8-regole-buon-genitore

Giocare con i figli? Sì, ma non fatelo controvoglia!


Nella routine quotidiana per molti genitori diventa importante riuscire a ritagliarsi dei momenti per giocare con i figli e condividere delle attività insieme a loro. Presi dal lavoro e dai mille impegni della settimana, spesso si è stanchi la sera e trovare quel tempo di gioco può essere davvero faticoso.

Molte volte capita però che per colmare l’assenza e i sensi di colpa, il genitore faccia di tutto per accontentare il figlio e giocare con lui, anche controvoglia: lo fa pensando che in questo modo si comporta da “buon genitore”, facendo capire al figlio che per lui c’è sempre. Ma è sempre bene fare così?

In realtà, non è mai un bene che i genitori si mettano a giocare con i figli quando non ne hanno voglia, facendolo solo per senso del dovere: in queste situazioni, infatti, lo faranno in modo forzato, non spontaneo, rischiando di passare anche un messaggio sbagliato ai più piccoli.

rinforzo figli

Giocare con i figli è importante ma deve essere un piacere condiviso!

Se il gioco non è desiderato, nessuno si diverte davvero e i bambini non traggono beneficio da questi momenti.

Sebbene molte volte i figli richiedano la presenza degli adulti per giocare, in quel momento hanno bisogno di attenzioni e di una condivisione autentica per ritrovare una certa vicinanza affettiva con il genitore. Se però l’adulto non è motivato, è disattento o stanco, rischia di trascorrere con i figli un tempo di gioco che non è di qualità.

Se i bambini vogliono stare con voi, rispondete accogliendo quel bisogno, dategli presenza e dialogo, ma senza sforzarvi sempre di giocare con loro: meglio rimandare quella attività, dando loro spazio e tempi adeguati.

È importante riuscire a creare occasioni per stare insieme, nutrire il rapporto e divertirsi anche in momenti differenti dalla routine quotidiana dettata dai ritmi lavorativi e scolastici.

Quando si gioca con i figli non bisogna farlo controvoglia o con la testa altrove: è meglio curare una presenza e una disponibilità autentica che rimandi al bambino l’importanza e il valore di quel momento!

Non si deve mai smettere di giocare con i figli, neanche quando diventano grandi

Redazione AdoleScienza.it