Segnali prostituzione

Quali sono i segnali della prostituzione minorile?


La prostituzione minorile è un fenomeno molto diffuso soprattutto nella fascia di età che va dai 12 ai 16-17 anni. In questi ultimi anni stanno dilagando le forme di prostituzione legate all’uso di computer e smartphone.

Perché sta diventando un fenomeno allarmante?

La diffusione della prostituzione digitale sfugge più facilmente alle forme di controllo, sia genitoriali che delle forze dell’ordine, per cui diventa estremamente complesso arginare il fenomeno e quantificarne l’estensione.

Importante! Anche se sono comportamenti “virtuali”, in cui non c’è il contatto fisico, i segni lasciati a livello psicologico sono piuttosto profondi. Nella rete le tracce rimangono sempre e la  propagazione dei video e delle immagini è inarrestabile! Questo comporta il rischio di una devastazione psichica proporzionata all’entità della diffusione.

Attenzione! NON è un fenomeno non solo femminile, anche tanti maschi si prostituiscono e riguarda anche gli adolescenti che conducono una vita agiata.

Bisogna ricordare che molto spesso non ci si prostituisce solo per soldi, ma anche per sfida con se stessi, per un “gioco” con gli amici, per una ricerca di sensazioni forti o più frequentemente per approvazione sociale, per cui si chiedono in cambio vestiti firmati o mezzi tecnologici di ultima generazione per essere alla moda.

Quali sono i segnali a cui devono stare attenti i genitori?

Bisogna stare attenti:

– Ai repentini cambiamenti delle abitudini;

– A monitorare l’uso di internet e degli smartphone;

– Vedere se i figli si chiudono dentro la propria stanza senza voler fare vedere cosa stanno facendo con il computer o con il telefono, o se cambiano immediatamente schermata quando vi vedono entrare;

– Fanno uso di un intimo particolare, giustificandolo magari con il fatto che gli è stato regalato;

– Iniziano a non chiedere più soldi o a chiederne meno rispetto a prima;

– Si comprano le cose da soli;

– Si comprano cose che non si potrebbero permettere con la “paghetta” che gli date;

– Iniziano a nascondere le cose;

– Giustificano tutti i nuovi “acquisti” con qualche lavoretto che hanno trovato tramite amicizie, come per esempio il volantinaggio o vi dicono che hanno curato le Pubblic Relation di un locale o vi dicono che glieli hanno prestati e che non sono i loro;

– In genere si comprano strumenti tecnologici o vestiti firmati. Attenzione, spesso fanno anche uso di droghe;

– Chiedono di stare spesso fuori  casa, di andare a dormire da un’amica/o;

– La mattina sono molto stanchi e rispetto a prima, non riescono ad alzarsi o sono totalmente assenti perché magari passano gran parte della notte online a scambiarsi immagini, video o a fare sesso virtuale;

– Hanno un forte calo nelle attività scolastiche e sportive (qualora ci fossero).

Importante!!!!! Questi indicati sono segnali che possono essere presenti nei casi di prostituzione minorile, ma questo NON significa che, se un adolescente presenta uno di questi comportamenti, sia vittima della prostituzione minorile.

di Maura Manca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *