smartphone bambini shutterstock

La tecnologia non va bocciata ma serve equilibrio. Il parere di Maura Manca su Il Resto del Carlino


Su Il Resto del Carlino del 7 aprile 2018, un bellissimo approfondimento di Daniele Petrone, con l’intervista a Don Giordano Goccini e il parere della dott.ssa Maura Manca su un tema ormai molto ricorrente, ossia l’utilizzo sempre più precoce delle tecnologie e dei social network da parte di bambini e ragazzi.

Don Goccini, parroco di Novellara ed ex responsabile della pastorale giovanile della diocesi reggiana, ha lanciato un appello alle famiglie dicendo loro che, se avessero regalato lo smartphone o il tablet ai loro figli, non avrebbe celebrato il sacramento della prima comunione.

Una frase provocatoria per sottolineare il suo disaccordo in merito al fatto di dare un dispositivo elettronico nelle mani di un figlio, quando ormai in età troppo precoci iniziano a frequentare social network e gruppi whatsapp.

articolo Il Resto del Carlino

In merito a questo tema, è stato chiesto il parere dell’esperta, la dott.ssa Maura Manca, psicoterapeuta e presidente dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza, secondo la quale il problema non è vietare o meno il telefono, ma è necessario accompagnare bambini e ragazzi verso un utilizzo corretto della tecnologia.

Non è d’accordo, dunque, con la provocazione lanciata da Don Goccini secondo cui non bisogna comprare lo smartphone ai minori di 13 anni perché prima di quest’età già sono a contatto con la tecnologia, visto che utilizzano spesso quello dei genitori, anche senza monitoraggio, o quello degli amichetti.

La dott.ssa Maura Manca concorda, però, con il parroco sul fatto che, se sin da piccoli abusano del digitale, crescono con un deficit nella cooperazione e nella condivisione.

È necessario dunque non demonizzare la tecnologia ma dettare regole ed educare bambini e ragazzi ad un uso sano e consapevole di questi dispositivi.