educare tecnologia

Consigli su come educare un bambino ad un sano uso della tecnologia


Per un sano e corretto utilizzo di smartphone, tablet e pc, da parte dei bambini è fondamentale educare i propri figli alla tecnologia. Bisogna individuare delle chiare regole di utilizzo che devono essere circoscritte e adattabili alle differenti condizioni di utilizzo:

Insegnare al bambino che il cellulare non si usa quando non serve, che si usa come un giocattolo, le cui regole le dettano i genitori. Una volta terminato il gioco, i genitori lo riprendono.

Definire le modalità di utilizzo; esempio cercate di essere presenti, valutate che tipologie di giochi fanno e come si relazionano allo smartphone. Se vedete che non riescono a staccarsi, che sono invasi dal gioco, che neanche hanno finito di mangiare o di fare qualsiasi altra cosa smaniano per giocare, se vogliono utilizzarlo anche a tavola o durante i compiti e non riuscite più a toglierglielo di mano, non va bene, c’è il rischio che si stiano “intossicando” e allora procedere con una sorta di disintossicazione.

Valutare il tempo, per evitare condizioni di abuso e di dipendenza. Troppo ore consecutive, fanno male, sia da un punto di vista fisico (es. problemi agli occhi), che mentale (dipendenza, irritabilità).

Correggetegli la postura per evitare danni alla schiena e alle mani. Evitate di farli giocare sul letto o sdraiati in posizioni totalmente scorrette. Sono in piena fase di crescita e possono incorrere in condizionamenti a livello osteo-articolare.

Impedite l’utilizzo prima di andare a dormire, hanno l’effetto di attivare nuovamente le funzioni cognitive e inibire il sonno.

Non utilizzare telefono o tablet a tavola, voi genitori compresi.

Non controllate di nascosto il telefono del figlio, cercate di fare un patto di fiducia con lui, basato sul parlare sinceramente, su un uso responsabile, con la condizione che qualora il genitore abbia bisogno, possa, dopo averlo espressamente chiesto, controllare il contenuto del telefono.

– Non dimenticate che il reale e il digitale non sono interscambiabili. Stimolano in maniera differente il cervello del bambino.

Valutate in maniera approfondita i giochi che fate utilizzare ai bambini. Movimenti troppo ripetitivi non stimolano le funzioni cognitive. Valutate anche i cartoni che gli fate vedere, evitate di mettere sempre lo stesso film o cartone, bisogna favorire la curiosità e la creatività, anche attraverso nuovi stimoli.

– Portate il bambino comunque al parco, al mare, fatelo esprimere, creare, inventare e non solo giocare con un tablet con giochi predefiniti in cui si deve prettamente eseguire e non creare.

Non perdete di vista lo sviluppo del linguaggio, troppa tecnologia riduce le interazioni con l’ambiente e quindi la stimolazione alla comunicazione verbale, rischiando di favorire ritardi nel parlare.

– Non dimenticate mai di sostenere e rinforzare tutti gli aspetti relazionali e di interazione con gli altri bambini. L’interazione con gli altri favorisce lo sviluppo e l’apprendimento della cooperazione, condivisione, il rispetto dell’altro e degli spazi altrui, fondamentali per una buona integrazione a livello sociale.

Divieto assoluto durante la notte. Non vi dimenticate che le radiazioni, come le onde emesse dal Wi-Fi di casa o di smartphone e tablet danneggiano la guaina mielinica protettiva che circonda i neuroni cerebrali, soprattutto in fase di sviluppo.

Non fate usare i vostri profili social ai bambini.

Attivare il parental control su tutto quello che lo consente.

NON utilizzare mai i tablet e gli smartphone come una TATA (Samrt Tata).

Non lasciare i figli da soli davanti ad uno smartphone o un tablet.

È importante educare anche i nonni e gli altri membri della famiglia che devono attenersi alle “regole” genitoriali. Se stabilite che i figli devono utilizzare tablet, smartphone o vedere la tv un tempo definito o che non lo debbano utilizzare in determinati contesti, anche loro devono far rispettare ciò che gli avete insegnato.

 di Maura Manca, Psicoterapeuta

Presidente Osservatorio Nazionale Adolescenza

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *