tempo libero

Le “nuove famiglie”: consigli per una buona gestione dei figli in vacanza


Succede spesso che un genitore, in seguito alla separazione coniugale, inizi una relazione sentimentale con un nuovo partner dalla quale possono nascere altri bambini. 

Si creano così le cosiddette famiglie ricostituite, ricomposte, allargate, realtà complesse in cui le dinamiche relazionali possono essere più difficili da gestire.

Le vacanze estive sono una di quelle occasioni in cui ci si può ritrovare tutti insieme. Per tale motivo, è importante seguire alcune indicazioni per evitare contrasti e difficoltà.

Bisogna innanzitutto tenere presente che…

La nuova esperienza va preparata. Tutti i figli hanno già sperimentato numerosi cambiamenti per cui vanno rispettati i tempi di ognuno di loro al fine di creare la giusta coesione.

Evitate di progettare le vacanze tutti insieme se non c’è stato un tempo di conoscenza e non si sono creati rapporti stretti tra i bambini/ragazzi e il nuovo compagno del genitore e tra i fratelli acquisiti.

I figli tendenzialmente non vorrebbero condividere mamma e papà con nessuno. È importante conoscere queste dinamiche e cercare di non potenziare gelosie tra i membri della famiglia.


Ecco qualche consiglio rivolto agli adulti per gestire al meglio la pianificazione di una vacanza estiva con la “nuova famiglia”.

1. È importante che ciascun figlio possa esprimere i propri sentimenti e interessi. In fase di progettazione, coinvolgere tutti i bambini e i ragazzi, soprattutto chi vive in un’altra casa, permette di non far sentire nessuno escluso dalla realizzazione della vacanza.

 

2. Cercate nei primi anni di pianificare viaggi brevi, considerando che le relazioni sono ancora in fase di costruzione, in modo tale da evitare di trascorrere la vacanza con risentimenti e conflitti.

 

3. La complessità delle relazioni richiede da parte degli adulti molta flessibilità e tolleranza. È importante cercare di mantenere un atteggiamento tranquillo e positivo nel gestire le situazioni ed essere pronti ad intervenire di fronte ad eventuali imprevisti o tensioni da appianare.

 

4. Concentratevi sui bambini e i ragazzi. La vacanza non è l’occasione per focalizzarvi sul rapporto con il partner; gli adulti devono favorire un clima sereno, rafforzare i legami familiari e offrire momenti speciali di condivisione.

 

5. Dovete cercare di essere degli ottimi osservatori per cogliere eventuali segnali di disagio. Possono esserci bambini o ragazzi che esprimono ansia, preoccupazione e ostilità per il fatto di dover trascorrere le vacanze con i nuovi fratelli. Ci possono essere gelosie, bisogni di conferme dell’amore che il genitore prova nei loro confronti e difficoltà nel dover condividere con qualcuno la propria mamma o il proprio papà.

 

6. Ciascun genitore dovrebbe ritagliarsi nelle vacanze del tempo di qualità da trascorrere da solo con i propri figli. In questo modo, date un valore speciale al vostro rapporto e fate sentire ogni figlio parte integrante della nuova famiglia.

 

7. Non abbiate aspettative che i vostri figli diventino subito migliori amici solo per il fatto che fanno parte di un nuovo nucleo familiare. Apprezzate e incoraggiate i momenti piacevoli ed elogiate i bambini per gli sforzi fatti nello stare insieme.

 

Per una buona riuscita, mettetevi sempre nei panni dei minori, cercate di comprendere la situazione dal loro punto di vista e non dal vostro. Ognuno ha bisogno di essere rispettato nei suoi tempi per elaborare il cambiamento e per cercare di vivere serenamente le nuove relazioni.

Redazione AdoleScienza.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *