macchina like

Alla ricerca dell’approvazione social e sociale: la macchina dei like che fa ammalare gli adolescenti


4 adolescenti su 10 non accettano il proprio aspetto, vorrebbero cambiare il proprio corpo soprattutto nel periodo estivo che devono mostrarlo nelle loro bacheche social evitando possibilmente attacchi, critiche e prese in giro (Dati Osservatorio Nazionale Adolescenza). Gli adolescenti che non si piacciono sono anche coloro che si fanno condizionare dal numero di like ottenuti sulle immagini dei loro profili social e sono sensibili ed influenzabili dal giudizio delle altre persone, dalle critiche e dai commenti negativi.

Un numero elevato di like, di “quanto sei bella” corrisponde ad un buona dose di autostima da assumere quotidianamente visto che si dipende dall’approvazione social.

La macchina dei like sta influenzando notevolmente l’umore dei più giovani e si rischia di rimanerne vittime ed incastrati.

Per il:

55% degli adolescenti, soprattutto femmine, è importante il numero di like che si ottengono sui social,

17,5% controlla il numero di mi piace, chi li mette, quando e si fa condizionare e fa anche i paragoni gli altri amici (Dati Osservatorio Nazionale Adolescenza).

 

Durante il periodo estivo, diventa una sfida a chi prende più like, a chi fa le cose strane, a chi ha il corpo più seducente e provocante. Foto di adolescenti semi-nude, in bikini, in bagno, con “svestiti” addosso per sentirsi più belle e più apprezzate.

Guarda quella sfigata”, “quella è un cesso”, “certa gente non dovrebbe postare certe foto”, come se avessero il diritto di mostrarsi solo le ragazze belle o magre. Tantissime di loro seguono anche pedissequamente ciò che fa il proprio idolo, il modello a cui si ispirano. Nella mia esperienza clinica ho visto tantissime adolescenti ascoltare i “consigli” del proprio idolo per dimagrire, vestirsi come loro, imitarle nei loro atteggiamenti, dimenticandosi che sono personaggi pubblici e il loro lavoro e guadagno è basato sull’esposizione mediatica, mentre loro sono giovani che vivono in un contesto familiare e sociale diverso per cui svendersi per i like, significa andare ad interferire con la propria reputazione e autostima.

Modelle e vip lanciano spesso social mode estive basate sulla loro magrezza e perfezione corporea. Pancia piatta e perfetta con il solco in mezzo come simbolo di un corpo perfetto (Ad crack), Bikini Bridge, gambe secchissime con il famoso buco in mezzo (Thigh Gap), posizioni da urlo molto poco appropriate a ragazzine che si atteggiano da adulte alla ricerca della popolarità o di diventare famose e approvate come loro, comportamenti ed insegnamenti che oltretutto si diffondono a macchia d’olio.

2 adolescenti su 10 dichiarano di seguire queste social mode (Dati Osservatorio Nazionale Adolescenza).

In questo senso, i social network fanno da AMPLIFICATORE per cui un comportamento sbagliato, scorretto e pericoloso per la salute diventa virale in pochissimo tempo se approvato dai social.

di Maura Manca, Psicoterapeuta

Presidente Osservatorio Nazionale Adolescenza

Direttore AdoleScienza.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *