cuscino abbraccio

Il cuscino che “abbraccia” i neonati


Dopo le app che promettono di analizzare e decodificare il pianto del neonato, arriva dall’Inghilterra un cuscino “speciale” in grado di imitare il battito del cuore dei genitori. Tra le motivazioni che hanno spinto i costruttori a realizzare tale idea sembra esserci la convinzione che in questo modo il bambino, dopo essere stato sistemato sul cuscino, non avrebbe bisogno di essere cullato e tenuto in braccio per addormentarsi.

Ciò sembra essere proposto come una risposta alla mancanza di tempo, alla fatica e allo stress che i genitori possono sperimentare, delegando ad un oggetto una delle principali e più importanti funzioni materne e genitoriali. Sembrano esserci, poi, anche effetti fisiologici positivi legati ad esempio ad una riduzione di rigurgiti e coliche.

Tuttavia, oltre che all’oggetto in sé, dobbiamo sempre prestare attenzione alle modalità di comunicazione e alle pubblicità di prodotti e strumenti per la cura dei bambini: può un cuscino promettere di sostituire l’abbraccio di mamma e papà?

 

 Redazione AdoleScienza.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *