Report cellulare

Tra social network e chat aumenta il controllo compulsivo dei nostri smartphone


In Italia il controllo costante del proprio smartphone sembra rappresentare un’abitudine ormai consolidata, che non coinvolge solo gli adolescenti e che ci porta ad essere frequentatori assidui dei social network (soprattutto Facebook). Non riusciamo a staccarci dal nostro cellulare, che ci accompagna quasi costantemente dal momento del risveglio fino all’addormentamento.

   

È quanto emerso nel rapporto della Ofcom, l’Autorità inglese per le telecomunicazioni (http://stakeholders.ofcom.org.uk/binaries/research/cmr/cmr15/icmr15/icmr_2015.pdf), secondo cui gli italiani risultano essere preceduti nel controllo compulsivo del proprio smartphone solo dai giapponesi. Il MAGGIOR INCREMENTO riguarda la fascia di età compresa fra i 16 e i 24 anni il cui utilizzo della rete, dal 2005, è triplicato salendo da 10 a 27 ore settimanali. Non possiamo più fare a meno del nostro cellulare, tanto da controllarlo appena svegli o al massimo entro i 22 minuti successivi e fino a mezz’ora prima di andare a dormire. Gli italiani confermano la loro passione per le nuove tecnologie e per l’utilizzo di servizi e applicazioni più gettonate: diffuso è, infatti, l’utilizzo di media players (64%) e dei cellulari per l’ascolto della musica (31%).

Sono, inoltre, emerse nel rapporto anche alcune mode e manie legate alla tecnologia. Italiani e americani in particolare, infatti, controllano dieta e fitness attraverso le app del proprio smartphone: oltre il 30% degli utenti che possiede un telefono di nuova generazione lo utilizza per monitorare la propria forma fisica e calcolare o controllare le calorie ingerite.

Un dato importante riguarda il 68% degli utenti che dichiara di non avere problemi nel fornire informazioni personali online: siamo, dunque, sempre più connessi ma non ancora consapevoli dei RISCHI che possiamo correre e delle modalità per utilizzare la rete in modo adeguato e proteggendo la nostra privacy.

 

Redazione AdoleScienza.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *