Sonno a scuola

Sonno e riuscita scolastica


Per ottenere buoni voti a scuola è necessario dormire a sufficienza

Il sonno è fondamentale per l’ apprendimento, la memoria e per la prestazione scolastica di bambini e adolescenti. Poche ore di sonno durante la notte, l’interruzione del sonno, l’andare a letto molto tardi e lo svegliarsi troppo presto, possono influenzare seriamente le funzioni cognitive e le prestazioni scolastiche.

Alcuni studiosi dell’Università di Amsterdam hanno mostrato che la prestazione scolastica degli adolescenti, dipende principalmente dal livello di sonnolenza, dalla qualità del sonno, cioè da quanto il sonno è “profondo” e riposante e, dalla quantità di sonno, cioè dal numero di ore effettivamente “dormite” (Dewald et al., The influence of sleep quality, sleep duration and sleepiness on school performance in children and adolescents: A meta-analytic review. Sleep Medicine Reviews 2010,14:179-189).

I diversi studi presi in considerazione indicano che, chi:

– ha delle abitudini di sonno regolari che lo portano a soffrire meno di sonnolenza;

– ha una migliore qualità del sonno perché ha un sonno più riposante;

– dorme per un numero sufficiente di ore per notte,

TENDE AD OTTENERE VOTI PIÙ ALTI A SCUOLA!

Gli adolescenti più giovani, tendenzialmente maschi, sono più vulnerabili ad un sonno insufficiente o poco profondo. Non ci dobbiamo dimenticare delle cattive abitudini dei ragazzi di oggi, che giocano a videogiochi fino a tarda notte, che trafficano su internet anche in piena notte e che dormono con il cellulare sempre accesso.

Quindi, ragazzi,  se volete ottenere dei voti migliori a scuola, NON dimenticate di dormire a sufficienza e di andare a scuola ben riposati.

Se poi a questo aggiungete anche qualche ora di studio, il gioco è fatto!

 di Giuseppe Curcio