cellulare mano

Anche le mamme sono sempre più distratte dallo smartphone


L’allattamento rappresenta un momento coinvolgente e intimo tra madre e bambino: tuttavia, quasi la metà delle volte le mamme rischiano di distrarsi, spesso perché richiamate dalle notifiche dello smartphone, del tablet o dalla propria fiction preferita in tv.

Lo rivela uno studio americano (Ventura e Teitelbaum, 2017), i cui risultati hanno evidenziato come nel 46% dei casi, le madri dichiarassero di essersi distratte durante l’allattamento del proprio bambino: sei volte su dieci, la loro attenzione era stata catturata proprio dai dispositivi tecnologici, senza che emergessero differenze significative tra coloro che allattano al seno e coloro che allattano artificialmente, tramite biberon.

Messaggi, telefonate, selfie e app da controllare rischiano, quindi, di trasformare il momento della pappa in un momento poco condiviso o da riempire con altre attività.

Quali le conseguenze?

Utilizzare costantemente lo smartphone è ormai un’operazione automatica durante le nostre giornate; per lavoro o per svago, passiamo molto tempo alle prese con la tecnologia e le mamme, talvolta, ne approfittano per far passare il tempo durante l’allattamento.

Se queste distrazioni abbiano delle conseguenze sulla qualità dell’allattamento e sul comportamento alimentare del neonato a distanza di tempo, e quali possano essere tali conseguenze, resta da indagare in modo più approfondito. Ciò che è importante tenere in mente, in ogni caso, è l’importanza del guardare i neonati durante la poppata, sorridere o parlare loro, fargli sentire la nostra presenza reale, per favorire il rapporto e cementare la relazione affettiva.

Redazione AdoleScienza.it

Riferimenti Bibliografici

Ventura A. K., Teitelbaum S. (2017). Maternal Distraction During Breast- and Bottle Feeding Among WIC and non-WIC Mothers. Journal of Nutrition Education and Behavior, 49 (7): S169- S176.

Credits pixabay.com