rifugi virtuali


Nell’inferno invisibile dell’autolesionismo

In Italia, 2 adolescenti su 10 dichiarano di aver messo in atto condotte autolesive. L’età media in cui si inizia è 12 anni. Sui social più utilizzati dai ragazzi, si trovano tutorial su come tagliarsi senza farsi scoprire, per diventare sempre più invisibili. Quanto è diffuso l’autolesionismo? Secondo l’ultimo report dell’Osservatorio […]

autolesionismo

autolesionismo e social network

Figli che si fanno male. L’autolesionismo in adolescenza, un problema nascosto

L’autolesionismo rappresenta un fenomeno di indubbia rilevanza clinica e sociale, soprattutto per la sua gravità e considerevole diffusione nella popolazione adolescenziale, già a partire dagli 11-12 anni di età. Tali condotte autolesive sono l’espressione di un profondo stato di malessere e di disagio interiore che il ragazzo scarica sul proprio […]


Cyber Coaching in diretta su facebook per genitori e insegnanti

Microsoft Italia insieme al Centro Nazionale Anti-Cyberbullismo (CNAC) partirà con la nuova campagna di prevenzione dai rischi online. L’evento è promosso da Safer Internet Centre Italiano – Generazioni Connesse nell’ambito delle iniziative realizzate in occasione del Safer Internet Day 2018 in Italia. A partire da giovedì 29 marzo alle ore 18, a […]

cyber coaching

autolesionismo cutting

Autolesionismo nei social e nelle chat di gruppo: l’influenza del digitale


Dai siti pro-ana ai gruppi WhatsApp per diventare pelle e ossa. Cosa devono fare i genitori

Sono ormai molti gli adolescenti, soprattutto ragazze, che utilizzano quegli spazi del web, definiti pro-ana ovvero pro-anoressia, come dei veri e propri rifugi virtuali, alla ricerca di condivisione, di sostegno, di metodi e consigli su come perdere drasticamente peso e arrivare alla magrezza estrema. Solitamente utilizzano account finti per non […]

corpo magrezza

pro ana

Blog e chat pro anoressia. Ascoltiamo i ragazzi per non darli in pasto ai blogger

Crescere con l’ossessione dell’apparenza, non sentendosi mai adeguati e soddisfatti di sé, è estremamente dannoso, e può determinare vissuti di insicurezza e scarsa autostima. Molte ragazze cercano all’interno di blog, o in pagine specifiche nel web, anche suggerimenti e consigli per avere un corpo magro e perfetto. Purtroppo si può […]


Autolesionismo, quando il dolore non trova altra via d’uscita. Maura Manca spiega cosa scatta nella testa di questi ragazzi

Su Radio Rai 1, nella trasmissione Life, condotta da Annalisa Manduca, la dott.ssa Maura Manca ha parlato di autolesionismo, un fenomeno sempre più diffuso tra gli adolescenti, ma ancora troppo sottovalutato. Questi ragazzi soffrono in silenzio, scaricano le tensioni emotive sul proprio corpo, hanno difficoltà a raccontare ciò che vivono […]

life

self harm

Qual è la differenza tra autolesionismo e giochi autolesivi?

La rete è inondata di articoli, servizi e notizie che fanno riferimento a “giochi” in cui ci si fa intenzionalmente del male, mettendo in allarme tutti sui pericoli a cui sono esposti i ragazzi: purtroppo si arriva a trattare certi argomenti tardi, solo dopo che ci si accorge che qualcosa […]


Gli autolesionisti comunicano col corpo, e chiedono di essere accettati. Maura Manca spiega il fenomeno sommerso

L’autolesionismo è estremamente diffuso nel nostro Paese, infatti interessa oltre 2 adolescenti su 10, che a partire dagli 11-12 anni di età nel silenzio della loro stanza e del bagno si tagliano, si graffiano, si bruciano, danno pugni al muro, si creano contusioni e scarificazioni. Il 50% degli adolescenti autolesionisti […]

autolesionismo e social network

ARTICOLI CORRELATI

Come si diventa autolesionisti. Consigli per i genitori alle prese con l’autolesionismo

self harm

NON SEMPRE PARLANO CON LE PAROLE Quando sono invasi da un profondo dolore e dalla paura di non essere accolti dal genitore, gli adolescenti preferiscono scrivere, un messaggio, un email, una lettera alla mamma o al papà, perché hanno paura del confronto, della loro reazione, di guardarli negli occhi, di ferirli e di ricevere una...
LEGGI TUTTO

La generazione dei bambini iperconnessi. Saperlo usare, non significa essere pronti per usarlo

smartphone child

Sono iperconnessi da quando nascono, da quando vengono al mondo. Non hanno ancora avuto l’imprinting con la madre, con quel sorriso e quel volto materno ricoperto di gioia, che davanti ai loro occhi si presenta quell’oggetto che gli terrà compagnia per tutto il resto della vita. Tutte le fasi della loro crescita sono certificate e...
LEGGI TUTTO

Suicidio e cyberbullismo. A quali segnali fare attenzione? Un’intervista a Maura Manca sul Quotidiano Nazionale

suicidio social

Ragazzi che tentano il suicidio o che si tolgono la vita: purtroppo accade sempre più spesso, come testimoniato dai numerosi casi di cronaca. In questi ultimi anni, stiamo assistendo ad un incremento dei tentativi di suicidio fin dalla tenera età, a conferma della fragilità di questi adolescenti. La procura di Roma indaga per istigazione al...
LEGGI TUTTO

Terribile ma vero, anche i docenti a volte bullizzano: quali conseguenze su bambini e ragazzi?

Tired school boy with hand on face sitting at desk in classroom. Bored schoolchild sitting at desk with classmates in classroom. Frustrated and thoughtful young child sitting and looking up.

Gli ultimi episodi di violenza sui bambini da parte dei propri insegnanti deve portare la scuola italiana a interrogarsi su come affrontare un fenomeno che tende più di altri a rimanere sommerso, iniziando a pensare che del corpo docente si debba valutare anche l’idoneità psichica alla professione. Si è sentito parlare spesso di ragazzi, di...
LEGGI TUTTO

Chat e gruppi pericolosi all’oscuro dei genitori. Bisogna controllare lo smartphone dei ragazzi? Maura Manca a Radio 24

Young boy looking at her friend smoking sitting on staircases

Gruppi nelle chat o sui social che inneggiano alla violenza e all'odio purtroppo nascono come funghi. Ha colpito tutti la chat denominata da diversi ragazzini, molti dei quali minorenni, "The Shoah party". Su WhatsApp hanno creato il gruppo in cui condividevano contenuti atroci e violenti, giravano video pedopornografici, insulti razziali, slogan inneggianti a Hitler, all'Isis,...
LEGGI TUTTO

Quando l’amore diventa ossessione: come difendersi da chi ci perseguita

stalking-uomo

Lo stalking - termine inglese che identifica qualsiasi tipo di atto persecutorio nei confronti di un’altra persona - è un fenomeno tristemente diffuso, anche nel nostro Paese. Talmente tanto che dal 2009 è presente nel nostro ordinamento una legge apposita per regolare tale condotta che, da quel momento, è a tutti gli effetti un reato....
LEGGI TUTTO

Chat di odio, razzismo e violenze a sfondo sessuale. Il lato oscuro delle chat e di tanti adolescenti

adolescenti-cellulare

Le manifestazioni e le intenzioni di chi mette in atto comportamenti mossi dall’odio si manifestano con sfaccettature anche molto differenti tra loro. Uno degli aspetti più preoccupanti di questo fenomeno è proprio il fatto che, i ragazzi, non si rendono conto della gravità di ciò che pensano, che dicono e che mettono in pratica. Tutto...
LEGGI TUTTO