maura vita in diretta

Per molti ragazzi è normale filmare scene di sesso. Un’analisi del mondo giovanile di oggi alla Vita in Diretta


In diretta su Rai 1, alla Vita in Diretta, il 28 novembre 2017, insieme a Marco Liorni, abbiamo dedicato uno spazio di approfondimento sui pericoli della rete, sulle vedette e sulle estorsioni a sfondo sessuale, dopo la morte della povera Michela.


Basta pochissimo per essere schiacciati dalla diffusione di materiale privato o intimo senza la propria approvazione e il proprio consenso. Basta un attimo in cui ci si lascia andare, ci si fida, si pensa al momento che si sta vivendo e non si riflette sul fatto che quelle immagini possono essere utilizzate come un’arma per ferire e distruggere.


È un’invasione troppo profonda nella propria vita privata, con un impatto devastante sulla psiche difficile da gestire. A volte non si riescono a trovare le risorse per affrontare tutto questo, non si riesce a vedere una via d’uscita, si crolla, ci si fa prendere dallo sconforto e dal dolore e in tanti casi, purtroppo, si arriva anche al suicidio, come nel caso di Michela.

I dati di un’indagine combinata di Skuola.net e dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza sono davvero allarmanti: infatti, il 7% delle ragazze racconta di essere stata filmata mentre faceva sesso, e tra queste il 70% è stato ricattato proprio a causa di quelle immagini spinte a sfondo sessuale.

La dott.ssa Maura Manca, psicoterapeuta e presidente dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza ha spiegato la differenza tra revenge porn e sextortion, purtroppo fenomeni sempre più diffusi tra gli adolescenti:

https://www.facebook.com/mancamaura/videos/1787118041592642/?hc_ref=ART55Gzjo-qP_BCOZp4tgrPrScXOyaBnNhRv79AsTgb2jA5-4sJZJFR2kQBnbZe113M

Per guardare l’intero servizio, cliccare sul link a partire dal minuto 02.13.56:

http://www.raiplay.it/video/2017/11/La-vita-in-diretta-f5a199ac-4908-439c-afe6-740b951de13c.html