ruolo genitore scelta scolastica

Rendimento scolastico: quanto incide l’aspettativa genitoriale?


Numerosi studi evidenziano che le aspettative positive dei genitori e il loro atteggiamento hanno effetti sostanziali sul rendimento scolastico dei loro figli.

Tuttavia è importante sottolineare che aspettative elevate e poco realistiche, basate sull’eccessivo perfezionismo, sono assolutamente controproducenti, al punto di ottenere il risultato opposto e incidendo anche sul benessere psicologico dei figli.

Murayama e colleghi (2015) sottolineano come “La ricerca ha rivelato aspetti positivi e negativi dell’aspettativa dei genitori sul rendimento scolastico dei loro figli. Anche se l’aspirazione dei genitori può aiutare a migliorare il rendimento scolastico dei ragazzi, una dose eccessiva può essere assolutamente velenosa”.

I dati analizzati sono di uno studio longitudinale condotto in Germania, dal 2002 al 2007 su 3.530 studenti della scuola secondaria (49,7% donne) e sui loro genitori. Il lavoro ha valutato i risultati ottenuti dagli studenti in matematica e l’aspirazione (quanto vogliono che il figlio acquisisca un determinato voto) e le aspettative (quanto ritengono che il figlio possa acquisire un certo voto) dei genitori, su base annua.

I risultati emersi suggeriscono che un’aspettativa elevata dei genitori può essere dannosa per la realizzazione dei figli, confermando che quando l’aspirazione supera le aspettative, i risultati dei ragazzi diminuiscono in proporzione.

Quanto pesa il carico delle aspettative genitoriali sulla psiche del figlio?

Il carico delle aspettative che il figlio subisce pesa psicologicamente sullo sviluppo della personalità del ragazzo, incidendo notevolmente sull’autostima ed il senso di realizzazione di sé.

Tale pressione si manifesta con una diminuzione dell’auto-efficacia, associata a sentimenti di inadeguatezza e ad emozioni di realizzazione negative, come l’ansia da prestazione e la conseguente frustrazione di non aver raggiunto gli obiettivi stabiliti o averli raggiunti al di sotto delle aspettative genitoriali.

L’andamento ed il rendimento scolastico sono considerati troppo spesso dai genitori come indice di salute e benessere a discapito degli aspetti personali ed emotivi.

E’ importante che i ragazzi sentano che ai genitori sta più a cuore il fatto che riescano ad esprimersi trovando una propria dimensione, piuttosto che percepire la pressione, anche indiretta, del dover obbligatoriamente raggiungere risultati brillanti. La libertà di fare delle scelte, di esplorare diversi campi di esperienza, di fare dei tentativi per prove ed errori e anche di sbagliare, è fondamentale per uno sviluppo equilibrato e può portare il ragazzo a voler raggiungere da sé obiettivi soddisfacenti e adeguati alla sua personalità ed ai suoi tempi di realizzazione.

Redazione Adolescienza.it

Riferimenti Bibliografici

Murayama K., Marsh H.W., Pekrun R., Suzuki M., Lichtenfeld S. (2015). Don’t Aim Too High for Your Kids: Parental Overaspiration Undermines Students’ Learning in Mathematics. Journal of Personality and Social Psychology. http:// dx.doi.org/10.1037/pspp0000079

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *