambe, abbassare il capo e respirare profondamente con il tentativo d’iperventilare il cervello. Dopodiché, ci si alza velocemente inspirando con la bocca, tappandosi il naso e cercando di soffiare fuori l’aria. È possibile ottenere lo stesso risultato anche eseguendo una pressione sull’arteria della giugulare, bloccando in questo modo il flusso di ossigeno al cervello, dopo essersi autoindotti una condizione di iperventilazione. Le conseguenze e i rischi di tale comportamento purtroppo sono ancora sottovalutate. Infatti, oltre al rischio di cadere e farsi male, può causare crisi epilettiche, tremori, spasmi, amnesia, disturbi del comportamento, disturbi dell’attenzione, danni irreversibili al cervello, demenza e coma fino ad arrivare nei casi più gravi alla morte.

FLIP CUP è un Drinking Game composto da due squadre i cui giocatori sono posizionati sui lati opposti di un tavolo, uno di fronte all’altro . Al “via” si beve una piccola quantità di alcol e si capovolge sul tavolo il bicchiere, proprio sul bordo del tavolo. Lo scopo del gioco è far tornare il bicchiere nella posizione capovolta usando solo due dita, facendolo “saltare” in aria. Inoltre, i giocatori successivi non possono toccare il loro bicchiere fino a quando il giocatore precedente non ha ribaltato con successo il proprio bicchiere. Vince la squadra che capovolge per prima tutti i bicchieri.

FOODPORN o pornografia alimentare, è inteso come “cibo da mangiare con gli occhi”ed è un termine nato per descrivere l’ossessione per il cibo che ultimamente impazza sui vari social: immagini goduriose di torte al cioccolato e panna montata, frutta succulenta e colorata, spaghetti traboccanti di sugo e chi più ne ha più ne metta. Consiste nel fotografare cibi e pietanze, cogliendone i dettagli, preparati a casa oppure ordinati al ristorante, che alla sola vista ti fanno venire l’acquolina in bocca. In questi scatti la presentazione e l’estetica del piatto rivestono un ruolo principale e il piacere del cibo diventa prima di tutto visivo, in grado ti attirarti attraverso la sua sensualità. La mania di fotografare i piatti, è dilagata anche tra la gente comune, infatti, non è raro vedere gente seduta ai tavoli del ristorante, intenta a trovare l’angolatura migliore per immortalare la propria cena. Moda pericolosa? Questa volta no, si rischia solo che il piatto si raffreddi.

 

G

GATTI SANDWICH consiste nel fotografare il proprio gatto con una fetta di pancarrè in testa oppure all’interno di un panino con altri ingredienti inclusi e postarlo sui social.

GATTI VETRO consiste nel fotografare dal basso il proprio gatto mentre sta seduto tranquillamente sopra un tavolo di vetro, creando immagini davvero divertenti.

GHOST RIDING Consiste nell’abbandonare lo sterzo e scendere dalla propria automobile mentre è in movimento e si balla accanto al veicolo mentre cammina. I rischi sono quelli di crearsi gravi lesioni nello scendere dal veicolo in movimento e di essere tamponati dalla macchina mentre si danza.

GO WITH THE FLOW: è una nuova campagna social di prevenzione lanciata per salvare il pianeta che si è diffusa nel web con l’hushtag #gowiththeflow. In cosa consiste? Debs Torr e Chris Dobson, 2 studenti dell’Università di East Anglia a Norwich, sostengono che fare pipì sotto la doccia sia un modo semplice ma una abitudine quotidiana “low cost” per  risparmiare litri e litri d’acqua ogni anno. La loro iniziativa ecologica è partita all’interno della loro Università, nel convincere i 15.000 studenti del campus a fare la loro prima pipì della giornata, sotto la doccia. Ci riusciranno nel loro intento? Probabilmente sì, visto che la notizia ha già fatto il giro del web in poche ore.

H

HAMUKETSU è un fenomeno che nasce in Giappone  e consiste nel fotografare il lato B dei criceti e postarlo sui social network. Ci sono intere pagine, alle quali tantissime persone (circa 10000 solo su uno dei social più famosi), si iscrivono per poter condividere con il resto del mondo la foto del sedere del proprio criceto. Le foto spesso risultano essere anche molto simpatiche, tutte rigorosamente che ritraggono i piccoli roditori da dietro e in posizioni strane. La parola HAMUKETSU con cui è stato ribattezzato il fenomeno significa proprio “sedere tenero di criceto”. È stato pubblicato anche un libro con decine di foto che ritraggono gli hamuketsu più belli.

HAPPY FROM rappresenta la canzone del momento di Pharrell Williams dal titolo “Happy” che è capace di infondere “felicità” a qualunque giornata. Questa moda divertente e non pericolosa, ha portato milioni di ragazzi ad interpretare a modo loro la canzone e consiste nel ballare in maniera scatenata, per circa 10 secondi, davanti alla telecamera sulle note di Happy e condividere il video immediatamente su tutti i social network.

HIKIKOMORI è un termine giapponese che significa letteralmente “stare in disparte” . E’ una moda molto diffusa soprattutto on Giappone e consiste nel rifiuto di lasciare la propria abitazione e di  isolarsi totalmente dalla società per un periodo superiore ai sei mesi, per vivere solo con i propri strumenti tecnologici. I ragazzi passano la maggior parte del giorno o addirittura tutta la giornata nella propria stanza, interrompono le proprie attività solo per mangiare e per i bisogni fisiologici. La gravità di questo comportamento sta nel fatto che vengono compromesse tutte le normali abitudini, la scuola, le amicizie e tutte le relazioni sociali.

HORSEMANNING per realizzare questo social game servono due persone di cui uno fa il corpo e uno fa la testa e lo scopo è quello di fare una bella foto della testa decapitata dal corpo e di cercare di essere il più realistici possibile. Esistono siti e pagine sui social network in cui si condividono le immagini scattate. È una moda che va avanti dal 1920.

HOTDOG LEGS consiste nell’effettuare un Selfie alle cosce e alle gambe mentre si è distesi su un lettino al mare o sopra un asciugamano in piscina e magari farsi qualche riga di crema sulle gambe che richiama la maionese. È implicito che è diventato un modo per mostrare le gambe sottili e ben scolpite sempre come inno alla magrezza.

 

I

ICE BUCKET CHALLENGE è un nuovo social game. L’iniziativa, nata dalla JMC Foundation per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della Sla, consiste nel filmarsi mentre ci si rovescia addosso un secchio di acqua ghiacciata, per poi nominare e sfidare gli amici. Chi si rifiuta, secondo le regole originali del gioco, dovrà dare in beneficenza 100$ alla fondazione contro la Sla. La doccia ghiacciata si è trasformata in una vera gara di solidarietà, diventata virale con l’hashtag #ALSIceBucketChallenge, che ha contagiato star del cinema, calciatori e cantanti. Sono bastate poche ore perché la moda si diffondesse anche tra i giovani e le persone comuni. Ha già fatto la rima vittima.

I-DOSING Drogarsi su internet senza ingerire alcuna sostanza è l’ultima moda fra i giovani in Spagna, che stanno impazzendo per gli stupefacenti e allucinogeni virtuali, disponibili per pochi euro sulla Rete. Basta collegarsi al sito giusto e scaricare speciali file per ottenere sequenze sonore dai nomi che sono tutto un programma: “marijuana”, “cocaina”, “alcol”,”ecstasy”. Queste sequenze sonore possono essere ascoltate direttamente a casa. il principio attivo dei brani I-Doser sembra essere legato all’effetto di particolari onde sonore sul cervello, gli infrasuoni, onde con frequenze tra i 3 e i 30 Hertz che possono innescare reazioni inaspettate e sollecitare l’attività cerebrale, in modo simile alle comuni droghe.

INFANZIA CONDIVISA consiste nel  prendere una foto di quando si era bambini e ricreare lo stesso ambiente di allora, comprare o cucire gli stessi vestiti, mettersi nella medesima posizione e scattare la foto. Una volta effettuato lo scatto si assemblano le due foto. Lo scopo? Ricreare la medesima foto tanti anni dopo. Non è pericolosa, ma fa perdere tanto tempo. C’è gente che è arrivata a ricreare gli stessi scenari, a tirar fuori cose vecchie dalla cantina pur di postare la foto su Facebook. Ovviamente una volta inserita la voto si invitano gli amici a fare altrettanto.

 

J

JEWEL EYE è una tendenza che si sta diffondendo tra i più giovani e consiste nel farsi impiantare un gioiello di platino all’interno dell’occhio. Molti ragazzi si sono già sottoposti all’intervento chirurgico della durata di circa 15-20 minuti.

 

K

KAOPAN è l’ultima moda giapponese. La parola deriva da “kao” che significa faccia e “pantsu” che vuol dire mutandine. Essa consiste,  appunto, nel fotografarsi con un paio di mutandine sul volto. Molto probabilmente questa nuova tendenza abbastanza particolare, trova origine in un supereroe dei manga, che grazie ad un semplice paio di mutandine bianche che gli ricoprono il volto, può usufruire di speciali superpoteri. A questo si aggiunge anche il fatto che questo tipo di indumento è molto amato dai giapponesi (il feticismo per le mutandine) ed è forse per lo stesso motivo che si sta diffondendo molto velocemente in tutto il Paese e in particolar modo a Tokyo. È stato addirittura pubblicato un album fotografico, acquistabile online, su vari siti, contenente una serie di scatti che ritraggono studentesse giapponesi, con la tipica uniforme scolastica, in varie attività, che vanno dal canto, al nuoto, alla passeggiata per strada, sempre rigorosamente con un paio di slip in faccia.

KING’S CUP o Coppa del Re è un popolare gioco alcolico con le carte, da fare in gruppo.  Ne esistono molte versioni e le varianti sono infinite quando si parla delle regole associate a ciascuna carta di King’s Cup.  Ad ogni modo, è possibile adattarle al gruppo di persone presenti, scegliendo al momento quelle che sembrano più divertenti.  Le carte vengono mescolate e sparpagliate al centro di un tavolo. Ogni giocatore, quando è il proprio turno, prende una carta. Quindi i giocatori compiono determinate azioni  che sono associate ad ogni carta da gioco, possono essere coinvolti da soli o contemporaneamente ad altri e il più delle volte si finisce con il bere alcol. Se un giocatore sbaglia o se ci mette troppo tempo, dovrà subire una penalità che consiste in un’ ulteriore bevuta.  Lo scopo del gioco è riempire la Coppa del Re con alcolici a scelta, posizionata al centro del tavolo, che viene bevuta alla fine del gioco dal vincitore. Il gioco termina o quando l’intero mazzo finisce, o quando i quattro Re sono stati pescati. Può sembrare un gioco divertente ma è importante non sottovalutarne i rischi. Coinvolti dal gioco, i giocatori non si rendono conto delle grandi quantità di alcol ingerite, dannose per la salute. Si può sperimentare  un malessere generale come nausea, mal di stomaco, giramenti di testa, si rischia di perdere la lucidità e di dire e fare cose di cui ci vergogneremmo, di diventare  litigiosi, di avere rapporti occasionali senza precauzioni, fino ad arrivare, nei casi più estremi, al coma etilico.

KNOCKOUT GAME La parola deriva da una termine utilizzato soprattutto nel pugilato che significa “stendere al tappeto per ko”. Il knockout infatti è quel comportamento per cui una persona stende con un pugno secco un’altra persona. La gravità del gesto sta nel fatto che il tutto non accade su un ring o all’interno di una palestra, ma può avvenire in qualsiasi posto: per strada, dentro un locale pubblico, negli autobus, nella metro.  Lo scopo del “gioco” è di filmarsi mentre si stende una persona scelta a caso tra la gente per strada e inserire il video su You Tube o su Facebook. Ha già fatto numerose vittime.

 

L

LECCA-MANIGLIE SELFIE: è una moda bizzarra made in Giappone: ragazze asiatiche vestite da “scolarette” si fanno fotografare mentre leccano, con più o meno entusiasmo, la maniglia di una porta. Lo scopo? Non e’ ben chiaro, se non quello di solleticare le fantasie dei maschietti. Infatti, migliaia di queste foto stanno spopolando in rete e, ad esempio, su Tumblr esiste una pagina specifica chiamata Door Knob Girl, in italiano “la ragazza della maniglia”.

LEG-GUN è l’ultima moda Selfie che coinvolge grandi e piccini. Consiste nell’impugnare la gamba come se fosse una mitragliatrice, scattare la foto e condividerla sui social network con l’hashtag #endgunviolence. È stato inventato dall’ artista cinese e attivista Ai Weiwei e alla velocità della Rete si è diffuso in tutto il mondo. L’artista ha inventato un selfie “politico” che utilizza la gamba come un fucile e non una vera arma da fuoco, per manifestare il proprio dissenso contro il governo, ma non ha fatto i conti con le distorsioni della rete e gli utenti hanno trasportato la tendenza sul campo del divertimento, fotografandosi nei luoghi più strani e cercando lo scatto più divertente da postare. Rischi: strappi muscolare, distorsioni. Consigli: un bel di sano stretching.

LIVING DOLL è un fenomeno che si sta diffondendo tra i più giovani e consiste nel cambiarsi i connotati, sottoponendosi a lunghe e dolorosissime operazioni chirurgiche non per assomigliare ma per diventare come una bambola. I modelli di cui si vuole prendere le sembianze più gettonati sono Barbie e Ken mentre in Giappone si fa riferimento ai manga. Ci si annulla totalmente per diventare una bambola umana. Le pagine sui social network di queste bambole umane godono di una fama indiscussa e hanno un numero di seguaci e sostenitori tra i più giovani enorme.

LOVEYOURLINES spopola su Instagram la campagna fotografica “Le smagliature sono belle”, lanciata da due mamme americane Alexandra Elle ed Erika Layne, stanche di vedere nel web corpi statuari e perfetti, poco rappresentativi del mondo femminile. Utilizzando l’hashtag #loveyourline migliaia di donne hanno postato delle foto dove in primo piano erano ritratte le temutissime smagliature, mostrate con orgoglio, perché legate a particolari momenti di vita, descritti sotto ogni foto. L’obiettivo? Accettarsi per quello che si è, mostrando la propria naturale femminilità senza vergogna. Questa iniziativa ha permesso di creare un luogo d’incontro dove essere se stesse, con la consapevolezza di non essere più sole e di  poter condividere la propria esperienza con altre donne.

 

M

MILKING consiste nel versarsi a torso nudo litri di latte sulla testa e, ovviamente, filmarsi e postarsi sui social network. Rischi? Nessuno, solo un po’ di spreco di latte!

MOK-BANG significa letteralmente pranzo in diretta.  Nasce nella Corea del Sud ed è una delle nuove mode più assurde. Belle ragazze si filmano mentre mandano giù enormi quantità di cibo senza sosta (vari tipi di pasta, fritture, verdure, una marea di uova, carne, riso ecc. ecc.). Spesso, il tutto, avviene in diretta con utenti che assistono al pranzo collegandosi a siti web a pagamento. Quasi tutte affermano di non soffrire di alcun disturbo alimentare ma molte lo fanno per denaro e perché si annoiano. Mangiare tanto, avanti ad una webcam e guadagnare soldi: ecco il nuovo fenomeno del web.

 

N

NALFIE O NAILFIE: social moda che nasce dal mondo dello spettacolo dove le unghie e le mani sono sotto i riflettori. Consiste nel fotografare le proprie unghie, dipinte nei modi più strani, con disegni stravaganti e  colori accesi, da condividere sui propri profili social.

NEKNOMINATE consiste nel filmarsi mentre si bevono grandi quantità di alcool alla goccia per poi sfidare gli amici a fare di meglio. Tutto viene poi pubblicato sui social network e ogni video è più audace e stravagante dell’altro. Si vedono giovani che ingurgitano insieme all’alcool insetti, pesci rossi o cibo per cani, oppure dopo aver ingerito l’intera bottiglia si tuffano giù da un ponte. Il gioco iniziale consisteva nel bere una pinta di birra alla goccia nei modi più strani e nominare due o tre amici che dovevano rispondere entro 24-48 ore. In caso di rifiuto il pegno era pagare da bere all’amico che li aveva nominati. I rischi consistono nel creare mix alcolici e cocktail che nessuno ha mai fatto e berli in pochi secondi rischiando gravemente l’avvelenamento da alcol e il coma etilico. L’alcool modifica la capacità di percepire che si è in pericolo e la capacità di reagire al pericolo stesso. Ha già fatto 5 vittime e numerose intossicazioni alcoli e coma etilico.

 

O

OCULOLINCTUS consiste nel farsi leccare l’interno dell’occhio dal partner, in particolare il bulbo oculare,  per una gratificazione erotica. Questo nuovo trend nasce in Giappone, soprattutto tra i più giovani e sta provocando un’epidemia di congiuntivite, oltre al rischio di infezioni più gravi, lesioni alla cornea e nei casi più gravi cecità, dovute proprio ad una differenza di batteri tra l’occhio e la bocca. Il tutto è emerso dopo che molti professori hanno notato diversi studenti con un occhio bendato. I primi sintomi infatti sono occhio gonfio e arrossato, bruciore e lacrimazione. Da una ricerca condotta su classi di dodicenni, è emerso che un terzo dei ragazzi lecca o si fa leccare gli occhi. Questa nuova pratica fetish si pensi sia nata in seguito ad un video musicale diffuso sulle reti giapponesi, in cui una donna lecca l’interno dell’occhio al cantante.

ORGOGLIO DEL PELO oppure HAIRY LEGS CLUB (La Lega delle gambe pelose): è l’ultima moda che arriva direttamente dall’Inghilterra. Ragazze dai 15 ai 25 anni si sono unite in una campagna contro la depilazione. Chi volesse aderire non deve far altro che fotografarsi con gambe o ascelle assolutamente non depilate. Mostrare i propri peli per combattere quello che la società di oggi impone alle donne: il dover accettare il dolore della ceretta pur di dover rispettare determini canoni di bellezza. Le foto ormai ovunque sui social network, stanno facendo il giro del mondo, raccogliendo sempre più adesioni. C’è chi sceglie di mostrare anche il proprio volto e chi no, lasciando il dubbio che le gambe appartengano davvero ad una donna e non ad un uomo.

OUTDOOR SEX  significa letteralmente “sesso fuori dalla porta” ed è la nuova moda erotica che sta dilagando tra i più giovani. Spesso sono appuntamenti organizzati sui social network per fare sesso all’alba, in luoghi all’aperto, come panchine, muretti, centro storico. Altre volte ci si filma nel mezzi pubblici, nei luoghi pubblici e poi si inseriscono i video in rete.

OWLING  consiste nel fotografarsi in posizione da gufo, accovacciati in luoghi assolutamente insoliti tra cui balconi, muretti, sull’orlo del precipizio, sui paletti, nei cestini in cima ad una fila di sedie, sulla testa delle statue in mezzo alla strada, sulla staccionata, sui tubi e qualsiasi luogo produca la fantasia. È un selfie nato tra i ragazzi che si sta diffondendo anche tra gli adulti che si fotografo nei luoghi di lavoro creando scenari insoliti.

 

P

PANCIONE-SELFIE: è l’autoscatto più diffuso tra le future mamme vip e non vip: infatti negli ultimi mesi sta spopolando la moda di condividere su tutti i social network il proprio pancione. Ci troviamo sullo schermo pance di tutti i tipi: tonde, a punta, ovali, grandi, piccine, riprese dall’alto, di fronte, di profilo, insomma i pancioni diventano i veri social- protagonisti. Qual è lo scopo? Solitamente vengono scattate per divertimento, per condividere con gli amici le varie fasi della gravidanza e per avere un ricordo piacevole della gravidanza. In alcuni casi,  soprattutto tra le “mamme famose”, il pancione-selfie rischia di diventare solo un  modo per mostrarsi, fare spettacolo, ostentare una parte del proprio corpo ed esibirsi senza preoccuparsi di proteggere il proprio spazio intimo della maternità.

PARKOUR chiamato anche PK, è uno sport estremo nato in Francia intorno agli anni 80’.  Secondo i fondatori il Parkour è l’arte di muoversi nello spazio, naturale o urbano, cercando forme nuove di movimento, adattando il corpo a qualsiasi ostacolo, per spostarsi da un punto A, ad un punto B (percorso che di volta in volta si stabilisce), nel modo più veloce ed efficiente possibile. L’idea è quella di tracciare una rotta o una traccia e realizzarla a prescindere dagli ostacoli che si presentano lungo la strada. La forza, la flessibilità, la coordinazione motoria, l’equilibrio, la velocità, l’agilità sono solo alcune delle caratteristiche che non possono mancare nell’atleta che decide di avvicinarsi a questa disciplina. Il Parkour è considerata un’attività fisica dove non c’è concorrenza. L’unica sfida è contro se stessi e  si combatte ogni giorno attraverso allenamenti duri, ostacoli fisici (muri, ringhiere, tetti), ostacoli psicologici (paura, insicurezza) e ostacoli sociali (accettazione della famiglia, società). La pratica di questo sport è possibile con un durissimo allenamento fisico, unito ad una buona consapevolezza del proprio corpo e dei propri limiti. Purtroppo, però, sempre più ragazzi tentano di imitare i professionisti senza un allenamento adeguato e una protezione sufficiente rischiando di incorrere in contusioni, fratture, strappi muscolari e la morte.

PLANKING consiste nel distendersi in orizzontale, come una tavola di legno, con le mani che devono toccare i fianchi, in località strane, improbabili e pericolose. La sfida sta nel trovare la località più ardua e particolare. Si trovano post di giovani in bilico sui tetti, ponti, veicoli. Rischi: contusioni, danni fisici vari e morte. Ha già fatto la prima vittima.

PREDICIOTTESIMI è la moda dei video fatti  per celebrare i 18 anni e viene di solito proiettato durante la festa e pubblicato sui vari social network del festeggiato. Il fotografo scrive un copione, stabilisce un tema e i partecipanti diventano protagonisti. I rischi stanno nel fatto che molti adolescenti per arrivare a fare il video indimenticabile osano a volte un po’ troppo.

PORTARE A PASSEGGIO LE VERDURE è una moda tipica degli adolescenti cinesi che per abbattere la depressione e la solitudine, hanno pensato di copiare, da un uomo giapponese,  la moda di portare a passeggio le verdure. In particolare la verdura prediletta dai giovani è il cavolo. I ragazzi sostengono di essere molto più legati ad esso che ai loro amici e parenti. Portando il cavolo al guinzaglio  si rilassano, trasferendo su di esso, tutti i pensieri negativi, inoltre affermano che sia un ottimo modo per fare amicizia per strada con coetanei anche loro “padroni” di qualche gustosa verdura.

PULCIN BAGNATO è una moda che va avanti dagli anni Sessanta che in principio prevedeva due auto in corsa l’una contro l’altra. Alcuni adolescenti hanno distorto il gioco e di trasformarlo in un pericolosissimo gioco in cui bisogna attraversare a piedi l’autostrada schivando le macchine. I rischi sono altissimi tra cui quello di morire.

PUNCH 4 PUNCH è un gioco antico di tipo fisico diventato social game, diffuso tra i giovani, in particolare tra maschi e consiste nel darsi pugni a vicenda sulla spalla, finché uno dei due non dichiara la propria sconfitta. Qual è lo scopo? Sicuramente nasce come un modo per passare il tempo e divertirsi tra amici anche se, in alcuni casi, diventa un modo per mostrare agli altri la propria potenza, mettersi alla prova e vedere quanto l’altra persona riesce a “incassare i colpi”. Attualmente sta spopolando sul web attraverso video postati sui vari social network e sta richiamando l’attenzione dei media a causa dei rischi legati ad esso, ha già fatto, infatti la prima giovane vittima.

 

Q

QUARTER è un Drinking Game piuttosto popolare nel web. È un gioco di abilità e bisogna essere in gruppo, muniti di monete (quarter appunto da cui deriva il nome), bicchierini, birra, mira e fortuna. In poche parole bisogna far rimbalzare la moneta sul tavolo e cercare di fare centro per poi far bere l’amico o dettare le regole del gioco. Esiste pure una App attraverso la quale si può giocare a questo gioco.

 

R

ROOFTOPPING è l’ultima tendenza dei viaggiatori più spericolati:visitare una nuova città e fotografarsi dal grattacielo più alto. Scattare selfie estremi in cima agli edifici è un altro modo per mettersi in mostra e stupire gli amici sui vari social network, senza tener conto però dei pericoli e dei rischi legati a questo fenomeno, dalle contusioni alla morte.

ROULETTE ORALE si tratta di un gioco a cui partecipano un maschio e tante femmine. Ogni ragazza deve far ottenere il piacere ad un ragazzo attraverso il sesso orale e quando arriverà all’orgasmo, la ragazza che si troverà in quel momento sarà la perdente del gioco.

RULETA SEXYUAL  è un gioco “sessuale” nato in Colombia e che si sta diffondendo tra i giovani e ha come scopo quello di penetrare più ragazze possibili prima di eiaculare; il primo che raggiunge l’orgasmo ha perso e viene eliminato dal gioco. Questi giochi a sfondo sessuali sono pericolosi per il contagio delle malattie sessualmente trasmissibili perché non vengono effettuati con le dovute precauzioni in termini di protezione e di igiene.

 

S

SALT & ICE CHALLENGE è una moda che arriva dagli Stati Uniti, consiste nel prendere un cubetto di ghiaccio ricoperto di sale e poggiarlo sulla propria pelle, causando ustioni molto gravi, ovviamente vince chi resiste maggiormente al dolore atroce.

SCHOOL FIGTHER e STREET FIGTHER consiste nello sferrare un pugno in faccia di punto in bianco ad un conoscente o a un fratello o una sorella e inserire il video su You Tube o sui social network. La versione scuola consiste nel fare a pugni fuori dalla scuola mentre la versione street raccoglie tutti gli altri luoghi. Come intuibile i rischi maggiori sono per la persona che riceve il pugno. Questo “gioco” ha già creato numerosi contusi.

SELFIE  è un autoscatto, generalmente effettuato con uno smartphone, che viene poi pubblicato e condiviso sui social network. Di solito consiste in un primo piano del viso o di un dettaglio che si vuole più o meno valorizzare e mettere in mostra. La persona che scatta la foto è sempre ripresa. In questo modo le foto lasciano un po’ il tempo che trovano, ci si riprende nelle condizioni peggiori che mettono in evidenza i difetti e le sproporzionati. Hanno portato un incremento di problematiche psicologiche legate all’autostima e del numero di giovanissime che ricorrono alla chirurgia estetica.

SELLOTAPE consiste nell’incelofanarsi o nel riempirsi la testa di nastro adesivo per deformarsi il volto. L’ideatrice, una giovane studentessa inglese, si è ispirata ad una particolare scena del film “Yes Man”, con Jim Carrey, e al Necknominate come modalità divulgativa. Ogni partecipante deve, infatti, nominare qualcuno che deve rispondere pubblicando la foto sulla pagina del social. Il gioco iniziale è stato già distorto, ci sono persone che si sono fotografate con sedie in testa, con il trasportino con tanto di gatto dentro e oggetti vari anche piuttosto pesanti. Rischi: contusioni o problemi muscolari e dolore nello strapparsi lo scotch dal viso e dai capelli.

SEXTASY è un poly drug use che consiste nell’abusare di più droghe contemporaneamente. È un composto da viagra ed extasy. Lo si può trovare in discoteca o acquistare in internet, nei portali illegali specializzati. L’assunzione di extasy è utilizzata come base o droga primaria, mentre il viagra è il farmaco aggiuntivo che compensa gli effetti collaterali dell’extasy. Gli effetti causati dalla tossicità dei principi attivi dosati in modo non regolamentato e illegale e le conseguenze che provocano sul fisico sono svariate. I sintomi meno gravi che si possono verificare sono: cefalea, diplopia (visione doppia), tachicardia, sbalzi di pressione, scarsa salivazione, nausea, vomito, lieve perdita del controllo muscolare. Tra i sintomi più gravi si riscontrano: difficoltà a distinguere la realtà dalla fantasia, pensieri persecutori, danni vascolari e cardiaci, danni neurologici, danni respiratori ed erezione dolorosa e prolungata per ore.

SEXTING è una pratica molto diffusa tra i più giovani e deriva dalle parole inglesi sex (sesso) e texting (inviare messaggi di testo). Con questa pratica si inviano attraverso smartphone, tablet o qualsiasi altro mezzo informatico messaggi  contenenti immagini, video  e testi a sfondo sessuale. Nel web si trovano addirittura le “istruzioni” per praticare il sexting al meglio, per non rischiare di apparire impacciati. Il vero problema di questo fenomeno è che il materiale inviato può essere facilmente condiviso via chat e nei social network senza rendersi conto del rischio di poter incorrere in una diffusione nella rete senza controllo, generando nelle “vittime” un forte senso di impotenza, vergogna, fragilità che, in alcuni casi, ha portato pure al suicidio.

SIZZURP consiste nel mescolare sciroppo per la tosse alla codeina con qualche bibita gassata medicinali per ottenere effetti immediati come quelli dati dalla morfina. Questo mix è estremamente pericoloso per la salute dei ragazzi.

SKYLARKING è una moda particolarmente pericolosa che ha già fatto le prime vittime tra gli adolescenti, chiamata anche Surfers suicide, che consiste nel salire sui tetti dei treni e stare in piedi non appena il convoglio prende velocità. Gli amici filmano “l’impresa” per poi inserire il video in rete.

SLEEP IN CLASS è una nuova tendenza che sta spopolando tra i giovani sui vari social network con l’hashtag  #sleepinclass, un autoscatto dove ci si riprende vicino a un proprio compagno di classe che dorme durante la lezione, non lasciandosi scappare le espressioni più buffe. E’ una moda nata negli Stati Uniti,  in particolare è partita dalla prestigiosa Bringham Young University-Idaho dove, inaspettatamente, si è dimostrata piena di studenti dormiglioni, per poi in pochissimo tempo diventare un fenomeno virale.  A chi non è mai capitato di annoiarsi o di avere tremendamente sonno durante una lezione a scuola? Questi ragazzi non hanno resistito e hanno preferito riposarsi un po’ sul loro banco senza tener conto dello scatto indiscreto dei compagni di classe, pronti a immortalare il momento e a condividerlo sul web. Nasce come gioco scherzoso da fare tra amici, anche se in alcuni casi rischia di trasformarsi in una presa in giro vera e propria e di non essere più vissuta dal “malcapitato” come un momento divertente.

SNORTING A CONDOM consiste nell’aspirare un preservativo dal naso e risputarlo dalla bocca. In alcuni casi ha portato a soffocamento.

SOCIAL EATING è un nuovo modo di intendere il cibo e di riunire le persone intorno ad una tavola. Quindi, anche la cucina si è fatta contagiare dalla febbre delle nuove tecnologie. Infatti, si stanno diffondendo sul web piattaforme online, dove sempre più amanti della buona cucina aprono le porte della propria casa per accogliere gli ospiti in cene dal menù condiviso, preparate in casa seguendo la tradizione. Importante è il concetto di “give back”, cioè ogni ospite a fine pasto darà un piccolo contributo economico per coprire le spese degli ingredienti e la manodopera del padrone di casa. Questo modo di ritrovarsi è nato in America mentre in Italia ha preso piede solamente negli ultimi mesi. Si prevede una rapida diffusione soprattutto grazie alle nuove app che stanno per essere lanciate sul mercato. Condivisione, nuove conoscenze, tradizione e risparmio sono gli ingredienti che non possono assolutamente mancare!!

SUI BINARI E SOTTO GLI AUTOBUS è una moda dei ragazzi che consiste nello sdraiarsi tra i binari dei treni e aspettare il loro arrivo per poi alzarsi all’ultimo secondo e attraversarli di corsa per sfuggire all’investimento. La stessa cosa viene fatta con gli autobus in corsa e, dopo essersi lanciati sotto ci si rannicchia e si aspetta il passaggio. I rischi per la salute e la vita sono notevoli.

 

T

TELFIE è la Toilette-selfie. Corrisponde al fotografarsi dentro il bagno, magari alle prese con i bisogni fisiologici che in questo modo sono alla portata di tutti. Ormai si sta perdendo il concetto di privato e di intimità, ma soprattutto non si riesce più a stare un attimo soli con se stessi, neanche in bagno, sembra sia diventata la paura più grande dell’era digitale.

THIGH GAP chiamato anche “Arc de Triomphe”, la traduzione letterale è “spazio tra le cosce” misurato in piedi con le gambe e i piedi ben attaccati o coricate con le ginocchia alzate. Le ragazze si fotografano le cosce in slip o con pantaloni attillatissimi per poi postarle sui social in attesa di commenti e di approvazione sociale. Le ragazze si fotografano in slip, con pantaloni attillatissimi, in piedi o coricate con le ginocchia alzate le cosce e poi le postano sui social in attesa di commenti e di approvazione sociale. Fa parte delle social mode legate alla Thin Inspiration ossia all’ispirazione della magrezza. Per le ragazze più giovani sta diventando un simbolo di sensualità e bellezza e quando questo “traguardo” non viene raggiunto, scatta l’ossessione per raggiungere l’obiettivo a tutti i costi consultando anche siri in cui altre ragazze condividono consigli e forniscono indicazioni su come ottenere il famoso spazio tra le gambe. Il rischio è di sviluppare un disturbo della condotta alimentare.

TOOTH ART consiste nel tatuarsi i denti. È una moda che arriva sempre dal Giappone, diffusissima tra i giovani e che è già arrivata negli Stati Uniti ma che secondo gli esperti presto arriverà anche in Europa. Nella zona asiatica si è diffusa in poco tempo a macchia d’olio. I più giovani che amano decorare il proprio corpo, scelgono tra una marea di disegni dai colori più disparati, quello che più preferiscono, per poi farselo applicare con una colla particolare sul dente o sui denti di maggiore gradimento. Una volta fatta asciugare la colla sotto una luce a LED, si può sfoggiare un sorriso davvero particolare. L’aspetto positivo di questa nuova moda, che presto affiancherà la Nail Art (l’arte di decorarsi le unghie), è che anche dopo giorni è possibile rimuovere il tatuaggio senza alcun problema.  Su internet è possibile trovare vari centri che offrono questo servizio all’ultimo grido.

TOPLESS TOUR è una nuova moda lanciata da due  ragazze inglesi e una norvegese di 20 anni che sta contagiando anche tantissime adolescenti. Come funziona? Consiste nel mettersi di spalle e farsi fotografare da dietro, levandosi il reggiseno con davanti uno stupendo panorama o nelle città più belle del mondo. In questo modo nella foto si ritrae il panorama e la schiena nuda della ragazza. Lo scopo? Lanciare il messaggio “viaggiate in libertà”.

 

U

UGLY-SELFIE è la moda per cui un numero sempre maggiore di ragazzi sceglie di condividere auto-scatti con smorfie, boccacce ed espressioni buffe e divertenti. Da un lato potrebbe rappresentare un modo per sdrammatizzare la ricerca ossessiva di perfezione e consiste nello scattare solitamente due foto: una dove si è usciti bene e l’altra con svariati difetti. Le due foto vengono assemblate in un’unica foto per mostrare a tutti il prima e il dopo. E’ una moda che sembra piacere molto ai giovani.

UNDERBOOB letteralmente sotto il seno è un Selfie che consiste nel fotografare la parte bassa del seno senza mostrare i capezzoli. Basta infilarsi una maglietta senza reggiseno sotto, alzarla fino a far uscire la parte bassa e fotografare. È la moda del momento che le ragazze stanno sfruttando come vetrina per continuare a mettere in mostra il proprio corpo semi nudo.

 

V

VAMPIRISMO è una tendenza  nata tra i giovani, forse in seguito al fascino per le saghe sui vampiri degli ultimi anni che consiste nel bere sangue umano fotografarsi o filmarsi e postare il tutto nei social network.

VAPING è una pratica che prevede l’inalazione di diversi tipi di alcolici mescolati mentre si viene filmati poi inserirli su You Tube o i social network. Respirare l’alcol dà un effetto immediato al cervello con un stordimento e uno sballo maggiore, ma provoca gravi danni alla salute e può portare a mettere a repentaglio pure la vita.

VODKA EYEBALLING  consiste nel  “bere” versando l’alcol direttamente dentro l’occhio, lo si spruzza o si fa aderire il collo della bottiglia al bulbo oculare, ci si filma e si pubblica il video o le foto nei vari social network. L’intento è quello di ubriacarsi più velocemente perché i giovani credono che l’alcol tramite il nervo ottico entri in circolo più velocemente, garantendo uno sballo più immediato. Ovviamente non è così. I rischi sono relativi ai danni, talvolta permanenti, agli occhi tra cui alterazioni campo visivo, irritazioni cavo oculare, cecità, irritazione capillari, alterazione della pressione occhio.

W

WAKEUPCALL: la nuova campagna di beneficenza organizzata dall’UNICEF è nata per sensibilizzare e raccogliere fondi  per i rifugiati Siriani, in particolare bambini, che hanno subito violenze nel loro paese. In poche ore, si è trasformata in una vera Social-sfida e ha già contagiato moltissime celebrità.  In cosa consiste questo social game? Non vi preoccupate, questa volta nulla di pericoloso!!!  Bastano poche regole: serve un semplice selfie scattato al risveglio, mostrarsi per quello che si è, senza trucco e spettinati, con un look tutto al naturale, per poi nominare e sfidare gli amici a fare lo stesso. Sono bastate poche ore per far diventare popolare l’hashtag #WakeUpCall, dove tantissimi curiosi  hanno già cercato i loro beniamini per scovare le facce più assonnate, le espressioni più buffe e perché no, trovare qualche difettuccio e vedere ogni tanto un po’ di normalità.

 

Z

ZENTAI è una moda nata in Giappone che consiste nell’indossare una tuta molto attillata in lycra colorata,  su tutto il corpo nudo fino ad arrivare a coprire pure il volto, e passeggiare per le vie della città. Ci si annulla totalmente e si nascondono i tratti peculiari ed espressivi. Molti giovani la usano per provare piacere sessuale non attraverso la penetrazione ma attraverso i corpi che si sfregano, il respiro, il calore, le parti del corpo che si toccano, senza neppure guardarsi negli occhi. I rischi possono essere irritazioni cutanee e in alcuni casi il soffocamento.

ZUMBA SELFIE.  Zumba è una disciplina che negli ultimi anni è diventato un vero must nelle palestre tra i giovani e gli adulti. Sul web impazzano i Selfie di questa danza, che consistono nell’immortalare i movimenti più scatenati e gli outfits più colorati e divertenti da inserire immediatamente in rete.