phubbing

Quando lo smartphone mette in crisi la coppia: il Phubbing


Il phubbing, termine che deriva dalle parole phone e snubbing (snobbare, ignorare), indica l’azione di spostare continuamente l’attenzione sul proprio smartphone, in presenza di altre persone. Si tratta di un’abitudine costante e molto comune in cui, perfino in situazioni sociali, non si riesce a fare a meno di controllare la ricezione di messaggi, e-mail, di consultare siti e social network, di giocare!

E se il phubbing è presente all’interno delle relazione di coppia?

Vi è mai capitato di andare a mangiare fuori e vedere una coppia al tavolo più interessata ai loro telefoni che a conversare tra loro?

Una recente ricerca, condotta dall’Università di Baylor nel Texas (Roberts e David, 2016), ha indagato la presenza di phubbing e i livelli di soddisfazione e conflitto all’interno di 145 coppie. Gli autori hanno somministrato un questionario in cui si chiedeva di individuare una serie di comportamenti come per esempio:

– Il/la mio/a partner tiene sempre il cellulare in mano quando stiamo insieme.

– Il/la mio/a compagno/a lancia spesso occhiate al telefono mentre parla con me.

I dati evidenziano che:

– il 46% ha dichiarato di aver subito phubbing dal partner;

– il 67% ha provato, di fronte a tale atteggiamento, frustrazione, insoddisfazione e malessere;

– il 23% ha riportato che questa abitudine abbia provocato un aumento del conflitto nella relazione di coppia.

L’uso eccessivo e in alcuni casi ossessivo dello smartphone, oltre a creare dipendenza, può dunque condurre a conflitti interpersonali, minando il benessere personale e relazionale. Dalla ricerca tuttavia è emerso che tale effetto è più evidente nelle persone che di per sé presentano ansia e insicurezza nelle relazioni.

Forse è il caso di riflettere sul motivo per cui si interrompe o si ignora una conversazione per dedicarsi allo smartphone. Il phubbing può creare occasioni di conflitto e un calo di soddisfazione di coppia anche se è anche possibile che partner già frustrati e infelici della relazione preferiscano isolarsi e relazionarsi con la realtà virtuale e che quindi tale comportamento rappresenti semplicemente una compensazione di non elaborati e vuoti emotivi all’interno della coppia.

 

Redazione AdoleScienza.it

 

Riferimenti Bibliografici

Roberts J.A., David M.E. (2016). My life has become a major distraction from my cell phone: Partner phubbing and relationship satisfaction among romantic partners. Computers in Human Behavior, 54: 134-141.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *