dito puntato

Genitori alle prese con le bugie dei figli: quando preoccuparsi e come reagire?


Capita di frequente che bambini e adolescenti dicano le bugie e che, crescendo, inizino a nascondere parte delle esperienze che vivono, a omettere tanti dettagli e a non parlare più apertamente con i genitori come facevano quando erano bambini. Questo atteggiamento fa spesso arrabbiare mamme e papà che si preoccupano quando si accorgono che i figli mentono.

È importante tener conto che anche i bambini possono dire le bugie, ma solitamente sono più grossolane e macroscopiche rispetto a quello pensate dagli adolescenti, per cui è più facile rendersi conto della situazione, mentre quelle dei ragazzi più grandi, sono più elaborate e strumentali.

In questa fascia di età, infatti, cambia il livello di sviluppo cognitivo e l’organizzazione del pensiero e ragazzi  possono essere anche più manipolativi e le bugie, in genere, acquisiscono la finalità di ottenere o nascondere qualcosa o manifestano la paura di affrontare il genitore per evitare punizioni o reazioni emotive.

Perché i ragazzi dicono le  bugie ai genitori

Spesso lo fanno per non affrontare una situazione o per non assumersi la responsabilità di ciò che hanno fatto. Tante volte hanno paura delle reazioni dei genitori o degli adulti di riferimento, ad esempio di un insegnante o un allenatore sportivo, per cui se sanno di aver fatto uno sbaglio cercano di evitare le conseguenze delle proprie azioni.

Altre volte, non vogliono dare un dispiacere al genitore o deluderlo, oppure vogliono trasmettere un’impressione diversa di sé e della situazione, magari lo fanno per cercare approvazione oppure nascondono qualcosa perché si vergognano.

È importante avere la consapevolezza che anche aspettative eccessive da parte degli adulti, ad esempio sul rendimento scolastico, possono portare i ragazzi a dire le bugie, perché creano in loro troppa pressione psicologica.

Infine, non bisogna dimenticare che tante volte hanno semplicemente bisogno di mantenere una propria sfera privata e intima, soprattutto quando si tratta di discussioni o litigi personali in cui è normale che non vogliano coinvolgere i genitori e per evitare l’attenzione del genitore mettono le mani avanti.

Quando e come intervenire?……………………………………………………………………………………..

Clicca sul link per continuare a leggere tutto l’articolo sul Magazine Family Health pubblicato il 16 luglio 2018:

Genitori alle prese con le bugie dei figli: quando preoccuparsi e come reagire?