allergie smartphone

Allergie e dermatiti causate da smartphone


Uno studio pubblicato sulla rivista Pediatric Allergy, Immunology and Pulmonology (Richardson et al., 2014) ha rilevato un aumento di casi di dermatite allergica che sembrerebbe essere causata dal contatto con tracce di sostanze metalliche presenti negli smartphone.

I ricercatori hanno passato in rassegna i casi di allergie da contatto, causate da telefoni cellulari, che si presentano solitamente come dermatiti localizzate intorno all’orecchio, alla guancia o alle mani. Nel giro di un decennio, dal 2000 al 2010, c’è stato un aumento di questi sintomi dell’1,25%, mentre nei 2 anni successivi, l’incremento è stato del 40%, in concomitanza con la diffusione massima dell’uso degli smartphone. Negli studi esaminati, inoltre, è stato osservato un eccessivo rilascio di nichel nel 45,5% di questi dispositivi. Attualmente non vi sono dati sul tempo minimo di esposizione necessario per suscitare la dermatite allergica al nichel, ma la Commissione Europea ha definito l’esposizione a lungo termine come superiore a trenta minuti di continuo contatto con la cute e/o un’ora totale di contatto cutaneo discontinuo in un giorno. Considerando l’uso spasmodico che si fa negli ultimi tempi degli smartphone, possiamo aspettarci che tali termini siano raggiunti se non addirittura superati dai consumatori.

Un dato da non sottovalutare è che questo tipo di sintomatologia si sta diffondendo soprattutto tra i più giovani: il nichel, ad esempio, rappresenta l’allergia più comune nei bambini (circa il 33%). Se si pensa che già in tenera età i più piccoli iniziano a maneggiare i dispositivi elettronici dei propri genitori, il rischio di poter sviluppare dermatiti allergiche da cellulare è particolarmente elevato.

È importante dunque non sottovalutare la presenza di allergie da contatto causate dagli smartphone nei pazienti che presentano dermatite del viso, del collo, delle mani, del seno, delle cosce anteriori, facendo particolare attenzione ai bambini e agli adolescenti che manifestano un utilizzo assiduo degli smartphone.

Redazione AdoleScienza.it

 

Riferimenti Bibliografici

Richardson C., Hamann C.R., Hamann D., Thyssen J.P. (2014). Mobile phone dermatitis in children and adults: a review of the literature. Pediatric Allergy, Immunology, and Pulmonology, 27(2): 60-69.