condivisione


Sexting tra gli studenti, è allarme rosso

I pericoli della “rete” aumentano. Soprattutto fra gli adolescenti che ne sono i maggiori fruitori. Quando poi la rete diventa il mezzo per la comunicazione intima, per la diffusione di foto e video osé, il problema è preoccupante, con conseguenze che possono essere devastanti per la vita futura di adulti e ragazzini. E questo […]

sexting

film horror

Figli attratti dai film horror. È normale o c’è da preoccuparsi?

Molti genitori ci chiedono quanto sia normale che i figli siano attratti dai film dell’orrore e come fare a regolarsi rispetto alla visione di questi contenuti. Accade spesso, infatti, che i ragazzi, soprattutto in preadolescenza, inizino ad accantonare film leggeri e cartoni animati per avvicinarsi sempre di più a materiale […]


Giocare con i figli? Sì, ma non fatelo controvoglia!

Nella routine quotidiana per molti genitori diventa importante riuscire a ritagliarsi dei momenti per giocare con i figli e condividere delle attività insieme a loro. Presi dal lavoro e dai mille impegni della settimana, spesso si è stanchi la sera e trovare quel tempo di gioco può essere davvero faticoso. […]

8-regole-buon-genitore

suicidio social

Cosa può spingere un adolescente a suicidarsi dopo un sondaggio su Instagram

l caso della ragazza di 16 anni che si è lanciata dal balcone della sua abitazione dopo un sondaggio sui social ha fatto molto scalpore. Ma la verità è che la giovane era già “morta psicologicamente”, e forse i social c’entrano poco. I bambini e gli adolescenti utilizzano i social […]


Baby gang e criminalità minorile. Dove stiamo arrivando? Maura Manca ne ha parlato a TgCom 24

Reati in crescita purtroppo proprio tra i più piccoli: l’età di questi ragazzi, infatti, si sta abbassando drasticamente e il fenomeno è sempre più trasversale perché coinvolge adolescenti provenienti da diverse realtà sociali. Sono normalmente violenti, per loro è un divertimento rinforzato da tutte quelle persone che nel non intervenire […]

tgcom

Zepeto: la App più scaricata dagli adolescenti. Cosa devono sapere i genitori?

Zepeto è la app più scaricata dai ragazzi che permette di creare un personaggio virtuale partendo dalla propria immagine reale. Come tutti i social network nasce per creare una rete di condivisione ma può nascondere anche dei pericoli. Sicuramente non ci si può annoiare con la tecnologia. Quasi all’ordine del giorno […]

chat 2

Video e foto intimi sempre più condivisi in rete anche dai bambini

Social e chat rappresentano per gli adolescenti veri e propri luoghi di incontro, spazi di condivisione e comunicazione fatta per lo più da immagini, frasi brevi e dirette, hashtag, in cui si mette in gioco la propria immagine e la propria identità digitale. Si è stravolta anche l’idea di condivisione, si […]

seso virtuale web

ARTICOLI CORRELATI

Come si diventa autolesionisti. Consigli per i genitori alle prese con l’autolesionismo

self harm

NON SEMPRE PARLANO CON LE PAROLE Quando sono invasi da un profondo dolore e dalla paura di non essere accolti dal genitore, gli adolescenti preferiscono scrivere, un messaggio, un email, una lettera alla mamma o al papà, perché hanno paura del confronto, della loro reazione, di guardarli negli occhi, di ferirli e di ricevere una...
LEGGI TUTTO

Suicidio e cyberbullismo. A quali segnali fare attenzione? Un’intervista a Maura Manca sul Quotidiano Nazionale

suicidio social

Ragazzi che tentano il suicidio o che si tolgono la vita: purtroppo accade sempre più spesso, come testimoniato dai numerosi casi di cronaca. In questi ultimi anni, stiamo assistendo ad un incremento dei tentativi di suicidio fin dalla tenera età, a conferma della fragilità di questi adolescenti. La procura di Roma indaga per istigazione al...
LEGGI TUTTO

Terribile ma vero, anche i docenti a volte bullizzano: quali conseguenze su bambini e ragazzi?

Tired school boy with hand on face sitting at desk in classroom. Bored schoolchild sitting at desk with classmates in classroom. Frustrated and thoughtful young child sitting and looking up.

Gli ultimi episodi di violenza sui bambini da parte dei propri insegnanti deve portare la scuola italiana a interrogarsi su come affrontare un fenomeno che tende più di altri a rimanere sommerso, iniziando a pensare che del corpo docente si debba valutare anche l’idoneità psichica alla professione. Si è sentito parlare spesso di ragazzi, di...
LEGGI TUTTO

Chat e gruppi pericolosi all’oscuro dei genitori. Bisogna controllare lo smartphone dei ragazzi? Maura Manca a Radio 24

Young boy looking at her friend smoking sitting on staircases

Gruppi nelle chat o sui social che inneggiano alla violenza e all'odio purtroppo nascono come funghi. Ha colpito tutti la chat denominata da diversi ragazzini, molti dei quali minorenni, "The Shoah party". Su WhatsApp hanno creato il gruppo in cui condividevano contenuti atroci e violenti, giravano video pedopornografici, insulti razziali, slogan inneggianti a Hitler, all'Isis,...
LEGGI TUTTO

Quando l’amore diventa ossessione: come difendersi da chi ci perseguita

stalking-uomo

Lo stalking - termine inglese che identifica qualsiasi tipo di atto persecutorio nei confronti di un’altra persona - è un fenomeno tristemente diffuso, anche nel nostro Paese. Talmente tanto che dal 2009 è presente nel nostro ordinamento una legge apposita per regolare tale condotta che, da quel momento, è a tutti gli effetti un reato....
LEGGI TUTTO

Chat di odio, razzismo e violenze a sfondo sessuale. Il lato oscuro delle chat e di tanti adolescenti

adolescenti-cellulare

Le manifestazioni e le intenzioni di chi mette in atto comportamenti mossi dall’odio si manifestano con sfaccettature anche molto differenti tra loro. Uno degli aspetti più preoccupanti di questo fenomeno è proprio il fatto che, i ragazzi, non si rendono conto della gravità di ciò che pensano, che dicono e che mettono in pratica. Tutto...
LEGGI TUTTO

Quando le vittime vengono accusate di essere colpevoli della morte di un figlio. La madre di Desirée denunciata per abbandono di minore

giustizia per desirée per ado

Ho conosciuto di persona la mamma di Desirée. Ho avuto la possibilità di confrontarmi con lei, di ascoltare le sue parole, di guardarla negli occhi e di stringerle la mano. Non credo ci si renda conto di cosa significhi perdere una figlia in un modo così atroce, disumano e brutale; ricevere quella telefonata che nessun...
LEGGI TUTTO