corpo facebook

Il corpo femminile come oggetto: social media e confronto sociale


La rappresentazione che i social media offrono del corpo femminile è, troppo spesso, vicina al modello di corpo-oggetto. Riviste, pubblicità e contenuti condivisi online offrono modelli e ideali ai quali si rischia di sentirsi in dovere di aderire e corrispondere.

Una maggiore esposizione a tali immagini, però, sembra dimostrarsi associata a maggiori livelli di auto-oggettificazione tra le giovani donne: il corpo diviene, cioè, un oggetto da esporre e le caratteristiche di personalità tendono, al contrario, a non essere valorizzate o poste in secondo piano.

Un recente studio (Fardouly et al., 2015), condotto su ragazze di età compresa tra i 17 e i 25 anni, ha esaminato il rapporto tra l’uso di diversi tipi di social media (Facebook, internet, tv, video musicali e riviste) e il grado di auto- oggettificazione percepito dalle giovani donne, insieme all’ipotesi che il confronto sociale sull’aspetto fisico possa mediare le relazioni osservate.

Le studentesse intervistate hanno dichiarato di trascorrere in media due ore al giorno navigando su Facebook e controllando regolarmente gli aggiornamenti del profilo dei propri contatti. In particolare, le ragazze passerebbero molto tempo online curiosando tra le foto delle proprie amiche, effettuando un confronto tra la propria immagine corporea e quella di altre donne.

Ciò può rappresentare, secondo i ricercatori, un comportamento compulsivo che spinge a considerare il proprio corpo come un oggetto da paragonare costantemente a modelli di riferimento esterni e idealizzati. In particolare, per le ragazze, sembra rivestire un ruolo fondamentale il confronto con i propri coetanei su Facebook.

Le implicazioni, tuttavia, possono essere molteplici: questo atteggiamento si dimostra, infatti, collegato all’ossessione per il proprio aspetto esteriore, a sentimenti di vergogna, ansia o depressione fino ai disordini alimentari.

 

Redazione AdoleScienza.it

Riferimenti Bibliografici

Fardouly J., Diedrichs P. C., Vartanian L. R., Halliwell E. (2015). The Mediating Role of Appearance Comparisons in the Relationship Between Media Usage and Self-Objectification in Young Women. Psychology of Women Quarterly.doi:10.1177/0361684315581841.

Slater A., Tiggemann M. (2015). Media exposure, extracurricular activities, and appearance-related comments as predictors of female adolescents’ self-objectification. Psychology of Women Quarterly. doi:10.1177/0361684314554606.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *