metodo studio

Perché non riesco a memorizzare? Piccole strategie per trovare il proprio metodo di studio


Se la nostra memoria può conservare e recuperare informazioni anche nel lungo periodo, perché è così difficile ricordare alcuni concetti e alcune nozioni dopo aver studiato e ripetuto varie volte?

Molti ragazzi sperimentano la difficoltà di recuperare quanto studiato, nonostante l’impegno e il tempo dedicato e riferiscono la sensazione che “le parole e le pagine lette proprio non vogliono entrare nella testa”. Si può così approcciare lo studio percependosi come inadeguati o non abbastanza capaci e tali vissuti hanno, a loro volta, un EFFETTO NEGATIVO su apprendimento, concentrazione, motivazione. Ci si può sentire bloccati, diventa difficile mettersi in gioco rispetto a quanto appreso, si tende a rinunciare e non esprimersi (in una interrogazione, una verifica o semplicemente nel rispondere ad una domanda davanti ai compagni) e questo può, nel tempo, confermare le paure sperimentate e demotivare ulteriormente.

Come affrontare lo studio e trovare il proprio metodo?

– Stabilite degli OBIETTIVI CHIARI, concreti e facilmente raggiungibili.

– Datevi delle PRIORITA’ rispetto al carico di studio.

– Eliminate eccessive FONTI DI DISTRAZIONE nel tempo da dedicare allo studio.

– Quando la materia proprio non vi piace, DATEVI DEI TEMPI: iniziate, ad esempio, a studiare la materia per voi più faticosa (la mente è più fresca, siete meno stanchi ed è un po’ più semplice mantenere la concentrazione) e, dopo una piccola pausa, riprendete con una materia che vi appassiona di più.

– Durante la lettura dei testi, individuate le parole chiave, utili a spiegare un concetto e recuperare possibili collegamenti, prendete appunti, fate una vostra sintesi utilizzando schemi, riassunti, tabelle o mappe utilizzando le parole chiave.

– Anche se può essere noioso e talvolta proprio non vi va, ripassate spiegando i concetti con parole vostre e nella modalità che più vi aiuta a semplificarli.

– SUDDIVIDETE IL MATERIALE da studiare in capitoli o unità che vi permettano di pianificare lo studio in modo più semplice, senza sentirsi sopraffatti dalla quantità!

– Soprattutto, ricordate che il tempo necessario per studiare e apprendere non è uguale per tutti: alcuni riescono a farlo più velocemente, altri hanno bisogno di ripetere e ritornare sui concetti più volte prima di farli propri e riuscire ad elaborarli. Non c’è nulla di sbagliato nell’aver bisogno di un tempo maggiore!

 

 Redazione AdoleScienza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *