Motivazioni che spingono a bere

Quali sono le motivazioni che spingono gli adolescenti a bere?


Nella nostra cultura vi è una sorta di consenso sociale al consumo di bevande alcoliche, tanto che spesso “l’iniziazione” al bere avviene nell’ambito familiare, con un bicchiere di vino o una birra durante i pasti o per le feste, così da non essere visto come un comportamento inadeguato, ma è rinforzato in termini di condivisione.

Di conseguenza, è possibile che la maggior parte degli adolescenti sperimenti per le prime volte l’alcol proprio all’interno del contesto familiare.

In genere, i ragazzi bevono per divertimento, per stare bene, per essere alla moda, per sembrare più estroversi, meno “sfigati” o semplicemente per combattere la noia. Spesso il bere è associato al bisogno di sentirsi adulto, di acquisire e affermare l’autonomia, di trasgredire e superare i limiti, di fuggire dalla realtà.

Le motivazioni che spingono i giovani a mettere in atto tale comportamento si differenziano anche in base al sesso:

– Le ragazze essenzialmente bevono per la solitudine, per evadere dai problemi, come “cura” per i propri vissuti depressivi;

– I ragazzi, per conformarsi al gruppo e provare sensazioni piacevoli, per sentirsi più sicuri, soprattutto nella relazione con l’altro sesso.

Attenzione! L’influenza del contesto sociale riveste un ruolo fondamentale: gli adolescenti vedono il proprio gruppo come modello a cui riferirsi, con cui identificarsi per la costruzione del proprio senso di identità e di appartenenza.

Redazione AdoleScienza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *