DATI BACCHETTA MAICA

Gli adolescenti hanno paura del futuro


Spesso ci si interroga su come i ragazzi percepiscono il futuro, sulle loro perplessità e sui loro dubbi. È un mondo in crisi sotto tanti punti di vista: è in crisi di valori, economica, la famiglia è disgregata, la scuola è troppo disomogenea, ci si basa eccessivamente su un modello calcistico stile serie A e serie B e sui beni materiali.

Gli adolescenti si trovano ad affrontare la fase evolutiva più instabile della loro vita in un ambiente caratterizzato da profonda instabilità. Inoltre non credo proprio che tutto questo continuo bombardamento mediatico sul futuro incerto e l’assenza di lavoro, nonché si parla solo di morti, violenza e drammi personali e familiari, possa aiutarli ad essere più sicuri e meno impauriti nell’affrontare la quotidianità e proiettarsi serenamente in epoche successive.

Con il nostro Osservatorio lavoriamo costantemente nelle scuole e abbiamo voluto approfondire un aspetto legato alla volontà di cambiare qualcosa nella loro vita, abbiamo chiesto ad oltre 7000 adolescenti sparsi su tutto il territorio nazionale: “se avessi una bacchetta magica con una sola magia a disposizione, come la useresti?”

DATI BACCHETTA MAICA

Le risposte che ci hanno dato i ragazzi fanno un po’ riflettere. La maggior parte di loro, quasi un ragazzo su due, la vuole usare per diventare ricco, come se i beni materiali e l’aspetto economico fossero più rilevanti di altri valori nella vita di questi ragazzi. Molti di loro basano troppo le relazioni e il peso di una persona in base ai soldi e alle diponibilità economiche, creando delle sorta di cerchie ristrette, molto selettive, a discapito dei ragazzi normali che non hanno le loro possibilità, creando discriminazioni e potenziali prepotenze.

Il 15% vorrebbe essere felice, come se vivesse in una condizione di tristezza da cui non sa come uscirne se non con una magia.

Ma i dati secondo me più allarmanti sono legati al fatto che tanti adolescenti (13%) non hanno idea di come usare una bacchetta magica a loro completa disposizione e sentono il peso di dover decidere e di dover valutare le situazioni, perché la magia è solo una. Non sanno prendere una posizione nel presente e chiedono di usarla in futuro magari potendo esprimere anche altri desideri.

di Maura Manca, Psicoterapeuta

Presidente Osservatorio Nazionale Adolescenza

e Redazione AdoleScienza.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *