crescere al tempo di crisi

Crescere in un tempo di crisi. Come aiutare i nostri figli a credere nel futuro


In questi ultimi anni siamo stati in un certo senso schiacciati dalla crisi economica, dei valori, educativa e formativa. I giovani di oggi crescono bombardati dai media sulla precarietà, sia da un punto di vista lavorativo che scolastico. Anche la famiglia ha subito una forte crisi, i genitori si trovano a dover crescere i figli in una condizione quasi di incertezza, a dover gestire figli tecnologici, sempre più distanti dalla loro generazione.

Quanto è difficile per un genitore crescere un figlio che affronta la famosa crisi adolescenziale, i cambiamenti psico-fisici, gli amori, i dubbi le perplessità, in un tempo di crisi?

Una delle difficoltà più grandi per i genitori di oggi è gestire la paura per il futuro dei figli e le angosce del presente. È un mondo sempre più disinibito, violento, instabile, una società sempre più povera con un tenore di vita sempre più alto. Smartphone, tablet, pc, tv, per i giovani questi sono diventati gli standard di base e non di arrivo come poteva essere tanti anni fa, un po’ com’erano il cibo e l’alloggio per i nonni, come spiega egregiamente Philippe Jeammet nel suo ultimo libro: Crescere in un tempo di crisi. Come aiutare i figli a credere nel futuro.

La difficoltà di una padre e di una madre sta proprio nel dare ancora le speranze al figlio, la forza di credere nel futuro, la voglia di sognare e la grinta e la determinazione per gestire tutte le variabili che un adolescente deve affrontare oggi. Ragazzi sempre più connessi e sempre più soli, pessimisti, tristi e dispersi nella rete, genitori in difficoltà nel gestire la rapidissima evoluzione della tecnologia, che si trovano a rincorrere zoppicando i figli nella rete.

Il genitore deve contenere ed incanalare le emozioni del figlio affinché riesca a realizzare qualcosa di costruttivo e non di distruttivo per se stesso, come nella messa in atto dei comportamenti a rischio per la propria salute. Per un padre e una madre la realizzazione del figlio è diventata l’unità di misura per verificare il livello di bravura e l’efficacia come genitore. Se devia, non riesce negli studi, non è integrato, il genitore entra in crisi, ha paura, si preoccupa per il suo futuro, rischiando però di pressare il figlio con delle aspettative troppo elevate da gestire, insieme al peso della crisi, alle preoccupazioni e al pessimismo generale.

 La crisi economica non permette una separazione netta dai genitori, va ad inficiare il processo di separazione ed individuazione, ritarda l’inserimento nella giovinezza e trascina a forza l’adolescenza fino agli anni universitari, ritardando l’andare a vivere da soli.

Il genitore deve preparare il figlio a diventare un adulto consapevole, spiega Jeammet, non deve schiacciarlo con le preoccupazioni per il futuro o continuare a trattarlo come un bambino indifeso, ha il dovere di dargli tutti gli strumenti per affrontare questo mondo in crisi. “Non essendovi più un metodo educativo valido, ereditato dal passato, ogni genitore deve trovare il proprio…..e non è mai sicuro di far bene. Risultato: aspetta che il figlio adolescente gli confermi che lui è un bravo genitore!”, un genitore, come sostiene l’Autore, che deve già fronteggiare la vita di coppia, le problematiche lavorative, la quotidianità e le paure e preoccupazioni legate alla crescita del figlio!

Un libro veramente innovativo ed attuale, che analizza il difficilissimo compito del genitore in un tempo di crisi, che combatte quasi sfiduciato nel cercare di regalare un futuro e la fiducia in se stesso e nel mondo, ad un ragazzo alle prese con i primi passi da adulto.

Solo un Autore come Philippe Jeammet, uno psichiatra psicoanalista che ha speso tutta la sua vita a lavorare e a studiare l’adolescenza e la genitorialità, poteva essere così attuale nell’affrontare le tematiche dei nuovi genitori in crisi, aiutandoli a comprendere, regalandogli gli strumenti per aiutare i figli a credere nel futuro e accompagnargli passo dopo passo nella strada per diventare adulti.

 

Di Maura Manca, Psicoterapeuta

Direttore Responsabile di AdoleScienza.it

 

Riferimenti Bibliografici

Jeammet Philippe (2015). Crescere in un tempo di crisi. Come aiutare i nostri figli a credere nel futuro. Vita e pensiero

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *