Male high school student asleep in class --- Image by © Image Source/Corbis

Adolescenti con la crisi da rientro, insonni e dipendenti dalla tecnologia


Ci vuole veramente poco tempo per dimenticare i benefici di una vacanza. Basta rientrare nella routine quotidiana, ripartire con la scuola e tutte le attività collaterali che le ruotano intorno per ricreare in pochissimo tempo le condizioni di stress e di tensione pre-vacanza.

Talvolta gli adolescenti manifestano delle vere e proprie crisi da rientro, costretti ai ritmi scolastici, con sveglia la mattina presto, compiti, regole da rispettare. Fanno fatica a rientrare nell’ottica del dover svolgere il proprio dovere dopo troppi mesi liberi da vincoli di orari e di obblighi. Alcuni adolescenti in questa fase di riassestamento si sentono più nervosi, irascibili, faticano ad addormentarsi, a mantenere un sonno qualitativamente di livello, a svegliarsi presto la mattina e riprendere sane abitudini alimentari. Insomma, una vera e propria crisi da rientro.

Non dormire intacca il rendimento scolastico e l’umore

Il problema del sonno è uno dei più rilevanti in questa fascia di età. Gli adolescenti dormono troppo poco e male. Gli adulti non curano adeguatamente l’igiene del sonno dei figli, controllando poco le loro attività notturne in rete. I ragazzi hanno spesso un sonno disturbato dalle “ansie della vita”, dalle attività notturne sui social e chat e dalle “abbuffate” di video su YouTube e di serie in streaming e dalle sfide ai videogiochi.

Sequestrare tutti gli strumenti tecnologici non è la soluzione

Sequestrare gli strumenti tecnologici è la soluzione più istintiva e immediata a cui ricorre la maggior parte dei genitori, che però non risolve il problema alla radice, perché non li aiuta a comprendere le motivazioni per cui dovrebbero dormire. Anzi, intacca il dialogo produttivo e crea più distacco tra genitori e figli che vedono il sequestro come una imposizione.

In effetti il problema è legato anche al fatto che………………………………………………………….

Clicca sul link per continuare a leggere tutto il mio articolo pubblicato sul Magazine Family Health:

Adolescenti con la crisi da rientro, insonni e dipendenti dalla tecnologia