genitori che litigano

Quello che i figli non dicono. Il vissuto di tanti figli che subiscono le separazioni conflittuali


Il problema non è la separazione in quanto tale dei due genitori; il problema è la gestione delle varie fasi, sono i conflitti e il malessere che genera il distacco quando non si affronta con un clima di accettazione. Troppe volte le separazioni sono il teatro della rabbia, della frustrazione, dell’odio tra ex coniugi, dei dispetti, del mettersi i bastoni tra le ruote in tutti i modi.


Ogni volta che mi trovo a salire su un ring a cui angoli ci sono i due genitori separati, gli ricordo che in mezzo c’è, o ci sono, i figli che sono il ricettacolo dei loro problemi e che tutto questo nuoce alla loro salute psicofisica. Comprendo perfettamente che ci siano tantissime situazioni in cui mantenere la calma sia complesso, ma i figli non possono essere le valvole di sfogo dei genitori, non possono colmare il vuoto lasciato dal partner, non possono preoccuparsi e occuparsi dei genitori, hanno il diritto di non perdere la loro infanzia e la loro adolescenza.

Sono già costretti a dividersi in più case, a farsi “a metà”, a gestire le valige, gli spostamenti, a stare attenti a come parlano dell’uno e dell’altro genitore, a non ferirli, a quando e come chiamano, a distribuirsi equamente tra i due per evitare di farli soffrire.

Tante volte mi riportano che hanno paura di esprimersi, di chiedere un proprio spazio per paura di toglierlo all’uno o all’altro genitore. Mi esternano il timore di dire no per evitare di sentirsi dire “con tua madre o con tuo padre questo lo fai”.

Clicca sul link per continuare a leggere tutto l’articolo sul Magazine Family Health pubblicato il 5 novembre 2019:

http://magazine.familyhealth.it/2019/11/05/quello-figli-non-dicono-vissuto-tanti-figli-subiscono-le-separazioni-conflittuali/